• Atalanta
  • Bologna
  • Cagliari
  • Chievo
  • Crotone
  • Empoli
  • Fiorentina
  • Genoa
  • Inter
  • Juventus
  • Lazio
  • Milan
  • Napoli
  • Palermo
  • Pescara
  • Roma
  • Sampdoria
  • Sassuolo
  • Torino
  • Udinese
  • Champions league
  • Coppa Italia
  • Europa league
  • Italia
  • Lega PRO
  • Serie A
  • Serie B

Calciomercato > Atalanta > Atalanta, Marino: "Bravo Napoli. I tifosi della Juventus? Lo dissi all'Osservatorio..."

Atalanta, Marino: "Bravo Napoli. I tifosi della Juventus? Lo dissi all'Osservatorio..."

Il direttore generale dei bergamaschi esulta per la salvezza conquistata



09/05/2013 15:19

ATALANTA JUVENTUS NAPOLI MARINO / BERGAMO - Pierpaolo Marino si complimenta con il Napoli per il secondo posto raggiunto in campionato e analizza i fatti accaduti ieri a Bergamo, con il lancio di oggetti e fumogeni tra il settore occupato dai tifosi atalantini e quelli della Juventus. Ecco quanto dichiarato ai microfoni di Radio Crc dal dg nerazzurro.

NAPOLI DA CHAMPIONS - "Il secondo posto del Napoli? Sono felice anch'io e i complimenti li ho manifestati anche su Twitter. Ieri è arrivato il secondo posto del Napoli e la salvezza aritmetica dell'Atalanta".

PREMIO MAESTRELLI - "De Laurentiis lo vedo periodicamente ai consigli di Lega. Certo, lì l'atmosfera sarà più distesa. Il presidente del Napoli si migliora di anno in anno e il Napoli sta vivendo delle stagioni straordinarie. Rinnovo i complimenti a De Laurentiis, Mazzarri, tutto lo staff e i tifosi azzurri per questo secondo posto conquistato".

PARTITA SOSPESA - "Il problema di ieri sera è particolare perché i tifosi della Juventus, un gruppo in particolare, anche l'anno scorso creò dei disagi a Bergamo. Dopo i lanci di petardi e pietre dell'anno scorso, avvisai l'oOsservatorio ma quest'anno queste scene si sono ripetute e la curva dell'Atalanta a cui erano indirizzate pietre e petardi è pacifica, non si tratta della curva del tifo ultras. Le vittime non hanno resistito ma hanno reagito. È stato un brutto episodio ma passiamo oltre".

A.B.

 




Commenta con Facebook