• Atalanta
  • Bologna
  • Cagliari
  • Chievo
  • Crotone
  • Empoli
  • Fiorentina
  • Genoa
  • Inter
  • Juventus
  • Lazio
  • Milan
  • Napoli
  • Palermo
  • Pescara
  • Roma
  • Sampdoria
  • Sassuolo
  • Torino
  • Udinese
  • Champions league
  • Coppa Italia
  • Europa league
  • Italia
  • Lega PRO
  • Serie A
  • Serie B

Calciomercato > Juventus > Juventus, a tutto Agnelli: "La nuova Serie A, Scommessopoli, Calciopoli e le milanesi"

Juventus, a tutto Agnelli: "La nuova Serie A, Scommessopoli, Calciopoli e le milanesi"

Le parole del presidente bianconero che detta la linea per la ripresa del calcio italiano



24/12/2013 08:53

JUVENTUS AGNELLI CALCIOPOLI SCOMMESSOPOLI SERIE A / TORINO - E' sicuramente un buon Natale per Andrea Agnelli che, ai microfoni di 'Tuttosport', si concede in una lunga intervista tra nuove vie per il calcio italiano e nuovi ricorsi sul fronte Calciopoli. "Con l'intesa sui diritti televisivi abbiamo introdotto un metodo di lavoro diverso - esordisce il presidente della Juventus - un metodo di lavoro che speriamo possa essere esteso anche ad altre riforme impellenti come quella dei campionati. Così la Lega si è trovata con 450 milioni di euro in più di minimo garantito su 6 anni, una struttura di commissioni più in linea con il mercato ed un nuovo contratto da scrivere".

STADI - "Devono essere più accoglienti, meglio illuminati e con un bel manto erboso per favorire lo spettacolo. Lo dimostra il nostro Stadium che ci ha fatto passare da 11 a 140 milioni di ricavi. Si crea un volano virtuoso che ci permette di investire di più e di diventare più attraenti per i campioni stranieri".

MILAN - "E' una società leader che deve portare innovazione. Do il mio benvenuto a Barbara Berlusconi, la situazione di compromesso che hanno trovato mi pare funzionale. Galliani è il miglior dirigente italiano e servirà al Milan con il sano nuovo approccio che porterà Barbara".

INTER - "L'internazionalizzazione è corretta. Thohir mi sembra molto entusiasta e le conoscenze dei media lo aiutano. E' una storia meno romantica rispetto alla famiglia Moratti. La rivalità è sempre molto accesa, è il Derby d'Italia e lo sarà sempre. Ho parlato con Moratti ed è felice perché è stata la scelta migliore".

RIFORME - "Va rivista la legge 91 del 1983 che è obsoleta. Ci vuole un testo unico dello sport e combattere la contraffazione è prioritario. Campionato? Il risultato ottimale sarebbe un campionato a 18 squadre. Si eliminerebbero i turni infrasettimanali e le squadre si preparerebbero un mese in più".

SCOMMESSOPOLI - "Se Conte avesse allenato l'Abbiategrasso non avrebbe avuto lo stesso impatto mediatico. Ci vuole senso di responsabilità nell'affrontare il tema per non renderlo fenomeno di campanilismo".

CALCIOPOLI -
"Bisogna aspettare l'ultimo grado per trarre delle conclusioni complete. A termine dell'iter svilupperemo le nostre valutazioni su che tipo di richieste presentare in base all'articolo 39". 

ISTANBUL - "Abbiamo fatto tutto quello che si doveva fare. Eravamo in contatto con i massimi vertici UEFA che ci hanno detto che si doveva giocare".




Commenta con Facebook