• Atalanta
  • Bologna
  • Cagliari
  • Chievo
  • Crotone
  • Empoli
  • Fiorentina
  • Genoa
  • Inter
  • Juventus
  • Lazio
  • Milan
  • Napoli
  • Palermo
  • Pescara
  • Roma
  • Sampdoria
  • Sassuolo
  • Torino
  • Udinese
  • Champions league
  • Coppa Italia
  • Europa league
  • Italia
  • Lega PRO
  • Serie A
  • Serie B

Calciomercato > Roma > Roma, Keita: "Non siamo intrusi in Europa. I nostri tifosi sono fantastici"

Roma, Keita: "Non siamo intrusi in Europa. I nostri tifosi sono fantastici"

Il centrocampista maliano ha parlato dei suoi primi mesi in giallorosso


Keita in azione (Getty Images)
Matteo Zappalà (twitter @MattZappa88)

15/10/2014 12:05

ROMA KEITA INTERVISTA FIFA / ROMA - Tra le news Roma più liete di questo avvio di stagione, entra di diritto il centrocampista Seydou Keita, arrivato a parametro zero nell'ultima sessione di calciomercato. L'ex giocatore di Siviglia, Barcellona e Valencia, attualmente alle prese con un lieve infortunio (elongazione del soleo sinistro), ha fatto un bilancio dei suoi primi mesi a Roma, agli ordini di Rudi Garcia.

ROMA - "Il club ha fatto una grande stagione l'anno scorso, penso che possiamo almeno ripeterci anche quest'anno. La Roma ha tifosi fantastici, abbiamo una squadra molto buona e i giocatori ormai iniziano a conoscersi alla perfezione".

IL GIOCO DI RUDI GARCIA - "Il nostro allenatore ci fa giocare in modo offensivo. Penso sia una modalità attraente di giocare a calcio e raggiungere grandi risultati".

CHAMPIONS LEAGUE - "Dopo il sorteggio tutti erano convinti che Bayern Monaco e Manchester City avrebbero passato il turno. Dopo aver giocato due partite e aver ottenuto quattro punti, però, abbiamo dimostrato alla stampa e ai critici di non essere degli intrusi nella competizione europea".

NAZIONALE MALI - "E' una squadra ancora in costruzione. Ci sono giocatori giovani e altri d'esperienza come me, Tamboura e Diawara. Stiamo costruendo una squadra nuova, dobbiamo qualificarci per la Coppa d'Africa in Marocco, è una priorità. Dobbiamo tornare a grandi livelli al più presto".

ESPERIENZA IN CINA - "Ho ricevuto un'offerta economica che non potevo rinunciare. Ci sono state delle critiche, ma cercai di essere chiaro sin dall'inizio. Sportivamente ho scoperto un mondo nuovo, quando ho chiesto di andare via perché volevo tornare in Europa il club non me l'ha impedito. Non credo di aver perso la mia scommessa in Cina, sono stato sempre professionale".

FUTURO - "Non so quanto giocherò ancora, finché ci saranno motivazioni e voglia continuerò".




Commenta con Facebook