• Atalanta
  • Bologna
  • Cagliari
  • Chievo
  • Crotone
  • Empoli
  • Fiorentina
  • Genoa
  • Inter
  • Juventus
  • Lazio
  • Milan
  • Napoli
  • Palermo
  • Pescara
  • Roma
  • Sampdoria
  • Sassuolo
  • Torino
  • Udinese
  • Champions league
  • Coppa Italia
  • Europa league
  • Italia
  • Lega PRO
  • Serie A
  • Serie B

Calciomercato > News > IL PAGELLONE DI CALCIOMERCATO.IT: Toni da applausi, Lulic spaesato

IL PAGELLONE DI CALCIOMERCATO.IT: Toni da applausi, Lulic spaesato

Top e Flop della 17a giornata di Serie A secondo i voti dei nostri inviati


Luca Toni (Getty Images)
Emiliano Forte

23/12/2013 08:47

PAGELLONE, TONI LULIC / MILANO - La Juventus continua a vincere ma la Roma di Garcia non molla e al pari dei bianconeri saluta il 2013 con un poker che accende l'attesa in vista dello scontro diretto del 5 gennaio. Due gol in una gara giocata in maniera impeccabile per Benatia, uomo in più fino a questo momento per i giallorossi. Spettacolari anche le doppiette di Ciro Immobile e Luca Toni che trascinano le rivelazioni Torino e Verona. Intanto Pepito Rossi e il 'Trenza' Palacio continuano a stupire confermandosi goleador implacabili come pochi in Serie A. Da dimenticare, invece, il week end pre-natalizio per Lulic simbolo di una Lazio che prende troppi gol e non riesce a ritrovarsi. In difficoltà anche Maggio che nel gioco di Benitez non si è ancora inserito al meglio.

 

TOP

 5.Immobile (Torino) – Mai domo e in moto perenne, dopo aver sciupato un paio di occasioni si concede un uno-due micidiale in grado di invertire il destino di una gara che si stava complicando oltremodo. Splendida la rete che vale il sorpasso nella ripresa con un gran destro dal limite sul palo lontano. Indemoniato. VOTO 7,5

4.Rossi (Fiorentina) – Poco chiamato in causa per gran parte del match, ha il merito di saper aspettare il momento giusto per la zampata vincente. Nell'ultima mezz'ora il suo gioco sale d'intensità fino al guizzo che fulmina Pegolo e decide la gara. Famelico. VOTO 7,5

3.Palacio (Inter) – Non è assistito a dovere dai suoi compagni e si trova spesso a fronteggiare da solo la difesa rossonera. Ma 'El Trenza' non si lascia intimorire e riesce in un paio di occasioni a ritagliarsi lo spazio giusto per far male. Dopo aver indotto gli avversari al fallo da rigore, (non sanzionato), e dopo aver costretto Abbiati al grande intervento, sfodera un colpo di tacco da autentico fuoriclasse che vale la vittoria nel derby della Madonnina. Provvidenziale. VOTO 7,5

2.Benatia (Roma) – Pilastro della Roma di Garcia sia quando neutralizza puntualmente le trame offensive avversarie sia quando è chiamato in causa in zona gol. Contro il Catania firma addirittura una doppietta. Colosso. VOTO 7,5

1.Toni (Verona) – Con entusiasmo e grande dedizione sta guidando i suoi in un campionato fin qui strepitoso. Non solo i gol ma anche tanta corsa e lavoro sporco per favorire i compagni. Se continua così altro che pensione.. Inossidabile. VOTO 7,5

 

 

FLOP

5.Dainelli (Chievo) –  Dopo un buon avvio si smarrisce, come del resto tutto il Chievo, a partire dall'errore che favorisce il pari di Immobile. Nella ripresa troppe le imprecisioni sue e dei compagni che hanno permesso al Torino di dilagare. Travolto. VOTO 5

4.Aquilani (Fiorentina) – Quando incappa in giornate come questa in cui vengono a mancare ispirazione e tempi giusti nella giocata, l'ex giallorosso finisce col perdersi senza lasciare traccia. Smarrito. VOTO 4,5

3.Peruzzi (Catania) – In costante affanno nel tentativo di arginare le sfuriate di Gervinho e soci non può fare altro che alzare bandiera bianca molto presto. Confuso.  VOTO 4,5

2.Maggio (Napoli) – Nei minuti iniziali un suo scivolone agevola gli attaccanti rossoblu che ringraziano e capitalizzano con Nenè. Per il resto un'altra gara giocata sottotono senza spunti degni di nota. In questo periodo è uno degli assenti ingiustificati nel Napoli di Benitez. Svuotato.  VOTO 4,5

1.Lulic (Lazio) – Gioca da terzino e dimostra di non sentirsi più a suo agio in quella posizione. Per di più si trova a dover fronteggiare Iturbe che negli spazi e palla al piede sa essere devastante. Incerto. VOTO 4,5




Commenta con Facebook