• Atalanta
  • Bologna
  • Cagliari
  • Chievo
  • Crotone
  • Empoli
  • Fiorentina
  • Genoa
  • Inter
  • Juventus
  • Lazio
  • Milan
  • Napoli
  • Palermo
  • Pescara
  • Roma
  • Sampdoria
  • Sassuolo
  • Torino
  • Udinese
  • Champions league
  • Coppa Italia
  • Europa league
  • Italia
  • Lega PRO
  • Serie A
  • Serie B

Calciomercato > Milan > Calciomercato Milan, le 'stranezze' di Seedorf: i possibili motivi dell'addio

Calciomercato Milan, le 'stranezze' di Seedorf: i possibili motivi dell'addio

L'allenatore rossonero sembra ormai ad un passo dall'esonero. Ecco i motivi che potrebbero averlo causato



28/05/2014 15:41

CALCIOMERCATO MILAN SEEDORF TASSOTTI UOVO PANCHINA / MILANO - Manca solo l'ufficialità della nomina di Filippo Inzaghi come nuovo allenatore del Milan e del conseguente addio di Clarence Seedorf. In queste ore frenetiche diversi organi di stampa hanno provato ad ipotizzare le possibili cause che hanno portato all'allontanamento del tecnico olandese dopo solo pochi mesi. 

MAIL A TASSOTTI - Tra i motivi che potrebbero portare all'addio di Seedorf, ma anche a quello di Mauro Tassotti dopo diversi anni da assistente, ci sarebbe una mail inviata dall'allenatore olandese al suo secondo, intimandolo a non alzarsi dalla panchina per dare indicazioni durante la partita.

"IL MISTER SONO IO" - Sempre riguardo ai difficili rapporti con giocatori e staff, si inserisce un altro aneddoto emerso in questi giorni. Clarence Seedorf, durante una partita, avrebbe infatti intimato giocatori e staff a stare un passo indietro rispetto a lui in panchina, rivendicando la sua posizione da allenatore.

UOVA - Un altro peccato che il Milan non avrebbe perdonato, sebbene abbia ormai preso le sembianze di una leggenda metropolitana da fonti poco verificabili, sarebbe la richiesta di Seedorf di due uova strapazzate durante l'allenamento del Milan a Madrid, prima della decisiva gara di Champions League contro l'Atletico. L'olandese avrebbe così lasciato la sessione di rifinitura per mangiare in camera sua. 

Indipendentemente dagli aneddoti qui descritti, comunque, appare ormai evidente che i rapporti tra Clarence Seedorf e la dirigenza rossonera siano ormai più che logori. Dopo l'esonero scopriremo la verità e ulteriori dettagli sulle storie riportate.

M.Z.




Commenta con Facebook