Breaking News
  • Atalanta-Inter, Spalletti in conferenza: "Nainggolan non ci sarà. Pjanic? A Torino..."
    © Getty Images

Atalanta-Inter, Spalletti in conferenza: "Nainggolan non ci sarà. Pjanic? A Torino..."

Le parole del tecnico interista alla vigilia della trasferta di Bergamo

ATALANTA INTER CONFERENZA STAMPA SPALLETTI / Un altro test molto importante per l'Inter che dopo il pareggio in extremis col Barcellona in Champions League, a Bergamo contro l'Atalanta vuole allungare la striscia di sette vittorie consecutive in campionato. Alla vigilia del match, in conferenza stampa il tecnico nerazzurro Luciano Spalletti fa il punto sulle news Inter. Ecco le parole raccolte da Calciomercato.it.

Sulla stanchezza dei giocatori impegnati in Champions League: "Sicuramente Brozovic è stanco, sia per il minutaggio che per tutto ciò che crea. Ma proprio per questo è difficile rinunciare al croato, oggi valuteremo. Borja Valero sta benissimo, mentre Nainggolan, nonostante la grande volontà messa in campo e a disposizione del gruppo, difficilmente sarà della partita".

Sull'Atalanta: "Ci troviamo di fronte una grandissima squadra, nonostante i numeri. In fatto di statistiche all'interno della partita e non di punti, l'Atalanta ha delle cifre migliori anche delle nostre, una squadra che in casa si esalta e fa valere la sua superiorità.

Gasperini fa bene al calcio, lo rende più bello e più moderno".

Su Mourinho e il suo gesto con la Juventus: "Ci sono pressioni emotive, soprattutto in determinate partite che vanno poi a sommarsi. Penso che finchè su resti su eventi del genere, resta sullo spettacolo. Se vai a stuzzicare un leone, un leone ruggisce".

Sul cambio di ruolo di Brozovic e qualche esempio sul suo passato: "A Torino hanno detto che Pjanic non si può nominare, ma il bosniaco rende bene l'idea su come sia stato il suo cambio di ruolo in campo. Ma non sono io che l'ho fatto, sono loro che con le caratteristiche che hanno mi hanno portato a prendere quel tipo di decisione".

Sulla vittoria del campionato: "La Juventus probabilmente vincerà lo scudetto. Ma durante una stagione ci sono delle insidie e le squadre che rincorrono devono essere impeccabili. Non sono uno che te la da vinta, neanche dopo il fischio dell'arbitro al 95esimo".

Sulla questione stadio: "E' un bene che abbiano trovato l'accordo Inter e Milan. Io sono già felice di San Siro com'è, ma due società di questo calibro possono migliorarlo ancora di più".

Su Gagliardini, Dalbert e Joao Mario: "Loro tre sono qualcosa di speciale, dei professionisti veri. Nonostante non giochino sempre, sono pronti e a disposizione e lavorano alla grande".

 

 

Tutte le ultime news di calcio e calciomercato le trovi a questo link.

SEGUIRANNO AGGIORNAMENTI

Scrivi un Commento

Invia Commento

Comments (0)