Breaking News
  • Italia, Criscito attacca: "Per Ventura la Russia era lontana..."
    © Getty Images

Italia, Criscito attacca: "Per Ventura la Russia era lontana..."

Il difensore prossimo al Genoa ha parlato della Nazionale azzurra

ITALIA GENOA CRISCITO / Dopo sette anni trascorsi in Russia, Mimmo Criscito fa ritorno in Italia, dove dalla prossima stagione giocherà di nuovo nel Genoa. L'esperto difensore ha raccontato le sue sensazioni nel giorno dell'addio e le prospettive future: "Ho pianto. Eccome se ho pianto, mica ho un iceberg al posto del cuore - le sue parole a 'Tuttosport' - Credetemi, è stata una sensazione impareggiabile aver capito d’essere diventato importante per lo Zenit. Non mi aspettavo che, al momento della sostituzione, si sarebbero precipitati tutti ad abbracciarmi. Ho anche sorriso, e non poco: quando siamo arrivati sotto la curva i tifosi hanno srotolato striscioni che avevano tenuto nascosti fino a quel momento. Pensate: uno era in napoletano e recitava 'Criscito brav uaglion'. Messaggio clamoroso e grafia impeccabile".

MANCINI - "E' uno spettacolo, datemi retta. Umanamente e professionalmente.

Domenica contro lo SKA Khabarovsk mi ha fatto uscire a pochi secondi dal termine perchè potessi ricevere l’ovazione dei tifosi. Lo conoscevo già prima che venisse ad allenare qui perché c’eravamo sentiti quando era all’Inter e aveva sondato la mia disponibilità a trasferirmi in nerazzurro. I casi della vita ci hanno fatto reincontrare qui. Sono felice della scelta di affidare a lui la ricostruzione della Nazionale azzurra: ha carisma, esperienza e enorme conoscenza dell’argomento calcio. E’ l’uomo giusto per riportarci nell’élite del fùtbol".

LA NAZIONALE - "Posso essere sincero: io qualche battuta sulla Nazionale al mister l’ho fatta, eccome. Del resto, Mancini sa cosa posso dare, lo sa benissimo: mica è come Ventura che considerava la Russia troppo lontana per venirmi a vedere... Spero davvero con tutto il cuore d’avere la chance di tornare a vestire l’azzurro. Io con la Nazionale ho sempre avuto problemi da quel giorno di fine maggio del 2012 quando arrivarono i carabinieri a Coverciano... Ora ho 31 anni, di tempo ne ho ancora, quindi rimango positivo: ho un sacco di ottimismo della volontà, come diceva Gramsci".
 

Scrivi un Commento

Invia Commento

Comments (0)