• Atalanta
  • Bologna
  • Cagliari
  • Chievo
  • Crotone
  • Empoli
  • Fiorentina
  • Genoa
  • Inter
  • Juventus
  • Lazio
  • Milan
  • Napoli
  • Palermo
  • Pescara
  • Roma
  • Sampdoria
  • Sassuolo
  • Torino
  • Udinese
  • Champions league
  • Coppa Italia
  • Europa league
  • Italia
  • Lega PRO
  • Serie A
  • Serie B

Calciomercato > > IL PAGELLONE DI CALCIOMERCATO.IT: Toni bomber senza tempo, Carmona rosso ingenuo

IL PAGELLONE DI CALCIOMERCATO.IT: Toni bomber senza tempo, Carmona rosso ingenuo

Top e Flop della 27a giornata di Serie A secondo i voti dei nostri inviati


Luca Toni (Getty Images)
Emiliano Forte

16/03/2015 07:48

PAGELLONE, TONI CARMONA 27A GIORNATA / ROMA - Per la 27a di campionato la capolista Juventus, impegnata sul difficile campo del Palermo, trova una vittoria preziosissima grazie ad una giocata da campione di Alvaro Morata. Una prodezza che conferma la crescita del giovane attaccante spagnolo ex Real capace di scalare le gerarchie nell'attacco bianconero e di diventare una pedina fondamentale nel gioco di Max Allegri. Cade invece il Napoli in casa del Verona sotto i colpi di un Luca Toni implacabile che stravince il confronto con Britos e compagni. Al pari del Verona trionfa anche il Chievo in casa del Genoa trascinato dalla determinazione e dall'opportunismo di un grande Alberto Paloschi. Altra prestazione stellare quella di Nicola Sansone che a suon di gol, scatti brucianti ed assist lancia il Sassuolo e schianta il Parma. Da dimenticare la domenica di Carmona che lascia in 10 i suoi in Atalanta-Udinese dopo un fallo tanto brutto quanto evitabile su Allan.

 

TOP

5.Joao Pedro (Cagliari) - Zeman lo sistema sulla linea dei centrocampisti al fianco di Dessena e Crisetig ed il brasiliano sfodera una prestazione maiuscola per certi versi anche sorprendente. Non esce mai dalla partita, anzi è perfetto sia in fase di costruzione di gioco che d'interdizione. Trova anche un gol per palati sopraffini; un destro ad effetto di rara precisione, scagliato dal limite che non lascia scampo a Sepe. Sorpresa. VOTO 7

4.Morata (Juventus) - Dopo un'ora di gioco durante la quale la Juventus non è riuscita a scardinare la difesa rosanero lo spagnolo viene mandato in campo da Allegri e le sorti del match cambiano. Morata entra con il piglio giusto, sfrutta al meglio la sua rapidità e le doti tecniche per mette sotto pressione i difensori di Iachini e puntare la porta di Sorrentino. A 10 minuti dal suo ingresso sfodera un colpo da campione: controllo e sinistro a giro dal limite dell'area che si infila alla destra del portiere. Una prodezza che vale 3 punti pesantissimi raccolti su un campo dove vincere è difficile per tutti. Tiratore scelto. VOTO 7

3.Sansone (Sassuolo) - Protagonista indiscusso al 'Mapei Stadium'. Incisivo e decisivo al punto tale da relegare a ruolo di comparse i più osannati compagni di reparto Zaza e Berardi. Apre il suo show personale con una rete di opportunismo a pochi passi dalla linea di porta per poi bissare con un siluro dalla distanza che riporta avanti i suoi. Non contento costringe al fallo da rigore il povero Mirante e serve a Missiroli l'assist perfetto per il poker finale. Devastante. VOTO 7,5

2.Paloschi (Chievo) - Lotta su ogni pallone, non si risparmia nella ricerca di soluzioni offensive e come gli attaccanti più spietati sa aspettare il momento giusto per colpire. Momento che arriva ad inizio ripresa quando scatta sul filo del fuorigioco e supera con freddezza Perin. Non contento impiega poco meno di 20 minuti per concedere il bis con un destro al volo che affossa il Genoa e lancia verso la vittoria il Chievo. Spietato. VOTO 8

1.Toni (Verona) - Lotta su ogni pallone con una voglia matta di imporsi e di sorprendere manco fosse un ragazzino. Il talento è ancora intatto e alla soglia dei 38 anni continua a splendere sorretto da una determinazione fuori dal comune. Contro il Napoli va in gol per ben due volte facendo valere come meglio non potrebbe le sue doti fisiche e tecniche. Travolgente. VOTO 8

 

FLOP

5.Kuzmanovic (Inter) - Gioca un primo tempo incolore dove rimane sulle sue senza particolari sussulti. Nel frattempo il Cesena passa anche in vantaggio con Defrel ma il centrocampista serbo continua a latitare così Mancini decide di richiamarlo in panchina. Calma piatta. VOTO 5

4.Bergdich (Genoa) - Del centrocampista marocchino nel corso del primo tempo quasi non vi è traccia; relegato ai margini del gioco combina poco o nulla. Non a caso Gasperini nel tentativo di dare una scossa ai suoi nella ripresa, decide di sostituire proprio lui e mandare in campo Borriello. Invisibile. VOTO 5

3.Santacroce (Parma) - Rimane in campo solo un tempo durante il quale soffre maledettamente la spinta costante del terzino neroverde Longhi ed il mix esplosivo di rapidità e tecnica del trio Zaza, Berardi, Sansone. In particolare è quest'ultimo a guidare gli assalti all'area gialloblu e costringere alla resa il difensore ex Napoli che dopo 45' lascia il posto a Cassani. Frastornato. VOTO 5

2.Britos (Napoli) - Soffre l'approccio propositivo e particolarmente aggressivo del Verona e viene sovrastato, così come i compagni di reparto, dalla voglia di gol di un fenomenale Luca Toni. Nei momenti di maggiore pressione non è sufficientemente attento e reattivo. Approssimativo. VOTO 4,5

1.Carmona (Atalanta) - Rovina la sua gara e rischia di compromettere quella dei suoi compagni facendosi espellere ad un quarto d'ora dalla fine per un brutto fallo su Allan. In un momento così delicato per l'Atalanta dove è in gioco la permanenza in Serie A è d'obbligo aspettarsi più attenzione in situazioni del genere. Avventato. VOTO 4




Commenta con Facebook