• Atalanta
  • Bologna
  • Cagliari
  • Chievo
  • Crotone
  • Empoli
  • Fiorentina
  • Genoa
  • Inter
  • Juventus
  • Lazio
  • Milan
  • Napoli
  • Palermo
  • Pescara
  • Roma
  • Sampdoria
  • Sassuolo
  • Torino
  • Udinese
  • Champions league
  • Coppa Italia
  • Europa league
  • Italia
  • Lega PRO
  • Serie A
  • Serie B

Calciomercato > Italia > Italia, Tabarez: "Balotelli come Suarez. Che impressione l'evoluzione degli Azzurri!"

Italia, Tabarez: "Balotelli come Suarez. Che impressione l'evoluzione degli Azzurri!"

Il commissario tecnico della 'Celeste' anticipa la sfida 'Mondiale'



05/03/2014 09:32

URUGUAY ITALIA INTERVISTA TABAREZ BALOTELLI SUAREZ / MILANO - Oscar Tabarez, commissario tecnico dell'Uruguay, ha rilasciato un'intervista a 'La Gazzetta dello Sport'.

GIRONE MONDIALE - "Soltanto otto nazionali sono state capaci di vincere un Mondiale e tre di queste sono nel nostro girone. Poteva andare da meglio a molto meglio. Con un girone del genere il rischio di rendersi ridicoli è enorme: noi, Italia e Inghilterra potremmo arrivare fino in fondo, eppure una delle tre uscirà alla prima fase. E’ pazzesco, se ci pensa".

L'ITALIA - "L'ultimo confronto fu una partita assai equilibrata e non mi nascondo il fatto che quel giorno a Prandelli mancassero giocatori importanti come Pirlo e Balotelli. Al Mondiale può succedere, nel 2010 utilizzai tutti i giocatori tranne i portieri di riserva. Però alla Confederations io avevo tutti i migliori a disposizione, Prandelli no. Penso che pochi possano vantare la mia competenza, a proposito dell’Italia: l’ho affrontata due volte in quattro anni, ne ho viste quasi tutte le altre gare. E’ una delle nazionali cresciute di più nel periodo, l’evoluzione portata da Prandelli nell’ordine di squadra, nella circolazione del pallone e nello sviluppo del gioco offensivo è stata impressionante. Sinceramente, contro la Spagna alla Confederations meritavate di passare voi".

BALOTELLI - "E' un anarchico, dunque il giocatore più pericoloso per noi. Non è facile preparare un piano difensivo che funzioni, lui trova sempre una maniera sin lì inedita per colpire. In questo ricorda molto Suarez".

ATTACCO 'CELESTE' - "E' tra i migliori, e mi fermo qui. E poi c'è Forlan: l’età gli ha tolto un po’ di velocità, ma in un mese secco può ancora essere uomo da copertina. Cavani non è qui con noi, è appena rientrato da un lungo infortunio; Suarez sì, l’ho voluto abbracciare per la splendida stagione che sta vivendo. In Uruguay è un dio".
 
URUGUAY - "La Celeste è una selezione particolare, estremizza caratteristiche che sono anche vostre: l’Italia spesso fatica nelle amichevoli, l’Uruguay è arrivato sul ciglio del burrone nel lungo girone di qualificazione, svegliandosi appena in tempo. Però, quando arriva il momento del torneo, sappiamo competere. Ritroviamo l’intensità, la cattiveria difensiva, l’abilità davanti. Nessuno può affrontarci pensando ‘oggi vinco di sicuro’. Nessuno al mondo".

S.D.




Commenta con Facebook