• Atalanta
  • Bologna
  • Cagliari
  • Chievo
  • Crotone
  • Empoli
  • Fiorentina
  • Genoa
  • Inter
  • Juventus
  • Lazio
  • Milan
  • Napoli
  • Palermo
  • Pescara
  • Roma
  • Sampdoria
  • Sassuolo
  • Torino
  • Udinese
  • Champions league
  • Coppa Italia
  • Europa league
  • Italia
  • Lega PRO
  • Serie A
  • Serie B

Calciomercato > Inter > Inter-Celtic, Mancini: "Una partita può cambiare tutto. Icardi? Molto dipenderà da..."

Inter-Celtic, Mancini: "Una partita può cambiare tutto. Icardi? Molto dipenderà da..."

Il tecnico nerazzurro ha parlato alla vigilia del match di Europa League


Roberto Mancini (Getty Images)
Andrea Corti (@cortionline)

25/02/2015 15:00

INTER CELTIC CONFERENZA MANCINI / MILANO - Dopo il 3-3 ottenuto in Scozia, l'Inter domani a 'San Siro' è chiamata a sfidare il Celtic Glasgow nella sfida di ritorno dei sedicesimi di Europa League. Il tecnico nerazzurro Roberto Mancini ha parlato ai giornalisti nella conferenza stampa della vigilia: "Le tre vittorie sono arrivate in un periodo con tante partite, non c'è stato tempo per godercele. Domani potremo essere più rilassati, ma una partita può cambare tutto quindi la testa e la concentrazione devono continuare ad esserci".

PUBBLICO - "A San Siro ha sempre avuto un peso, dipenderà da noi se riusciremo a farli venire allo stadio. Domani ci sarà gente, non è una partita così semplice. Gli scozzesi non mollano mai".

ERRORI - Le news Inter negli ultimi giorni sono concentrate sulle vittorie ma anche su alcune disattenzioni: "Quello che è successo a Cagliari può capitare, quando si è reduci da una partita di coppa ci può stare un po' di appannamento. Dobbiamo migliorare nella gestione della palla. Ma ci sono anche gli avversari: come il Celtic a Glasgow il Cagliari ha capito le nostre difficoltà e ha provato ad approfittarne".

PARTITE - "Da giocatore ho sempre preferito giocare. La partita è la cosa più bella. Se i giocatori a scendere in campo sono sempre gli stessi diventa un po' stancante. Abbiamo trovato un assetto che ci dà sicurezza, cambiare non è semplice anche se qualcosa dovremo modificare durante queste due partite".

TERZO POSTO - "Se la Juve rallentasse potremmo raggiungerla (sorride, ndr). Tre vittorie ci danno solo più confidenza, e questo è importante. Ma è inutile guardare la classifica, non è ancora adatta all'Inter, la guarderemo più avanti. Il nostro obiettivo è quello di crescere, fare la partita e gestirla senza rischiare niente".

ICARDI - Poi Mancini ha parlato di Icardi, che molte voci di calciomercato vedono come possibile partente: "Credo che abbia margini di miglioramento enormi per l'età che ha. Può migliorare sotto tutti i punti di vista ed essere un grandissimo centravanti nei prossimi 10 anni. Molto dipenderà da cosa faremo alla fine della stagione. L'Inter è sempre l'Inter e ha bisogno di bravi giocatori".




Commenta con Facebook