• Atalanta
  • Bologna
  • Cagliari
  • Chievo
  • Crotone
  • Empoli
  • Fiorentina
  • Genoa
  • Inter
  • Juventus
  • Lazio
  • Milan
  • Napoli
  • Palermo
  • Pescara
  • Roma
  • Sampdoria
  • Sassuolo
  • Torino
  • Udinese
  • Champions league
  • Coppa Italia
  • Europa league
  • Italia
  • Lega PRO
  • Serie A
  • Serie B

Calciomercato > News > IL PAGELLONE DI CALCIOMERCATO.IT: Balotelli buona la prima, Goicoechea fantozziano

IL PAGELLONE DI CALCIOMERCATO.IT: Balotelli buona la prima, Goicoechea fantozziano

Top e Flop della 23esima giornata di Serie A, secondo i voti dei nostri inviati


Goicoechea (Getty Images)
Emiliano Forte

04/02/2013 08:29

PAGELLONE, BALOTELLI GOICOECHEA / MILANO – Il destino ha voluto che con l'infortunio di Pazzini nel pre-partita, SuperMario esordisse da titolare con la maglia del Milan. Un occasione che l'ex City e Inter non poteva e non doveva lasciarsi sfuggire. Balotelli, infatti, ha sfruttato nel migliore dei modi la grande chance ed ha trasformato il suo esordio in rossonero in una serata indimenticabile e magica. Due gol e una giornata di campionato vissuta da protagonista assoluto. Oltre alla favola di SuperMario, da segnalare le splendide prestazioni del cagliaritano Sau e del centrocampista del Siena, Sestu. Tra i “cattivi”, troviamo invece due romanisti, (Goicoechea e Burdisso), e due interisti, (Schelotto e Chivu). A testimonianza del momento no che le due squadre stanno attraversando.

TOP

5.Hamsik (Napoli) – Una prestazione maiuscola, da vero leader e campione. Con Cavani è il pilastro che può tenere in alto questo Napoli fino alla fine del campionato. Condottiero. VOTO 7

4.Lichtsteiner (Juventus) – Corre , attacca gli spazzi, ripiega e finalizza, (suo il gol del 2-0 bianconero); il tutto con una continuità impressionante fino all'80esimo minuto, quando Alessio lo richiama in panchina. Straripante. VOTO 7

3.Sestu (Siena)Disputa una gara da fenomeno, impreziosita da un gol favoloso. E' padrone assoluto della porzione di campo di sua competenza, con gli avversari che non sono riusciti ad arginare il suo gioco.  Spina nel fianco. VOTO 7

2.Sau (Cagliari) – L'ex allievo di Zeman ai tempi di Foggia, sfodera una prestazione sopra le righe fatta di tanta corsa abbinata a giocate di grande qualità. Un gol, un assit, un palo che grida vendetta e diverse occasioni da gol create. Insomma un prova di quelle che tanto piacciono al suo vecchio mentore. E' proprio il caso di dirlo, l'allievo supera il maestro. Spettacolo. VOTO 8

1.Balotelli (Milan) – Esordio in maglia rossonera col botto per SuperMario Balotelli che oltre a giocare una grande partita, mette a segno le due reti decisive che consentono al Milan di superare l'Udinese e agguantare l'Inter al quarto posto in classifica. No, non è un sogno. Chapaau. VOTO 8

FLOP

5.Schelotto (Inter) – Prima uscita con la maglia dell'Inter da dimenticare per l'ex atalantino che è apparso piuttosto spaesato e in molti frangenti impreciso e distratto finendo con l'agevolare il compito degli avversari. Non a caso si fa sorprendere e superare in velocità in occasione del vantaggio senese. Stramaccioni decide di toglierlo dalla mischia al termine del primo tempo. Intimorito. VOTO 5

4.Chivu (Inter) –  Non riesce a far valere la sua esperienza, anzi. Poco attento ed impreciso, conclude la sua gara commettendo un fallo da ultimo uomo che gli costa il cartellino rosso e che azzera ogni velleità di rimonta dei suoi. Sconsiderato. VOTO 5

3.Ciani (Lazio) – Ci mette il fisico ma non basta; è tutt'altro che impeccabile e finisce col perdere il confronto con Borriello.  Inoltre non è esente da colpe in occasione del decisivo 3-2 genoano. Disorientato. VOTO 4,5

2.Burdisso (Roma) – L'argentino, costantemente in affanno, come del resto tutto il reparto arretrato giallorosso, gioca una gara di grande sofferenza. Tanti, troppi, gli svarioni e gli errori anche dal punto di vista tattico. Confuso. VOTO 4,5

1.Goicoechea (Roma) – Il portiere uruguaiano rischia seriamente di lasciare il segno nel nostro campionato per via di una papera clamorosa come quella che nella serata di venerdì ha spianato la strada al Cagliari ed ha affossato le speranze di riscatto della Roma targata Zeman. Troppo insicuro, spesso titubante, delude ancora come già più volte nel corso della stagione. Errare è umano, perseverare è...Diabolico. VOTO 3




Commenta con Facebook