Breaking News
© Getty Images

Inter, Djorkaeff: "Ronaldo? Dissi a Moratti di prenderlo subito. Via per Lippi..."

L'ex giocatore dei nerazzurri è tornato sul suo passato in Serie A

SERIE A INTER JUVENTUS DJORKAEFF / MILANO - Le news Inter vedranno la formazione di Mancini di fronte nuovamente alla Juventus per il ritorno della semifinale di Coppa Italia, dopo la sconfitta di domenica a Torino in campionato. A parlare di questa sfida molto sentita e di altri argomenti legati al mondo nerazzurro ci ha pensato un grande ex giocatore dell'Inter, Youri Djorkaeff; queste le sue dichiarazioni a 'Inter Channel': "Inter-Juve? Abbiamo perso lo scudetto, ma poi l’Inter ha vinto tanto, perché le cose sono cambiate. Giocare nell'Inter non è facile. Bisogna capire tutta la storia. E’ una cosa che va meritata e portata avanti con umiltà. Se lo fai senza umiltà puoi giocare tre partite al massimo, ma tutta la stagione non la giochi". 

ROVESCIATA - "Il gol alla Roma è un momento da interista, perché è un gol che ha fatto il giro del mondo e lo fa ancora. Tutti sono stati contenti e felici per me. Questa è la storia. Era un gol importante per me, è un gol da squadra. 'San Siro'? Mi piaceva giocare al 'Meazza'. Quell’anno abbiamo battuto il record di abbonamenti di tutti i tempi e credo fosse il momento giusto per fare quel gol".

RONALDO - "Prima di comprarlo sul calciomercato c’è stata una discussione con Moratti. E’ venuto ad Appiano, mentre noi facevamo allenamento e mi ha chiesto di parlare. Abbiamo iniziato a camminare e mi ha detto che aveva l’opportunità di comprare Ronaldo, ma voleva sapere cosa ne pensavo. Gli ho detto di comprarlo subito, perché avrebbe portato la squadra a un altro livello. Poi sono arrivati anche Zanetti, Zamorano, Ince, Berti, Winter". 

LIPPI - "Quando Lippi è arrivato all’Inter, sapevo che non avrei mai giocato. Per me era troppo da Juve; mi aveva fatto sapere che non ci sarebbero stati problemi, ma io ho detto a Moratti che non sarei stato in panchina e che quindi me ne sarei andato perché non volevo lavorare più con Lippi. Avevo offerte da altri club italiani, spagnoli, ma per me in Italia c’era solo l’Inter. Dopo l'esperienza in Italia, mi serviva un ambiente più calmo, è arrivata l’offerta da Kaiserslautern e ho giocato due campionati bellissimi. Dopo sono andato al Bolton dove mi sono divertito davvero. Prima l’Inghilterra non mi piaceva, soprattutto perché sono francese, ma bisogna viverci per capire la gente".

Serie A   Juventus  
Calcio, dall'Astana allo Zilina: tutte le Juventus d'Europa
Ecco le 54 squadre campione nel proprio Paese. In Ungheria si decide con lo scontro diretto al fotofinish
Serie A   Juventus   Roma
Roma-Juve, ESCLUSIVO Torricelli: "Niente allarmi. Triplete, si può"
L'ex calciatore è intervenuto in esclusiva ai nostri microfoni
Serie A   Roma   Juventus
Roma-Juventus 3-1: i giallorossi si riprendono il secondo posto
Bianconeri ko e festa Scudetto rinviata a domenica prossima