• Atalanta
  • Bologna
  • Cagliari
  • Chievo
  • Crotone
  • Empoli
  • Fiorentina
  • Genoa
  • Inter
  • Juventus
  • Lazio
  • Milan
  • Napoli
  • Palermo
  • Pescara
  • Roma
  • Sampdoria
  • Sassuolo
  • Torino
  • Udinese
  • Champions league
  • Coppa Italia
  • Europa league
  • Italia
  • Lega PRO
  • Serie A
  • Serie B

Calciomercato > Roma > Roma, Totti: "Sogno il secondo scudetto. Nazionale? Parleremo con Prandelli..."

Roma, Totti: "Sogno il secondo scudetto. Nazionale? Parleremo con Prandelli..."

Il capitano giallorosso festeggia oggi il ventennale dall'esordio in Serie A: "Giornata indimenticabile, grande soddisfazione"


Idolo giallorosso (Getty Images)
Giorgio Musso (Twitter: @GiokerMusso)

28/03/2013 14:21

ROMA 20 ANNI TOTTI / ROMA - Festa per Francesco Totti. Oggi ricorre il ventennale dall'esordio in Serie A del capitano della Roma, festeggiato stamane a Trigoria da compagni, dirigenza e famigliari. L'idolo giallorosso ringrazia: "Lo striscione? Speriamo che questa frase ("E non è ancora finita", ndr) sia vera, spero che sia di buon auspicio per il futuro. Rimarrà un giorno indimenticabile, scolpito nella mia storia personale - ha dichiarato Totti a 'Sky Sport' -. E' un momento di grande soddisfazione: per Francesco, non per Totti".

BIS SCUDETTO - "Spero in un altro scudetto, sarebbe un altro record per me. Questa società vuole vincere il titolo nel minor tempo possibile e io spero di farne parte. Dipende anche dal rinnovo, da quando tempo ancora giocherò".

PARENTESI NAZIONALE - "Vivo alla giornata, penso di gara in gara. Da qui al Mondiale c'è ancora tanto tempo, penso solo al presente adesso. Se tra un anno starò bene ne parleremo poi con Prandelli e prenderemo una decisione. Ho lasciato la Nazionale dopo la vittoria al Mondiale, la soddisfazione più grande per ogni calciatore. Non sono pentito di quella decisione, ci ho pensato tantissimo. Ho chiuso in bellezza con Germania 2006".

BANDIERA GIALLOROSSA - "Sto vivendo un grande momento, spero di continuare su questa strada. Restare per sempre qui è stata una scelta di cuore, è una decisione che mi ha agevolato in tante cose. Sono romano e romanista: per me è stato sempre un grande orgoglio indossare la maglia numero dieci e la fascia da capitano. Il ruolo? Avessi giocato sempre da centravanti, per il momento avrei già scavalcato Piola: lo dicono i numeri".

PARAGONE JUVENTUS - "Dobbiamo cercare di finire bene la stagione, nel miglior modo possibile. Vedremo alla fine se riusciremo a centrare l'Europa. In questo campionato siamo inferiori solo alla Juventus, anzi: singolarmente, come rosa, gli siamo superiori. Però la Juve è più gruppo, più collettivo. E' una squadra cattiva, cinica, che sa quello che vuole. A noi questo ancora manca".




Commenta con Facebook