• Atalanta
  • Bologna
  • Cagliari
  • Chievo
  • Crotone
  • Empoli
  • Fiorentina
  • Genoa
  • Inter
  • Juventus
  • Lazio
  • Milan
  • Napoli
  • Palermo
  • Pescara
  • Roma
  • Sampdoria
  • Sassuolo
  • Torino
  • Udinese
  • Champions league
  • Coppa Italia
  • Europa league
  • Italia
  • Lega PRO
  • Serie A
  • Serie B

Calciomercato > Viaggi > Viaggi, è in arrivo in Giappone l’hotel con robot-lavoratori

Viaggi, è in arrivo in Giappone l’hotel con robot-lavoratori

Aprirà a luglio e tra lo staff ci saranno dieci robot pronti ad accogliere clienti al loro arrivo nella struttura


Robot (Getty Images)

10/02/2015 17:21

VIAGGI  IN GIAPPONE HOTEL CON 10 ROBOT COME IMPIEGATI / ROMA - Belle ragazze alla reception? Aitanti facchini? Baristi simpatici? Non li troverete all'Henn-na hotel in Giappone dove il personale sarà formato per la maggior parte da robot sempre disponibili al servizio dei clienti. Per fare check-in, portare i bagagli in camera, ordinare una bibita al bar, pulire la camera o far lavare i vestiti, l'interlocutore sarà spesso un androide.

L’hotel super tecnologico aprirà i battenti a luglio nella prefettura di Nagasaki con 72 camere, a cui durante il corso del 2016 se ne aggiungeranno altrettante in un secondo edificio all'interno del parco a tema Huis Ten Bosch. La tecnologia sarà il leitmotive in quasi tutti gli ambiti: per accedere, per esempio, alle camere dove non servirà la chiave, perché l'apertura delle porte avverrà mediante riconoscimento facciale.

10 ROBOT - Tra lo staff ci saranno dieci robot, tre dei quali multilingua, pronti ad accogliere clienti e turisti al loro arrivo nella struttura. Gli automi vengono definiti 'actroids', saranno prodotti dalla Kokoro e saranno essenzialmente impiegati dietro il banco check-in come receptionist, poi durante il processo di registrazione una seconda squadra di robot si occuperà di portare le valigie nella stanza che è stata riservata e infine gli altri “impiegati tecnologici” si occuperanno di altre task minori, come la preparazione del caffè in camera, il ritiro dei vestiti sporchi e il riconoscimento facciale per accedere alla propria stanza.

RISPARMIO ENERGETICO  TEMPERATURA IN CAMERA – La tecnologia sarà utilizzata anche nell'ambito del risparmio energetico: l'illuminazione infatti sarà affidata per la maggior parte a luci a LED e l'apporto di corrente sarà garantita attraverso l'energia solare. Gli ospiti avranno a disposizione un tablet per comunicare con la reception, mentre per regolare la temperatura in camera un sistema di rilevazione termica stabilirà quando attivare la climatizzazione dell'ambiente e portarlo su valori ottimali, un processo automatico che i clienti potranno chiaramente personalizzare ulteriormente. "Sensori ad hoc rilevano il calore del corpo in camera e regolano di conseguenza la temperatura" spiegano i promotori alla CNN.

COSTI - Il costo delle stanze non è cosmico, per questo i promotori definiscono l'Henn-na "l'hotel low-cost più moderno del settore": circa 67 euro per una doppia e 53 euro per una camera singola. Hanno un prezzo superiore le camere superior e deluxe. Il costo della stanza però non è fisso: in alta stagione gli ospiti parteciperanno a un'asta per aggiudicarsi le camere, senza però superare un tetto massimo fissato.

Inizialmente, come detto, ci saranno solo una decina di robot fra il personale, ma in futuro Hideo Sawada, presidente del parco Huis Ten Bosch, si augura di "avere più del 90 percento dei servizi alberghieri gestiti da robot" per costruire quello che definisce "l'albergo più efficiente al mondo", che potrebbe addirittura fare da capofila ad altri "1.000 hotel simili in tutto il mondo".

IL PARCO - Il tema del parco è l'Olanda del diciassettesimo secolo, con copie di vecchi edifici olandesi, in aperto contrasto con l'alta dose di tecnologia che i visitatori potranno toccare con mano. Non a caso il nome dell'hotel, Henn-na, include la parola giapponese "Henn" che significa cambiamento.

IN ITALIA – Anche a Milano è partito il primo esperimento del drone maggiordomo in albergo: il robot volante nasce da un’idea di Angelo Boscolo, fondatore della catena di alberghi di lusso a cui fa capo l’hotel milanese Boscolo e svolge le funzioni dei camerieri e dello staff dell'albergo.

S.C.




Commenta con Facebook