• Atalanta
  • Bologna
  • Cagliari
  • Chievo
  • Crotone
  • Empoli
  • Fiorentina
  • Genoa
  • Inter
  • Juventus
  • Lazio
  • Milan
  • Napoli
  • Palermo
  • Pescara
  • Roma
  • Sampdoria
  • Sassuolo
  • Torino
  • Udinese
  • Champions league
  • Coppa Italia
  • Europa league
  • Italia
  • Lega PRO
  • Serie A
  • Serie B

Calciomercato > Altre Europee > Steaua Bucarest, Piovaccari: "L'Italia mi ha scartato, ma ora sono in una 'big'&quo

Steaua Bucarest, Piovaccari: "L'Italia mi ha scartato, ma ora sono in una 'big'"

L'attaccante di Gallarate, classe 1984, e' in prestito dalla Sampdoria



17/09/2013 08:20

STEAUA BUCAREST PIOVACCARI ITALIA SAMPDORIA / BUCAREST (Romania) - Federico Piovaccari, attaccante dello Steaua Bucarest in prestito dalla Sampdoria, ha rilasciato un'intervista a 'La Gazzetta dello Sport':

LA SCELTA - "Un’esperienza all’estero volevo farla. Qui c’era la possibilità di fare la Champions, e appena è arrivata l’offerta ho detto sì. Poi abbiamo giocato la Supercoppa, mi sono ritrovato davanti 50mila persone mi sono reso conto che è come essere finito all’Inter o al Milan. In una big, insomma, Le prime 3-4 squadre di Romania potrebbero giocare in Serie A senza problemi".

LA SQUADRA - "Siamo un gruppo di ferro che gioca insieme da 2-3 anni, io sono stato l’unico innesto tra i titolari. Poi aggressività, corsa, possesso palla...".

L'ITALIA - "Le dico questo: bisogna emigrare. Da noi i club non hanno voglia di aspettare. Alla Samp ho giocato 6 mesi, poi mi hanno praticamente scartato e prestato ovunque. Ora tutti mi chiamano, ma sono sempre lo stesso. E qui allo Steaua la prima cosa che mi hanno mostrato è questa: mi volevano. Le racconto questa: a Varsavia siamo andati sul 2-0 e i tifosi locali facevano più tifo di prima, e poi nonostante l’eliminazione hanno applaudito come una vittoria. Roba che in Italia non si vedrebbe mai. In A il calcio non si vive più con lo spirito giusto. Alla Steaua prima di ogni partita andiamo al cinema, col mister. È così che si crea il gruppo. In Italia se dici a un allenatore che il giorno prima di una gara importante tutta la squadra va al cinema ti ammazza".

CHAMPIONS LEAGUE - "Non andremo a fare i turisti, proveremo a giocarcela ovunque. E se penso che potevamo beccare un gruppo con Juve e Real direi che il nostro è persino facile. Siamo concentrati sullo Schalke: il nostro allenatore è tedesco, ci sta preparando a puntino. Le maglie che vorrei? Messi, Ronaldo, Rooney e Ribery. Io a loro se capita la chiedo, non so se vorranno la mia in cambio".

LA CITTA' - "Sto benissimo, sono qui con mia moglie e i bimbi, sto imparando il romeno. E poi i tifosi: cori e coreografie incredibili, un calore e un incitamento costanti. Vivono di calcio. E da quando ho fatto l’esultanza del pifferaio la prima volta ora me la chiedono sempre".

S.D.




Commenta con Facebook