• Atalanta
  • Bologna
  • Cagliari
  • Chievo
  • Crotone
  • Empoli
  • Fiorentina
  • Genoa
  • Inter
  • Juventus
  • Lazio
  • Milan
  • Napoli
  • Palermo
  • Pescara
  • Roma
  • Sampdoria
  • Sassuolo
  • Torino
  • Udinese
  • Champions league
  • Coppa Italia
  • Europa league
  • Italia
  • Lega PRO
  • Serie A
  • Serie B

Calciomercato > Fiorentina > Fiorentina-Dinamo Minsk, Montella: "Roma seconda e City quarto! Babacar? Una maledizione"

Fiorentina-Dinamo Minsk, Montella: "Roma seconda e City quarto! Babacar? Una maledizione"

L'allenatore viola prepara la sfida di domani contro i bielorussi


Vincenzo Montella (Getty Images)
Matteo Torre (@torrelocchetta)

10/12/2014 16:40

FIORENTINA DINAMO MINSK MONTELLA ALONSO / FIRENZE - Tra poco più di 24 ore si giocherà l'ultima gara della Fase a gironi in Europa League, che vedrà frapposte Fiorentina e Dinamo Minsk. In conferenza stampa è intervenuto l'allenatore Vincenzo Montella, affiancato dal calciatore Marcos Alonso.

Queste le sintetiche parole del giocatore viola: "Siamo già certi del passaggio del turno e sarà difficile non avere la testa a Cesena, ma è un'altra partita che dobbiamo vincere. Loro verranno a fare una buona gara e non dovremo sbagliare atteggiamento perché così sarà meno faticoso per domenica. Liverpool? Aspettiamo il sorteggio e vedremo".

Palla a Montella: "Sicuramente tiferò Roma stasera, sperando che il Manchester City arrivi quarto: sarebbe ottimo per noi. Non vorrei incontrare nessuna delle due (ride, ndr). Domani sera ci sarà possibilità per coloro che hanno giocato meno di farmi cambiare idea e farmi capire quanto hanno capito delle mie idee".

INFORTUNI - "Cuadrado è probabilissimo che giochi. Dispiace per Babacar, è una maledizione degli attaccanti... era una risorsa importante ma sono cose che capitano".

CRESCITA - "Ho imparato rispetto all'anno scorso che serve più fortuna nel sorteggio. Nella seconda parte diventa un'altra competizione perché scendono squadre importantissime dalla Champions e diventa affascinante. Le esperienze vissute sono migliori delle esperienze pensate: queste partite danno indicazioni e spunti su cui lavorare per migliorare".

ILICIC - "Non ho chiesto nessuna cessione: Josip è stato pagato tanto perché è un calciatore di valore. E' rimasto fuori perché la squadra ha trovato un equilibrio tattico".




Commenta con Facebook