• Atalanta
  • Bologna
  • Cagliari
  • Chievo
  • Crotone
  • Empoli
  • Fiorentina
  • Genoa
  • Inter
  • Juventus
  • Lazio
  • Milan
  • Napoli
  • Palermo
  • Pescara
  • Roma
  • Sampdoria
  • Sassuolo
  • Torino
  • Udinese
  • Champions league
  • Coppa Italia
  • Europa league
  • Italia
  • Lega PRO
  • Serie A
  • Serie B

Calciomercato > Palermo > De Zerbi saluta Palermo, ma c'è una clausola. E Corini pronto ad accontentare Zamparini

De Zerbi saluta Palermo, ma c'è una clausola. E Corini pronto ad accontentare Zamparini

L'ex tecnico del Foggia è stato sollevato dall'incarico dopo neanche due mesi


De Zerbi-Corini © Getty Images
ESCLUSIVO
Giorgio Elia - Daniele Gargiulo

30/11/2016 21:45

PALERMO DE ZERBI DETTAGLI CONTRATTO CORINI MODULO / E' ufficiale: l'avventura di Roberto De Zerbi alla guida del Palermo è terminata. L'ex tecnico del Foggia è stato sollevato dall'incarico dopo nemmeno due mesi nel corso dei quali è riuscito a centrare una sola vittoria e collezionare il poco invidiabile record di sette sconfitte consecutive, un 'traguardo' che nessuno era mai riuscito a centrare in Serie A. Nonostante questo, però, il patron Zamparini lo aveva sempre difeso a spada tratta lasciando intravedere un deciso cambio di rotta in fatto di allenatori rispetto al passato. Ma si è trattata di una svolta temporanea: quest'oggi infatti ha deciso di tornare sui suoi passi e affidare la panchina dei rosanero a Eugenio Corini, che diventa così il terzo allenatore di questa stagione.

ADDIO DE ZERBI: DETTAGLI E CLAUSOLE DEL SUO CONTRATTO

Lo scorso 6 settembre il Palermo ufficializzava l'ingaggio di Roberto De Zerbi al posto di Davide Ballardini. Per lui un biennale da 500mila euro all'anno e non solo: come raccolto da Calciomercato.it, all'interno del suo contratto era stata inserita una clausola anti-esonero dell'ammontare di altri 500mila euro. ll conto quindi è presto fatto: sulla carta, per liberarsi del tecnico di Brescia Maurizio Zamparini dovrà sborsare 1 milione e mezzo di euro. Al momento le parti non stanno discutendo sulla risoluzione dell'accordo, quindi il patron rosanero sarà chiamato a rispettare quanto concordato sessanta giorni fa. Anche se, in questo caso, la situazione è in piena evoluzione e non si escludono eventuali accordi e possibili buonuscite.

ARRIVA CORINI: SI TORNA ALLA DIFESA A TRE?

"Ho sempre avuto un rapporto sincero con lui e posso dire di avere avuto anche dei contrasti, ma quando due persone si parlano con onestà intellettuale tutto si risolve". Corini non si era lasciato benissimo con Zamparini all'epoca: discordie sulla durata del contratto che doveva far chiudere la carriera dell'ex centrocampista nel capoluogo siciliano. I due però, nel corso di questi anni, si sono sempre scambiati attestati di stima: "Il presidente (Zamparini, ndr) è una persona che mette tanta passione nel proprio lavoro e Palermo è una piazza importante. Giustamente ogni allenatore sarebbe felice di potersi misurare in un club di livello", spiegava Corini. Ora è arrivato il suo momento e, dopo l'esperienza alla guida del Chievo Verona, è pronto a rimettersi in gioco dopo due anni di inattività. In attesa di gennaio, quando il calciomercato Palermo potrebbe riservare qualche rinforzo, bisogna fare di necessità virtù e lavorare con le risorse già presenti nella rosa, con occhio particolare verso la tattica. Nel suo trascorso in gialloblu ha utilizzato tre moduli in particolare: il 4-3-1-2, il 4-3-3 ed il 3-5-2. Proprio quest'ultimo potrebbe essere la base dalla quale ripartire per cercare di tirare fuori il Palermo dalle sabbie mobili. Per due ordini di motivi: sembra essere la disposizione più congeniale alla luce delle caratteristiche della rosa siciliana, ma soprattutto è lo schieramento preferito dallo stesso Zamparini. Dopo essere stato 'costretto' a digerire il 4-3-3 di De Zerbi, il numero uno rosanero potrebbe essere finalmente accontentato. 




Commenta con Facebook