• Atalanta
  • Bologna
  • Cagliari
  • Chievo
  • Crotone
  • Empoli
  • Fiorentina
  • Genoa
  • Inter
  • Juventus
  • Lazio
  • Milan
  • Napoli
  • Palermo
  • Pescara
  • Roma
  • Sampdoria
  • Sassuolo
  • Torino
  • Udinese
  • Champions league
  • Coppa Italia
  • Europa league
  • Italia
  • Lega PRO
  • Serie A
  • Serie B

Calciomercato > Dai campi > PAGELLE E TABELLINO DI LIVORNO-CHIEVO

PAGELLE E TABELLINO DI LIVORNO-CHIEVO

Grintoso Paulinho, male Valentini e Coda. Fantastico Paloschi, bene Rigoni


Gioia Chievo (Getty Images)
Valerio Sesti

13/04/2014 17:15

PAGELLE E TABELLINO LIVORNO-CHIEVO / LIVORNO – Partita delicatissima ma frizzante dai primi minuti. Accade quasi tutto nel primo tempo: al vantaggio di Siligardi risponde subito un indemoniato Paloschi; segna Thereau, pareggia dopo pochi minuti Paulinho su rigore. La strepitosa giocata di Paloschi porta di nuovo in vantaggio gli uomini di Corini. Ad inizio ripresa il bomber veronese chiude definitivamente la contesa. Il Chievo porta a casa tre punti fondamentali per la salvezza.

LIVORNO

Bardi 7 – Incolpevole sui gol del Chievo. Due miracoli ad inizio ripresa tengono a galla i suoi compagni prima del rigore di Paloschi.

Coda 4,5 – Spesso disattento quando spinge il Chievo. Soffre maledettamente la freschezza e l'imprevedibilità degli attaccanti degli ospiti. Regala senza motivo la rimessa laterale dalla quale nasce il 2-3 del Chievo. Svagato.

Valentini 4,5 – Come il compagno di reparto Coda è in difficoltà e non riesce mai a contenere gli avanti ospiti. Disattento, ha sicuramente sulla coscienza una rete degli ospiti (forse due). Rientra nella ripresa sbagliando tutto. Irriconoscibile. Dal 54' Duncan 6 – Subentra con grande carattere. Ottima conclusione a metà ripresa neutralizzata da Agazzi.

Castellini 5 – E' il più esperto dei tre difensori, ma non riesce a trasmettere sicurezza ai colleghi di reparto.

Piccini 6,5 – Mister Di Carlo gli conferma la fiducia e lo schiera titolare: lui risponde alla grande offrendo grande corsa sulla fascia, abnegazione difensiva e sgroppate da ala pura.

Benassi 5 – Grande grinta, ma non basta per una partita decisamente sotto tono.

Biagianti 5 – Nervoso e disordinato a centrocampo. Non offre giocate importanti e da ricordare. Dal 67' Belfodil 5 – Tanto movimento, ma l'essere entrato a partita chiusa probabilmente condiziona la sua prestazione.

Greco 5,5 – Fatica ad entrare in partita schiacciato dal dinamismo dei centrocampisti avversari. La sua qualità questo pomeriggio manca tremendamente alla sua squadra.

Mesbah 6 – Tanta corsa e qualche cross interessante per i suoi compagni. Offre un buon assist di testa per il momentaneo vantaggio di Siligardi.

Paulinho 6 – Il capitano guida i suoi come sempre con grande spirito e grinta. Si procura e segna un rigore fondamentale per il momentaneo pareggio, per il resto poco e nulla.

Siligardi 6 – Pronti e via e dopo solo sei minuti timbra il tabellino dei marcatori con un bel colpo di testa. È frizzante e voglioso ad inizio, match, poi sparisce dal campo. Dal 54' Emeghara 5 – Tocca pochissimi palloni e non dà la scossa sperata da Di Carlo.

All. Di Carlo 5 -  Il suo Livorno parte alla grande passando subito in vantaggio mostrando grande voglia e aggredendo fin dall'inizio gli avversari. Il pareggio dopo pochi minuti dalla rete del vantaggio smorza un po' gli entusiasmi e fa perdere la fiducia ai suoi ragazzi che mostrano evidenti limiti nel reparto arretrato. La strada per la salvezza è ancora lunga e impervia.

 

CHIEVO

Agazzi 6 – Non può nulla sui due gol del Livorno. Attento su un paio di conclusioni da fuori area nella seconda frazione. Per il resto ordinaria amministrazione.

Frey 6 – Ordinato in fase difensiva, concentrato per tutta la gara.

Dainelli 6,5 – Guida il reparto difensivo con grande autorità. La sua esperienza è fondamentale in partite delicate come queste.

Cesar 6,5 – Lotta contro un avversario scomodissimo come Paulinho e ha quasi sempre la meglio lasciando le briciole al capitano amaranto. Solido.

Rubin 5,5 – Soffre la strepitosa giornata di Piccini. Contiene come può il laterale amaranto, ma in fase offensiva è praticamente assente. Dal 65' Sardo 6 – Entra concentrato e fa il suo senza eccellere.

Guana 6 – Determinato nella zona centrale del campo. Insieme al capitano Rigoni compie un grande lavoro di filtro davanti alla difesa.

L. Rigoni 7 – In mezzo al campo è il leader del Chievo. Compie le due fasi, difensiva e offensiva, perfettamente. Da un suo grande recupero parte l'azione dell'1-2. Sfiora un gran gol nella seconda frazione. Impeccabile tatticamente. Geometra.

Radovanovic 6 – Oggi non sembra essere nella sua giornata migliore. Grande impegno, ma poca qualità nell'impostazione del gioco. Si procura il dubbio rigore del 2-4.

Hetemaj 6,5 – Ha un'occasione clamorosa a metà primo tempo quando si inserisce dentro l'area e non riesce a trafiggere Bardi. Grande sostanza e corsa in mezzo al campo, ma anche inserimenti continui all'interno dell'area avversaria che creano non pochi problemi alla difesa avversaria.

Thereau 6,5 – Imperioso lo stacco di testa con il quale porta momentaneamente in vantaggio la sua squadra. Svaria su tutto il fronte e non dando punti di riferimento agli avversari. Imprevedibile. Dal 70' Obinna 6 – Dà freschezza all'attacco del Chievo non avendo però occasioni importanti da rete.

Paloschi 8 – Si fa trovare pronto al primo pallone giocabile, rispondendo dopo pochi minuti alla rete di Siligardi. Fornisce un grande assist al compagno di reparto Thereau per la rete del 1-2. È sempre pericoloso per la difesa locale con le sue partenze sul filo del fuorigioco. Segna il 2-3 di tacco con un gol straordinario dopo una veronica da applausi. Completa la sua straordinaria giornata trasformando il rigore del 2-4. Incontenibile. Dal 77' Pellissier s.v.

All. Corini 7 – Il Chievo non ha solo un grande cuore, ma mostra anche ottime trame di gioco. Conquista tre punti fondamentali per la rincorsa alla salvezza.

Arbitro: Damato 5 – Partita complicata per il fischietto di Barletta. Lascia abbastanza giocare nonostante molti scontri a metà campo. Nella prima parte di gara distribuisce correttamente le ammonizioni. Non è assolutamente aiutato dall'addizionale Tagliavento sul rigore per il Livorno: il fallo su Paulinho c'è, ma il pallone crossato da Piccini è nettamente uscito. Dubbi anche sul terzo gol del Chievo: Paloschi segna dopo che il tempo di recupero è scaduto da 2''. Molti dubbi sul calcio di rigore fischiato al Chievo che chiude virtualmente la partita.

 

TABELLINO

LIVORNO-CHIEVO 2-4

Livorno (3-5-2): Bardi; Coda, Valentini (dal 54' Duncan), Castellini; Piccini, Benassi, Biagianti (dal 67' Belfodil), Greco, Mesbah; Paulinho, Siligardi (dal 54' Emeghara). All. Di Carlo.

Chievo (4-3-1-2): Agazzi; Frey, Dainelli, Cesar, Rubin (dal 65' Sardo); Guana, L. Rigoni, Radovanovic; Hetemaj; Thereau (dal 70' Obinna), Paloschi (dal 77' Pellissier). All. Corini.

Arbitro: Damato.

Marcatori: 6' Siligardi (L), 9', 47' e 56' (rig.) Paloschi (C), 23' Thereau, 34' Paulinho (L).

Ammoniti: 26' Thereau, 37' Benassi, 55' Mesbah, 61' Coda, 69' Guana, 75' Radovanovic, 90' Hetemaj.




Commenta con Facebook