• Atalanta
  • Bologna
  • Cagliari
  • Chievo
  • Crotone
  • Empoli
  • Fiorentina
  • Genoa
  • Inter
  • Juventus
  • Lazio
  • Milan
  • Napoli
  • Palermo
  • Pescara
  • Roma
  • Sampdoria
  • Sassuolo
  • Torino
  • Udinese
  • Champions league
  • Coppa Italia
  • Europa league
  • Italia
  • Lega PRO
  • Serie A
  • Serie B

Calciomercato > Pagelle > PAGELLE E TABELLINO DI WEST HAM-LIVERPOOL

PAGELLE E TABELLINO DI WEST HAM-LIVERPOOL

Gerrard sonnecchia, Sterling gioca da solo. Sakho è irresistibile, Cresswell soffre


Gol Diafra Sakho (Getty Images)
Antonio Russo (Twitter @tonyrusso93)

20/09/2014 21:11

PAGELLE E TABELLINO WEST HAM-LIVERPOOL / LONDRA – Nonostante uno Sterling da applausi, il Liverpool cade sotto i colpi del West Ham. Per i reds tra i peggiori in campo soprattutto Gerrard apparso lento e impacciato. Per i londinesi invece ottima prestazione di Sakho che ha fatto da contraltare alla mediocre partita di Cresswell.

 

WEST HAM

 

Adrian 5,5 – Si mostra insicuro su qualche conclusione dalla distanza creando apprensione in mezzo all’area. Nessuna colpa invece sulla rete di Sterling.  

 

Demel 6 – Sul suo out Noble e Sakho badano poco alla fase difensiva, quindi lui è costretto a restare più bloccato nelle retrovie. Gioca una buona partita e strappa la sufficienza piena. Dal 61’ Jenkinson 5,5 – Soffre da quel lato la verve di Sterling che fa quello che vuole di lui.  

 

Reid 7 – Nei primissimi minuti s’inserisce in avanti e trova di testa la rete che sblocca il match. In difesa gioca un buona gara e si rende protagonista di numerose scorribande offensive.

 

Tomkins 6 – Tiene bene Balotelli e lo costringe a girare a largo dall’area di rigore dei martelli. Padrone incontrastato del cielo di Londra, i palloni aerei sono tutti suoi.

 

Cresswell 5,5 – In fase offensiva si fa vedere poco. In fase di contenimento invece va in difficoltà nel marcare Sterling.

 

Noble 6 – Va spesso in appoggio a Sakho, con cui dialoga bene. S’inserisce tanto e spesso va vicino al gol, purtroppo senza mai trovarlo.

 

Kouyatè 6,5 – Lotta per tutto il campo e recupera tanti palloni. Dialoga bene con i compagni ed è bravissimo sia in fase di contenimento che in fase di costruzione.

 

Song 6 – Gioca una buona partita, fatta di tanta corsa e tanta sostanza. Nella ripresa soffre la maggiore vivacità di Lallana entrato in sostituzione di Lucas Leiva. Dal 69’ Amalfitano 6,5 – Entra e segna il gol della sicurezza. Galleggia tra centrocampo e attacco ed è costantemente una spina nel fianco per la difesa del Liverpool.

 

Downing 7 – Fa da legante tra centrocampo e attacco. Con la sua verve mette in crisi l’intera linea difensiva del Liverpool. Nel finale regala ad Amalfitano l’assist per il tre a uno.

 

Sakho 7 –  Con la sua velocità tiene sempre in apprensione la difesa dei reds e con una strana traiettoria trova la rete del raddoppio. Per tutto il match è il pericolo numero uno per il Liverpool.

 

Valencia 6 – Si fa sempre trovare pronto sulla fascia di sinistra. Si rende protagonista di buone giocate, ma pecca, purtroppo per lui, sempre nell’ultimo tocco. Potrebbe fare di più. Dal 76’ Collins s.v.

 

All. Allardyce 7 – Il West Ham si è mostrato sin dai primi minuti pimpante, rendendosi protagonista di un inizio a dir poco folgorante. Purtroppo ha avuto la pecca di concedere al Liverpool il gol che ha tenuto aperto il match praticamente per tutti i novanta minuti. Ottima prestazione comunque di tutta la squadra che ha mostrato una tenuta atletica a dir poco invidiabile.

 

LIVERPOOL

 

Mignolet 5 – Si fa beffare dalla velenosa conclusione di Sakho. Nella prima frazione di gioco compie qualche intervento importante, ma su sul suo giudizio pesa lo svarione sul secondo gol dei martelli.

 

Manquillo 5,5 – Da quel lato Downing lo mette letteralmente in crisi. Rodgers decide si sostituirlo per modificare l’assetto tattico della squadra. Dal 22’ Sakho 5 – Dà maggiore quadratura ai reds. Nel finale però con uno sciagurato rilancio apre la strada al West Ham per il tre a uno.

 

Skrtel 5,5 – Mette una pezza agli obbrobri difensivi dei compagni. Implacabile di testa, pulisce spesso l’area da palloni pericolosi. Nella ripresa commette una grave sbavatura che macchia la sua buona prestazione.

 

Lovren 5,5 – Dopo due minuti si perde Reid in marcatura che indisturbato realizza il gol dell’uno a zero. Dopo quell’errore è praticamente perfetto, ma ormai è troppo tardi, la frittata è fatta.  

 

Moreno 5 – Soffre Sakho da quel lato e non riesce mai a prendergli le misure. Meglio invece in fase offensiva dove, soprattutto nella ripresa, riesce a mettere  interessanti cross al centro.  

 

Lucas Leiva 5 – Non entra mai in partita e soffre il palleggio dei centrocampisti avversari. In fase d’interdizione perde quasi tutti i contrasti. Prestazione non esaltante la sua. Dal 45’ Lallana 6,5 – Col suo ingresso i reds trovano maggiori soluzioni offensive. Probabilmente doveva giocare dall’inizio.

 

Gerrard 4 – Lento e impacciato, non riesce a tenere il forsennato ritmo imposto al match da parte dei martelli. Col passare dei minuti sparisce completamente dalla partita. Ẻ aria da respirare per i mediani del West Ham, la palla tra i suoi piedi resta lo spazio di un respiro prima che lui la perda.

 

Henderson 5 – Da quel lato si ritrova dinanzi un cliente difficile come Noble. Tocca pochi palloni e non riesce a fare adeguatamente filtro a centrocampo.

 

Sterling 7 – Si posiziona alle spalle di Borini e Balotelli e sfrutta le sponde di quest’ultimo.  Con un’invenzione dalla distanza riapre il match e rimette in carreggiata il Liverpool. Ha il dono dell’ubiquità, gioca sia in diesa che in attacco e in ogni caso è il migliore dei suoi.

 

Borini 4,5 – Viene annullato dai difensori avversari e non riesce a dialogare con i compagni. Nella ripresa trova qualche spazio in più e riesce anche, finalmente, a concludere verso la porta di Adrian, ma la sua prestazione resta pessima. Dal 75’ Lambert s.v.

 

Balotelli 5 – La sua partita è caratterizzata da rari lampi in una serata alquanto grigia. Sembra ancora fuori dagli schemi di Rodgers, ma la qualità c’è e si vede.

 

All. Rodgers 4,5 – Pessimo l’approccio del Liverpool alla partita che dopo pochi minuti era già sotto due a zero. Centrocampo probabilmente troppo statico per contrastare i velocisti del West Ham. La squadra sembra in caduta libera. Dopo la cessione di Suarez e l’infortunio di Sturridge i reds sembrano spaesati e privi di un leader in mezzo al campo.

 

Arbitro Pawson 6,5 – Ottimo il suo arbitraggio. Ha fatto giocare molto favorendo lo spettacolo. Non vi sono particolari episodi da segnalare. Regolari tutti i gol segnati.

 

TABELLINO

 

WEST HAM-LIVERPOOL 3-1

 

WEST HAM (4-3-3): Adrian; Demel(dal 61’ Jenkinson), Reid, Tomkins, Cresswell; Noble, Kouyatè, Song(dal 69’ Amalfitano); Downing, Sakho, Valencia(dal 76’ Collins). Jääskeläinen, Jenkinson, Collins, Carlton Cole, Vaz Te, Amalfitano, Zarate. All. Allardyce.

 

LIVERPOOL (4-3-1-2): Mignolet; Manquillo(dal 22’ Sakho), Skrtel, Lovren, Moreno; Lucas Leiva(dal 45’ Lallana)Gerrard, Henderson; Sterling; Borini(dal 75’ Lambert), Balotelli. Lazar Markovic, Jones, Lambert, Touré, José Enrique, Lallana, Sakho. All. Rodgers.

 

Arbitro: Craig Pawson

 

Marcatori: 2’ Reid (W), 7’ Sakho (W), 26’ Sterling (L) 88’ Amalfitano (W)

 

Ammoniti: 4’ Reid (W), 17’ Adrian (W), 17’ Balotelli (L), 28’ Kouyatè (W), 66’ Jenkinson (W)

 

Espulsi:




Commenta con Facebook