Breaking News
  • Inter-Parma, Spalletti alza la voce: "Rigore clamoroso. Io il responsabile"
    © Getty Images

Inter-Parma, Spalletti alza la voce: "Rigore clamoroso. Io il responsabile"

Il tecnico nerazzurro dopo la sconfitta interna contro i ducali

INTER PARMA SPALLETTI / L'Inter perde in casa contro il Parma e vede la vetta allontanarsi: i nerazzurri sono puniti da una grande rete dell''interista' Dimarco, lo stesso difensore che è protagonista di un episodio da moviola nell'are ducale. Al termine del match a 'Sky', Luciano Spalletti ha commentato così la partita: "Questa cosa di D'Ambrosio ci crea qualche problema, per non far giocare lui e Asamoah insieme in vista di martedì. C'era da vincere la partita ma anche da fare dei ragionamenti poi non è successo perché quando le cose ti girano contro... possiamo mettere Skriniar sulla sinistra o di mettere la difesa a tre perché c'è Miranda". 

PASSI FALSI E FIDUCIA - "E' chiaro che essendo l'Inter e giocando a San Siro davanti a un pubblico numeroso, avendo già perso due partite trovare scuse è difficile.

Bisogna fare di più anche se per lunghi tratti abbiamo fatto bene, gli abbiamo concesso giusto due 

RIGORE DIMARCO - "Questo è clamoroso. Non so come funziona la Var, ma è veramente clamoroso: devia la palla con il braccio, è abbastanza chiaro. Mi dispiace che loro sono entrati in campo per fare ostruzionismo. La palla si devia nettamente, non so se va dentro ma è clamoroso. Poi noi dobbiamo fare di più. Non vedo neanche la presunzione che crea queste differente di rendimento: sono ragazzi modesti, moderati, non sono convinti di aver diritto a qualcosa per la maglia che hanno". 

POLITANO - "Sembrava quasi che non ce la facesse nel secondo tempo. E' qualcosa che avviene a livello di tensione che se la sente tutto addosso e viene limitato. Tre-quattro giocatori hanno avuti i crampi anche oggi ma è la tensione non è la scarsa attenzione. Cerchi di fare qualcosa in più e poi arrivano le spaccature come quando abbiamo preso gol. Dobbiamo fare di più, abbiamo potenzialità superiori e io sono il responsabile". 

Scrivi un Commento

Invia Commento

Comments (0)