• Atalanta
  • Bologna
  • Cagliari
  • Chievo
  • Crotone
  • Empoli
  • Fiorentina
  • Genoa
  • Inter
  • Juventus
  • Lazio
  • Milan
  • Napoli
  • Palermo
  • Pescara
  • Roma
  • Sampdoria
  • Sassuolo
  • Torino
  • Udinese
  • Champions league
  • Coppa Italia
  • Europa league
  • Italia
  • Lega PRO
  • Serie A
  • Serie B

Calciomercato > Italians & Passengers > ITALIANS - Balotelli eroe a Nizza. Guidolin e Di Matteo: capolinea

ITALIANS - Balotelli eroe a Nizza. Guidolin e Di Matteo: capolinea

Le pagelle e i top/flop del fine settimana dei giocatori italiani all'estero


Mario Balotelli ©Getty Images
Michele Furlan (Twitter: @MicheleFurlan1)

04/10/2016 16:59

ITALIANS PAGELLE GIOCATORI ITALIANI ESTERO EX STRANIERI SERIE A / ROMA - Torna su Calciomercato.it l'appuntamento settimanale con Italians: ecco le pagelle dei principali giocatori e allenatori italiani all'estero e i top ed i flop dell'ultimo turno di campionato. Questa settimana al top Mario Balotelli, Grifo, Verratti e Stramaccioni. Flop Di Matteo, Zaza, Grifo e Carrera. 


ITALIANS - LE PAGELLE DEI GIOCATORI ITALIANI ALL'ESTERO

 

PREMIER LEAGUE


ANGELO OGBONNA (West Ham): 5,5 - Slaven Bilic lo schiera terzino sinistro della difesa a 4. L'ex Juventus e Torino si comporta meglio del solito ma non è comunque brillante quanto servirebbe. Tra West Ham e Middlesbrough finisce 1-1. 

SIMONE ZAZA (West Ham): 5 - Entra nella ripresa rilevando Töre ma l'ex attaccante della Juventus non riesce mai ad essere incisivo. Da dimenticare per lui questo avvio di avventura in Premier League in una squadra che sta facendo tanta fatica. 

NON HANNO GIOCATO: Matteo Darmian (Manchester United), Stefano Okaka (Watford), Fabio Borini (Sunderland), Vito Mannone (Sunderland).


DALLA PANCHINA:

ANTONIO CONTE (Chelsea): 6,5 - L'Hull City in casa ha perso quasi sempre ma il Chelsea di Antonio Conte ha il grosso merito di entrare in campo con il coltello tra i denti per rimediare ai due ko consecutivi con Liverpool ed Arsenal. Missione compiuta. 

CLAUDIO RANIERI (Leicester): 5,5 - Il pareggio contro il Southampton è un risultato giusto che proietta il Leicester ad un campionato di fatica. Il tecnico italiano lo sapeva: la conferma dopo l'annata strepitosa del titolo sarebbe stata una impresa ancor più grande.

FRANCESCO GUIDOLIN (Swansea): 5,5 - La sconfitta interna contro il Liverpool gli costa la panchina dello Swansea, ora affidata a Bob Bradley. Ma la colpa non è solamente sua: contro i 'Reds' tantissime le occasioni sprecate. In generale, però, una vittoria in 7 partita è troppo poco.

WALTER MAZZARRI (Watford): 5,5 - In misura minore sta pagando lo stesso scotto del Leicester. Dopo un avvio sorprendente, infatti, il suo Watford comincia a mostrare qualche crepa. Nel 2-2 col Bournemouth tante, troppe, le incertezze difensive su cui il tecnico toscano deve lavorare. 

CHAMPIONSHIP

DALLA PANCHINA:

ROBERTO DI MATTEO (Aston Villa): 4 - Era partito con altre aspettative e con un ruolo da possibile protagonista. Di Matteo e l'Aston Villa, invece, si sono arenati dopo 11 partite. Una sola vittoria, 12 le reti incassate, eliminazione dalla coppa di lega per mano del Luton e un 2-0 subito in casa del Preston che ha sancito l'esonero.

 

LIGUE 1

THIAGO MOTTA (Psg): 6,5 - Dopo lo scivolone di Tolosa torna il Thiago Motta che in questi anni ha saputo essere sempre un riferimento per il Psg. Ordinato, pulito e quasi mai in difficoltà. Anche lui fondamentale per orchestrare la manovra e per fare da diga in mezzo al campo. 

MARCO VERRATTI (Psg): 7 - Quando sta bene è il faro del Psg. Di Maria e Lucas vengono imbeccati dai suoi palloni geniali e il palleggio è di un altro livello. Peccato (anche in chiave azzurra) che sia costretto ad uscire al minuto 73 rimpiazzato da Rabiot. 

MARIO BALOTELLI (Nizza): 7 - 'SuperMario' è tornato e fa sul serio. Decisivo per il suo Nizza con una meravigliosa rete che sigilla il 2-1 in casa contro il Lorient. Viene espulso nel finale per doppio giallo ma la squalifica gli sarà probabilmente revocata: l'arbitro, infatti, ha ammesso l'errore di valutazione. 

NON HANNO GIOCATO: Andrea Raggi (Monaco), Morgan De Sanctis (Monaco).


BUNDESLIGA


GIULIO DONATI (Mainz): 6 - La prestazione sarebbe da 5,5: spinge poco in fase offensiva e in difesa si trova spesso in difficoltà. E' decisivo, però, nella ripresa quando salva sulla linea una conclusione a botta sicura di Julian Draxler. Se la gara termina 0-0 il merito è anche suo. 

VINCENZO GRIFO (Friburgo): 7 - Dopo tante partite di livello a bocca asciutta, ecco il primo gol in Bundesliga. Il Friburgo supera l'Eintracht Francoforte grazie ad una sua rete. Grifo, in grande spolvero, va vicinissimo anche al raddoppio mostrando una condizione invidiabile. 

NON HANNO GIOCATO: Gianluca Curci (Mainz), Luca Caldirola (Werder Brema). 

 

DALLA PANCHINA

CARLO ANCELOTTI (Bayern Monaco): 5,5 - Il Bayern perde in casa dell'Atletico Madrid e poi non va oltre l'1-1 all' 'Allianz' contro il Colonia. Il problema è soprattutto nelle troppe occasioni non sfruttate dai bavaresi che avrebbero potuto chiudere in goleada. Una problematica che Ancelotti deve affrontare per ripartire al meglio dopo la sosta.


LIGA

ROBERTO SORIANO (Villarreal): 5 - Non è ispirato come nelle altre partite viste in questa stagione. Con il passare dei minuti risulta poco più che evanescente tanto che Fran Escribà lo sostituisce al 69' con Cheryshev.

NICOLA SANSONE (Villarreal): 5,5 - Un mese di settembre straosferico e la convocazione in Nazionale. Prevedibile che l'ex Sassuolo avrebbe tirato il fiato prima o poi. E' successo contro l'Espanyol, sfida in cui si è mostrato pericoloso in un paio di occasioni senza però strappare la sufficienza. 

CRISTIANO PICCINI (Betis Siviglia): 5 - Non bene, questa volta. Il suo Betis Siviglia perde in casa della Real Sociedad e lui è protagonista in negativo lasciandosi sfuggire Vela in marcature in occasione della rete che decide la partita.


NON HANNO GIOCATO: Alessio Cerci (Atletico Madrid), Giuseppe Rossi (Celta Vigo), Salvatore Sirigu (Siviglia), Daniele Bonera (Villarreal), Alberto Brignoli (Leganes).

 

RESTO DEL MONDO

EZEQUIEL SCHELOTTO (Sporting CP): 5,5 - Parte bene e gioca almeno un'ora di buon livello, tenendo in difesa e proiettandosi in fase offensiva. Nel finale va in confusione insieme ai compagni di difesa e sul 3-3 di Soares è colpevole in marcatura. 

DOMENICO CRISCITO (Zenit): 6,5 - Con Mircea Lucescu ha ritrovato lo smalto migliore anche al centro della difesa. Autoritario e carismatico nel big match vinto contro lo Spartak Mosca, si toglie anche lo sfizio di segnare l'1-0 realizzando un calcio di rigore. 

SALVATORE BOCCHETTI (Spartak Mosca): 5,5 - Mezzo voto in più per la rete del momentaneo pareggio. In fase difensiva non è sicuramente il peggiore dei suoi ma non riesce a tappare le falle create e spesso va in difficoltà contro l'attacco organizzato dello Zenit. 

CRISTIAN PASQUATO (Krylya Sovetov Samara): s.v - Gioca meno di 10' nella vittoria contro l'Anzhi Makhachkala. 

LUCA MARRONE (Zulte Waregem): 6 - Partita onesta dell'ex Juventus, schierato difensore centrale nella sfida tra lo Zulte Waregem e il Charleroi. Può fare sicuramente meglio considerando che la linea difensiva a quattro non è il suo habitat naturale. 

ANDREA PIRLO (New York City Fc): 6 - Essenziale ma efficace nella difficile trasferta di Houston vinta 2-0 dal suo New York City. Serve a Villa il pallone dell'1-0, per il resto deve anche lottare in una gara spigolosa. 

MARCO DONADEL (Montreal Impact): 5,5 - Spesso messo spalle al muro dalla manovra di Orlando che, nonostante la sconfitta, tiene in mano il pallino del gioco. Per Donadel è quindi una partita difficile di fronte ad un avversario tosto e forte fisicamente. 

MATTEO MANCOSU (Montreal Impact): 6 - Gioca 78' sacrificandosi come non mai e ripiegando per aiutare i suoi, spesso in difficoltà contro gli attaccanti di Orlando. Non riesce ad essere incisivo in attacco (il gol partita lo realizza Oduro) ma esce comunque stremato. 

ANTONIO NOCERINO (Orlando City): 6 - Meglio del previsto. Orlando, come detto, tiene il gioco e per una serie di errori sotto porta riesce addirittura a perdere. Nocerino è bravo a fare filtro ma anche a rilanciare immediatamente l'azione, riscattandosi dopo alcune prove insufficienti. 


NON HANNO GIOCATO: Nicola Leali (Olympiacos), Giandomenico Mesto (Panathinaikos), Graziano Pellè (Shandong Luneng), Sebastian Giovinco (Toronto Fc), 

 

DALLA PANCHINA:

MASSIMO CARRERA (Spartak Mosca): 5 - L'avvio era stato decisamente promettente ma il 4-2 patito in casa dello Zenit ha messo in mostra tanti difetti dello Spartak. Buona la fase offensiva, meno quella difensiva anche per via di un centrocampo sfilacciato. Accorgimenti sui cui Carrera dovrà intervenire. 

ANDREA STRAMACCIONI (Panathinaikos): 7 - Partita strana quella vinta con l'Asteras Tripoli. Tre calci di rigore (due per il Panathinaikos e uno per gli ospiti) ma il 3-1 finale non consente appelli. L'ex allenatore dell'Inter è primo in classifica meritatamente, a +1 sull'Olympiacos e ancora imbattuto. 


ITALIANS - TOP E FLOP 3 ITALIANI ALL'ESTERO

TOP

MARIO BALOTELLI (Nizza): 7

ANDREA STRAMACCIONI (Panathinaikos): 7

VINCENZO GRIFO (Friburgo): 7

FLOP

MASSIMO CARRERA (Spartak Mosca): 5

SIMONE ZAZA (West Ham): 5

ROBERTO DI MATTEO: 4




Commenta con Facebook