• Atalanta
  • Bologna
  • Cagliari
  • Chievo
  • Crotone
  • Empoli
  • Fiorentina
  • Genoa
  • Inter
  • Juventus
  • Lazio
  • Milan
  • Napoli
  • Palermo
  • Pescara
  • Roma
  • Sampdoria
  • Sassuolo
  • Torino
  • Udinese
  • Champions league
  • Coppa Italia
  • Europa league
  • Italia
  • Lega PRO
  • Serie A
  • Serie B

Calciomercato > Cagliari > Cagliari-Roma, Garcia: "La storia si fa solo vincendo titoli. Tra noi e la Juventus..."

Cagliari-Roma, Garcia: "La storia si fa solo vincendo titoli. Tra noi e la Juventus..."

Il tecnico dei giallorossi commenta cosi il successo contro i sardi


Rudi Garcia (Getty Images)
Jonathan Terreni

06/04/2014 17:19

CAGLIARI ROMA GARCIA / CAGLIARI - Meno 5, per adesso. Il tecnico della Roma, Rudi Garcia, commenta così a 'Sky Sport' il successo di oggi sul Cagliari che permette ai giallorossi di accorciare momentaneamente sulla capolista Juventus: "La vittoria è giusta, soprattutto per il grande secondo tempo. Non vincevamo su questo campo da diciannove anni, ma la squadra ha fiducia in se stessa e soprattutto dà sempre il meglio. L'obiettivo era di portarci a -5 dalla Juventus e a +12 sul Napoli, e ora la pressione è tutta sugli altri. Una squadra che fa la storia è una squadra che vince titoli. Per noi non è finita per il primo posto. Il mio primo obiettivo quando sono arrivato era ridare il sorriso ai giocatori e soprattutto l'orgoglio ai tifosi, e su questi punti abbiamo vinto la nostra più grande sfida. Differenze tra noi e la Juventus? Faremo il bilancio a fine stagione, vedendo chi sarà davanti e con quale scarto di punti. Già possiamo dire però che la Roma ha fatto grandi cose, e anche la Juve in campionato".

DESTRO SUPER - "Sapevo che Destro era infortunato quando sono arrivato, ma oggi ha dimostrato di non essere solo un attaccante d'area, perché il secondo gol è arrivato in contropiede: è completo, adesso ha capito che bisogna dare il massimo ogni secondo. Può migliorare, e nel nostro gioco non ci sono attaccanti fissi, neanche quando spostati sulla fascia".

GERVINHO - "Lo conosco bene. L'ho portato con me per anni e in più squadre, e al mio arrivo qui sapevo che mancava uno capace di sfruttare la profondità come lui, di saltare l'uomo anche a difesa schierata".




Commenta con Facebook