Breaking News
  • Calciomercato Roma, da Emery a Montella: il borsino degli allenatori
© Getty Images

Calciomercato Roma, da Emery a Montella: il borsino degli allenatori

Pro e contro dei vari tecnici sul taccuino giallorosso

CALCIOMERCATO ROMA BORSINO ALLENATORI / Continua la ricerca del possibile sostituto di Luciano Spalletti in ottica calciomercato Roma.
Tutte le riserve sul futuro allenatore giallorosso verranno sciolte nelle prossime settimane.
La stagione si avvia alla conclusione, mancano ancora 7 giornate nelle quali il tecnico toscano dovrà prendere la decisione definitiva: rimanere nella capitale o lasciare il club.
I nomi circolati in questi giorni frenetici di calciomercato sono quelli di Di Francesco, Montella, Gasperini, Emery, Mancini, Pochettino e Sarri.
Analizzando il loro percorso, studiamo i pro e i contro di ogni singolo candidato.

Allenatore Roma, pro e contro degli italiani


Eusebio Di Francesco e Vincenzo Montella sono quelli che più di tutti conoscono già l’ambiente romano, il primo per averci giocato da calciatore, il secondo, oltre ad aver indossato la maglia giallorossa, ha anche allenato la squadra nell'interregno tra Sensi e americani.
Per quanto riguarda il tecnico del Sassuolo, il dubbio che emerge di più è quello di non aver mai allenato una big e di avere poca esperienza internazionale.
I pro sono invece riscontrabili nel gioco propositivo e nel saper lanciare e valorizzare molti giovani.
Fa invece da contraltare la scarsa solidità difensiva che ha spesso esposto gli emiliani a rimonte clamorose.
Per quanto riguarda l'attuale tecnico del Milan, è sicuramente un vantaggio avere già 'affrontato' piazze esigenti come quelle di Firenze e Milano.
Sull'altra sponda dei Navigli, Gian Piero Gasperini non ha certo avuto vita facile all'Inter.
La sua avventura nel club nerazzurro non durò neanche 3 mesi, nei quali non riuscì ad ottenere nemmeno una vittoria ufficiale.
Al pari di Di Francesco, anche l'allenatore dell'Atalanta è spesso stato in grado di creare la giusta alchimia tra valorizzazione dei giovani e bel gioco.

Allenatore Roma, da Mancini a Sarri: suggestione o realtà?

Nella lista giallorossa figurano anche i nomi di Roberto Mancini e Maurizio Sarri, che rappresentano ad oggi le piste più ambiziose e complicate.
Il primo stava per iniziare la stagione alla guida dell’Inter, prima della risoluzione del contratto avvenuta lo scorso agosto per divergenze con la proprietà cinese, il secondo invece ha un contratto con il Napoli.
Per quanto riguarda quest’ultimo, la ricerca.
del gioco offensivo e la perizia tattica rappresentano pregi importanti Un altro punto a suo favore potrebbe essere la valorizzazione di calciatori apparentemente in crisi: per informazioni chiedere ai vari Koulibaly, Hamsik e Albiol, usciti con le ossa rotte dall'era Benitez.
A suo sfavore, invece, ci potrebbero essere i cali di tensione dei suoi giocatori, oppure la poca rotazione della rosa, visto che spesso ama affidarsi i soliti 14-15 calciatori.
Tornando a Mancini, una garanzia è rappresentata dal curriculum internazionale e dal suo attivismo sul fronte mercato.

Come piste estere rimangono in piedi quelle che portano a Unai Emery del PSG e Mauricio Pochettino del Tottenham.
Il tecnico spagnolo potrebbe ritrovare la sinergia con il ds Monchi, avuta ai tempi del Siviglia.
In questa stagione oltre al non aver gestito bene alcuni rapporti con i calciatori (Ben Arfa e Jesé su tutti), c’è la grande macchia della gara di ritorno degli ottavi di Champions al Camp Nou.
Nella sua esperienza con il club parigino ha già ottenuto la Supercoppa di Francia e la Coppa di Lega francese.
Per quanto riguarda l’allenatore argentino, si riscontra un miglioramento costante della fase difensiva, senza tuttavia danneggiare l'aspetto offensivo, come testimoniano la migliore difesa del campionato (22 gol subiti), abbinata al terzo miglior attacco (64 gol realizzati).
Dalla sua anche la 'sponsorizzazione' di Franco Baldini, che lo volle fortemente agli 'Spurs'.

 

Scrivi un Commento

Invia Commento

Comments (0)