Breaking News
  • ESCLUSIVO Zeman: "Inter anti-Juve. Sarri mi somiglia. Su Totti..."
    © Getty Images
Esclusivo

ESCLUSIVO Zeman: "Inter anti-Juve. Sarri mi somiglia. Su Totti..."

L'ex tecnico di Roma e Lazio ha parlato di Juventus, Inter, Sarri e della vicenda Totti

ZEMAN ROMA TOTTI JUVENTUS INTER SARRI / Zdenek Zeman attende da un po' di tornare in panchina. Nel frattempo, il tecnico boemo è sempre un attento osservatore delle vicende del campionato italiano. Di Juventus, Inter, ma anche della Roma e di Francesco Totti, ha parlato in esclusiva ai microfoni di Calciomercato.it.

Mister Zeman, la Juventus ha ingaggiato Sarri. Cosa ne pensa?  

"Dopo tanti di Allegri, credo che la Juventus cerchi qualcosa di diverso e Sarri sono convinto sia l'allenatore giusto". 

Il club bianconero punta al bel gioco, ma l'imperativo vincere resta primario. Secondo lei riuscirà il nuovo tecnico a coniugare le due cose? 

"Penso di sì, resto convinto che chi gioca meglio abbia più possibilità di vincere Lui ha fatto bene a Napoli e con il Chelsea, credo possa dare qualcosa di diverso sotto il profilo del gioco". 

L'ex allenatore del Chelsea predilige il gioco offensivo. Qualcuno lo ha accostato a lei. Vede qualche similitudine?

"Sul piano tattico no. Lui fa più possesso palla rispetto a me, io preferisco verticalizzare. Però, anche Sarri, come il sottoscritto, dà un'identità alla squadra e predilige il gioco d'attacco". 

Con l'arrivo di Conte, l'Inter potrà colmare il gap dalla Juventus?

"Credo che l'Inter sarà la rivale numero uno dei bianconeri".  

In casa Roma ennesimo cambiamento. E' arrivato Fonseca.

Farà bene?

"Bisogna vedere la campagna acquisti".

Sulla proprietà americana si è espresso più volte.

"Per me la Roma è una delusione, merita di più. Pallotta ha fatto tutti gli sforzi esclusivamente per costruire lo stadio. Ora vedremo come andrà a finire". 

Quale effetto le ha fatto l'addio di Totti? 

"A me ha fatto più male il suo addio da giocatore, perchè credo potesse dare ancora qualcosa. Come dirigente non gli hanno fatto fare nulla,  non serviva, se non come rappresentanza. Meglio che sia andato via. Francesco è nato nella Roma e credo dovesse 'morire' in questa società, ma non hanno voluto". 


La sua seconda esperienza sulla panchina giallorossa andò male. Ha qualche rimpianto?

"Sì, non aver potuto disputare la finale di Coppa Italia, visto che l'avevo conquistata io. Mi hanno mandato via prima". 

Sponda Lazio, confermati Inzaghi e il ds Tare. I biancocelesti possono fare il salto di qualità tanto atteso dai tifosi?

"Credo possa lottare per la Champions League".

Lei è tifoso della Lazio o della Roma? 

"Mi sono trovato bene sia nella Lazio sia nella Roma di Sensi".

Il suo cuore però immaginiamo abbia una preferenza...

"Fare qualcosa di buono per la Roma mi ha dà più soddisfazioni".

Quando rivedremo Zeman su una panchina? 

"Sto aspettando. Io ho il desiderio di lavorare, ma gli altri evidentemente non vogliono". 

Quintiliano Giampietro

 

Scrivi un Commento

Invia Commento

Comments (0)