• Atalanta
  • Bologna
  • Cagliari
  • Chievo
  • Crotone
  • Empoli
  • Fiorentina
  • Genoa
  • Inter
  • Juventus
  • Lazio
  • Milan
  • Napoli
  • Palermo
  • Pescara
  • Roma
  • Sampdoria
  • Sassuolo
  • Torino
  • Udinese
  • Champions league
  • Coppa Italia
  • Europa league
  • Italia
  • Lega PRO
  • Serie A
  • Serie B

Calciomercato > Napoli > LA TATTICA DEL MERCATO: Napoli, pressing su Benatia

LA TATTICA DEL MERCATO: Napoli, pressing su Benatia

L'analisi di Calciomercato.it sui protagonisti del mercato


Mehdi Benatia (Getty Images)
Michele Furlan (Twitter: @MicheleFurlan1)

08/05/2013 15:12

 

CALCIO TATTICA CALCIOMERCATO NAPOLI BIGON MAZZARRI UDINESE BENATIA / ROMA- Il campionato di Serie A è oramai agli sgoccioli ed il calciomercato sta per entrare nel vivo. Il Napoli di Aurelio De Laurentiis e di Riccardo Bigon sta lavorando alacremente per convincere Walter Mazzarri a rimanere sulla panchina azzurra e per questo sta cercando di chiudere per una serie di acquisti graditi al tecnico toscano. Uno di questi è Mehdi Benatiacentrale difensivo marocchino in forza all'Udinese che piace davvero tanto al club partenopeo e che potrebbe diventare l'erede di Hugo Campagnaro, destinato ormai all'Inter.

BIOGRAFIA - Mehdi Amine El Mouttaqi Benatia nasce a Courcouronnes, in Francia, il 17 aprile del 1987. Di papà marocchino e mamma algerina sceglierà più avanti di giocare nella nazionale del paese natale del padre. Benatia comincia tirando i primi calci nel centro tecnico nazionale di Clairefontaine e dopo una breve parentesi nel Guingamp entra nel settore giovanile dell'Olympique Marsiglia, una delle squadre più titolate di Francia. Nel 2006/2007 va in prestito al Tours in Ligue 2 dove gioca un ottimo campionato. Perde tutta la stagione successiva per un grave infortunio al ginocchio. Nel 2008 passa a titolo definitivo al Clermont, sempre nella seconda divisione transalpina. Qui disputa due grandi annate che richiamano l'attenzione dell'Udinese che lo aveva già bloccato a gennaio. Nel giugno 2010 sbarca dunque in Italia diventando, sotto la sapiente guida tecnica di Francesco Guidolin, uno dei difensori rivelazione del campionato. Con il club friulano fino ad ora ha collezionato 88 presenze e 6 gol, diventando di fatto un pilastro della squadra. Nonostante una breve trafila nella Francia under-18, nel 2005 decide di difendere i colori del Marocco, con cui debutta nel 2008 sotto la guida tecnica di Roger Lemerre. Rimane una pedina fondamentale anche per Hassan Moumen, Eric Gerets e Rachid Taoussi arrivando a mettere in fila 30 presenze ed una rete, partecipando alla Coppa d'Africa del 2012 e a quella del 2013.

CARATTERISTICHE TECNICO-TATTICHE - Mehdi Benatia è senza dubbio uno dei difensori più affidabili del nostro campionato. Alto 1,91 per 88 kg, fisico atletico ed asciutto, destro naturale. Benatia è un difensore molto duttile e può ricoprire il ruolo di centrale in una retroguardia a 4 (dove volendo può anche giostrare da esterno basso) oppure nel centro-destra di una linea a 3. Dotato di un grande atletismo e di un buon passo è molto difficile da superare anche per le doti d'anticipo. E' dotato anche di una discreta tecnica di base grazie alla quale può impostare l'azione dalla destra (anche se non è la sua specialità) o comunque partire palla al piede. E' molto bravo nei calci piazzati sui quali è un pericolo costante per le squadre avversarie dato che il colpo di testa è una delle sue specialità. Dal punto di vista tattico è molto disciplinato (su questo ha influito molto l'esperienza con un maestro come Guidolin) anche se deve migliorare l'irruenza che lo porta a collezionare qualche cartellino di troppo.

E' UN GIOCATORE ADATTO AL NAPOLI? - Senza dubbio Benatia sarebbe un acquisto molto intelligente da parte del Napoli. Il 26enne marocchino infatti potrebbe sostituire perfettamente Campagnaro (che a luglio sarà dell'Inter) nel centro-destra della difesa a 3 di Walter Mazzarri. Il tecnico toscano, qualora dovesse rimanere, ama infatti i giocatori d'esperienza e che reputa già pronti per un campionato difficile come quello italiano e Benatia lo è senza dubbio. Dal punto di vista tattico dunque nessun dubbio, qualche perplessità in più sulla tenuta fisico del ragazzo nordafricano che nella sua carriera ha dimostrato di essere abbastanza fragile.

 

 




Commenta con Facebook