• Atalanta
  • Bologna
  • Cagliari
  • Chievo
  • Crotone
  • Empoli
  • Fiorentina
  • Genoa
  • Inter
  • Juventus
  • Lazio
  • Milan
  • Napoli
  • Palermo
  • Pescara
  • Roma
  • Sampdoria
  • Sassuolo
  • Torino
  • Udinese
  • Champions league
  • Coppa Italia
  • Europa league
  • Italia
  • Lega PRO
  • Serie A
  • Serie B

Calciomercato > Dai campi > PAGELLE E TABELLINO DI BORUSSIA DORTMUND-NAPOLI

PAGELLE E TABELLINO DI BORUSSIA DORTMUND-NAPOLI

I tedeschi, malgrado l'emergenza in difesa, ne rifilano tre alla squadra di Benitez. Armero il peggiore in campo


Mkhitaryan e Armero (Getty Images)
Gianluca Vitale

27/11/2013 00:46

PAGELLE E TABELLINO DI BORUSSIA DORTMUND-NAPOLI / NAPOLI –  Nella trasferta di Dortmund serviva una gara perfetta e perfetta non è stata. Anzi: un Borussia decimato ma combattivo ne rifila tre ad un Napoli nervoso ed impreciso, costretto a vincere la prossima gara (con tre gol di scarto) per sperare nella qualificazione agli ottavi.

 

BORUSSIA DORTMUND 

Weidenfeller 6 – Regista arretrato. Fortunato e coraggioso su Higuaín, Insigne lo fredda battezzando l’angolo lontano con una grande giocata.

Großkreutz 6 –  Meglio ad offendere che difende. Manda a vuoto la difesa del Napoli con le sue discese. Tra i migliori in Europa nel suo ruolo.

Sokratis  6,5 – Strappa applausi per la personalità che mette negli interventi. Lucido nello smistare palla tra le retrovie, un po’ meno quando si bloccare gli inconcludenti attacchi del Napoli.

Bender 6 – Ci mette il sangue, e non è una metafora: cambia la maglia, mette i tamponi al naso; più che una partita di calcio, il suo volto rievoca ferite da pugilato. Copre centralmente con un certo dinamismo. La partita lo carica e si vede. Spiritato.

Durm 6,5 – La brutta prestazione contro il Bayern sembra un lontano ricordo. Chiude bene su Callejón e protegge con precisione le uscite del portiere. Difficile credere che si tratti di un classe ’92.

Kehl 5,5 – Recuperato dopo quasi tre mesi di stop, il capitano è aggressivo, falloso. Ammonito per proteste con Pandev, rischia il secondo giallo nella ripresa. Poco lucido, perde palla sull’azione che innesca il gol di Insigne.

Sahin 6 – Gara più di gestione che di contenimento. Buona prestazione dell’ex Real che si conferma centrocampista di valore.

Błaszczykowski 7 – Uomo ovunque. Esterno, ala, terzino aggiunto. Quinto in fase di interdizione, apre spazi, taglia, serve assist (puntualmente sprecati da Lewandowski). Tatticamente utilissimo, è preciso nelle coperture e letale nelle ripartenze. Il gol è il giusto coronamento di una prestazione magistrale. (Dal 68’ Aubameyang 6 – Sbaglia l’uno contro uno con Reina; al secondo tentativo la mette dentro sfruttando tutta la sua velocità).

Mkhitaryan 6,5 – Una spina costante. Impreciso ma volitivo nel ruolo di centrale, sempre pericoloso quando affonda sulla trequarti. I difensori azzurri gli lasciano praterie e l’armeno risponde a suon di sgroppate. 

Reus 6,5 – Implacabile dal dischetto, fredda Reina mettendo subito in calce la sua firma. Bruciante. L’impressione è che in qualsiasi momento possa cambiare l’inerzia della gara con una fiammata. (Dall’80’ Piszczek – s.v.)

Lewandowski 6,5 – Bravo come pochi a proteggere il pallone, si guadagna il rigore per trattenuta (generosa) di Fernandez. Opaco. Nel primo tempo divora una palla colossale graziando clamorosamente Reina da due passi, nella ripresa si ripete in sprecando più di una buona occasione dalla distanza. Decisamente non il suo momento migliore. Chiude la partita con l’assist per Aubameyang. (Dall’89’ Schieber – s.v.)

Klopp 7 -  Grande comunicatore, trasmette aggressività ai suoi e prepara una partita quasi perfetta. Il diktat è semplice: gioco sugli esterni e massimo cinque tocchi per capovolgere l’azione da difensiva ad offensiva. Il rigore innervosisce subito la gara, ma gli va riconosciuta l’abilità di fine psicologo in grado di galvanizzare un gruppo più che depresso dopo le tre sberle del Bayern.

 

NAPOLI 

Reina 7 –  Reattivo sulla punizione insidiosa di Reus, non può nulla in occasione del gol subito. Con un'uscita fuori tempo mette i brividi alla difesa, poi si riscatta chiudendo lo specchio in almeno tre occasioni: su Lewandowski e Błaszczykowski prima, su Aubameyang poi. Tutti lanciati a rete. Tutti fermati in modo a dir poco provvidenziale.

Maggio 5 – Festeggia le 200 presenze nel Napoli regalando a Lewandowski la palla del possibile raddoppio. Nella ripresa è provvidenziale intercettando un passaggio destinato all’attaccante polacco, liberissimo di concludere. Perde le misure sul diretto avversario e conclude la gara palesando grande fatica.

Fernández 5,5 – Dopo soli 9' decide la gara in negativo: l'argentino trattiene Lewandowski in area, l'arbitro non ha dubbi ed indica il dischetto, ammonendo il centrale azzurro. Vince tutti i contrasti di testa ma fa fatica a rientrare e la squadra ne risente. Sul raddoppio giallonero perde la bussola insieme a tutti i compagni di reparto.

Albiol 5,5 – Mai così falloso. Qualche incomprensione con Reina, in più di un’occasione ci mette una pezza, sventando pericoli a pochi passi dalla porta. Ha il merito di provare ad innescare la manovra con continui lanci a cercare gli attaccanti. Al 36' un brutto intervento da tergo su Mkhitaryan gli costa il giallo. Non può molto sui contropiede a 'valanga' di fine partita.

Armero 4,5 – Gara dai due volti: parte bene, conclude molto male. Il più propositivo e tra i più positivi dei suoi in avvio, spinge con pazienza, impegnando Weidenfeller con buone conclusioni dalla distanza. Nel momento topico, però, pecca inspiegabilmente di precisione, evidenziando più di qualche limite individuale. Non a caso, nella ripresa un suo errore dà il la alla rete del 3 a 1.

Behrami 6,5 – Solito frangiflutti. Paradossalmente il più pericoloso dei suoi compagni di reparto, ci prova anche da fuori ma senza fortuna. 

Dzemaili 5 – Tanti errori. Benítez cambia le carte in tavola e gli affida le chiavi della mediana, l'impressione è che la nuova cerniera di centrocampo abbia le maglie ‘allargate’. Guadagna qualche buon fallo, ma nel complesso la sua prestazione è deludente. Esperimento fallito.

(Dal 62’ Inler 5,5 – Meglio del connazionale. Tenta qualche apertura e combatte, ma il suo ingresso non cambia l’economia della partita).

Callejón 5,5 – Prova a guidare la riscossa, ma i suoi tentativi si schiantano sul palo alla destra di Weidenfeller. Ha gamba, manca la fortuna. (Dal 65’ Insigne 6,5 Accende la luce centrando il palo interno con un incrocio bellissimo. Alimenta false speranze, ma il suo apporto è una delle poche note liete della serata)

Pandev  5 – Lento e 'molle', manca di forza e precisione al momento dell'ultimo tocco. Pur tentando lo spunto, viaggia costantemente a ritmo compassato. Al 38' si fa ammonire nella perplessità generale per una contesa con Kehl. La volontà c’è, ma la miglior forma appare lontana. (Dal 75’ Duván – s.v.)

Mertens 5 – Più di spada che di fioretto. Meglio nella ripresa, però stavolta non incide.

Higuaín 5 – Evanescente. Un tentativo velleitario di testa, un intervento in ritardo sottoporta ed infine l’assist per Insigne: questo e poco altro, nella gara dell’argentino. Viene ammonito in occasione del calcio di rigore per proteste e poi sparisce.

All. Benítez 5 – Il nuovo assetto tattico non dà i risultati sperati. Male Pandev, male Dzemaili. Molto male gli esterni. C’è da dire che il rigore iniziale condiziona subito l’inerzia della partita. Buona la risposta della squadra: tanta corsa, continui i cambi di gioco per sviluppare la manovra, ma l’incisività lascia molto a desiderare. Probabilmente tardivo l'ingresso di Insigne, tra i pochi apparsi volitivi e concentrati sull'obiettivo. Maggio ed Armero calano pesantemente nella ripresa: c'è molto da lavorare per correggere gli errori dei terzini. Aspettando Réveillère e magari, chissà, qualche rinforzo dal mercato.


TABELLINO

BORUSSIA DORTMUND - NAPOLI 3-1

Borussia Dortmund (4-2-3-1): Weidenfeller; Grosskreutz, Sokratis, Kehl, Durm; Bender, Sahin; Blaszczykowski (24' st Aubameyang), Mkhitaryan, Reus (36' st Piszczek); Lewandowski (43' st Schieber). A disp.: Langerak, Gunter, Kirch, Hoffmann. All.: Klopp.

Napoli (4-2-3-1): Reina; Maggio, Fernandez, Albiol, Armero; Dzemaili (17' st Inler), Behrami; Callejon (21' st Insigne), Mertens, Pandev (31' st Duvàn); Higuain. A disp.: Rafael, Cannavaro, Britos, Radosevic. All.: Benitez.

Arbitro: Carballo (Spagna)

Marcatori: 10' rig. Reus (BD), 15' st Blaszczykowski (BD), 26' st Insigne (N), 33' st Aubameyang (BD)

Ammoniti: Fernandez (N), Higuaìn (N), Albiol (N), Kehl (BD), Pandev (N)




Commenta con Facebook