• Atalanta
  • Bologna
  • Cagliari
  • Chievo
  • Crotone
  • Empoli
  • Fiorentina
  • Genoa
  • Inter
  • Juventus
  • Lazio
  • Milan
  • Napoli
  • Palermo
  • Pescara
  • Roma
  • Sampdoria
  • Sassuolo
  • Torino
  • Udinese
  • Champions league
  • Coppa Italia
  • Europa league
  • Italia
  • Lega PRO
  • Serie A
  • Serie B

Calciomercato > Milan > Milan, dalla Cina le prove per il closing: ipotesi proroga

Milan, dalla Cina le prove per il closing: ipotesi proroga

Le parole di Berlusconi sembrano aver scosso la trattativa


Berlusconi e Galliani © Getty Images
Luca Incoronato (@_n3ssuno_)

29/11/2016 10:01

CALCIOMERCATO MILAN FININVEST CLOSING BERLUSCONI / MILANO - Nonostante gli ottimi risultati ottenuti dal Milan di Montella, che ruba punti alla Juventus, approfittando al meglio del suo passo falso in casa del Genoa, l'argomento più caldo nell'ambiente rossonero resta quello del tanto atteso closing. 

Se ne discute da mesi ormai, tra parvenze di certezze e ultimatum. Questo topic è stato nuovamente affrontato e sviscerato nell'edizione odierna del 'Sole24ore', ribadendo come la questione mediatica venutasi a creare a Milano abbia infine mostrati gli ovvi segni anche in Cina, soprattutto dopo le dichiarazioni di Silvio Berlusconi, che ha anche guardato al futuro, verso un possibile mercato Milan guidato ancora da lui e Galliani.

Dalla voglia di Milan all'annuncio della cessione. Berlusconi fa 'tremare' la Cina

Pochi giorni fa il presidene del Milan, Silvio Berlusconi, ha sottolineato la voglia di restare in rossonero soltanto con poteri decisionali, dal mercato ai moduli tecnici. Aveva inoltre ribadito come il closing potesse slittare, lasciando intendere che un po', data la forte passione rossonera, sperasse in un ritiro da parte del gruppo dirgienziale cinese, sottolineando anche alcune strategie di calciomercato: "Nel caso non cercheremo altri investitori. Costruiremmo una squadra molto giovane, di tutti italiani". 

Un finale a sorpresa per una storia che ha ancora molto da raccontare, con lo stesso Berlusconi che, in pochi giorni, pare fare dietrofront: "Il Milan è già venduto, gli acquirenti hanno delle difficoltà ad ottenere delle autorizzazioni in Cina per l'esportazione di capitale. Sarà presto accontentato chi non vuole più me e Montolivo: io dopo il 13 non ci sarò più e Montolivo è infortunato ancora per molti mesi. Quindi il Milan vincerà tutto".

 

Milan-Cina: la lunga strada verso il closing

 

Sembrerebbe che il gruppo cinese sia intenzionato a dare certezze in merito alla disponibilità fisica dei propri capitali, fornendo soprattutto i nomi degli investitori entro questo fine settimana. 

La trattativa subirebbe così una decisa svolta, soprattutto sotto l'aspetto mediatico, dal momento che, senza una certa dose di chiarezza, la trattativa è apparsa sempre sul filo del rasorio. Intanto Fininvest avrebbe ricevuto garanzie in merito alla disponibilità dei restanti 420 milioni di euro, anche se sarà necessaria ancora qualche autorizzazione governativa per l'esportazione dei capitali. 

Un discorso già fatto, al quale ora potrebbero seguire rassicurazioni (nero su bianco) concrete, com'è giusto che sia all asvolta finale di questa trattativa, che il 13 dicembre dovrebbe veder realizzare il suo atto conclusivo, anche se, dovessero giungere documenti confortanti, Fininvest potrebbe anche concedere una proroga, dovesse saltare la data pattuita.




Commenta con Facebook