• Atalanta
  • Bologna
  • Cagliari
  • Chievo
  • Crotone
  • Empoli
  • Fiorentina
  • Genoa
  • Inter
  • Juventus
  • Lazio
  • Milan
  • Napoli
  • Palermo
  • Pescara
  • Roma
  • Sampdoria
  • Sassuolo
  • Torino
  • Udinese
  • Champions league
  • Coppa Italia
  • Europa league
  • Italia
  • Lega PRO
  • Serie A
  • Serie B

Calciomercato > Milan > Calciomercato Milan, Bacca: "Ecco perché sono rimasto. Montella mi ha detto..."

Calciomercato Milan, Bacca: "Ecco perché sono rimasto. Montella mi ha detto..."

L'attaccante colombiano ha deciso di proseguire l'avventura in rossonero


Carlos Bacca ©Getty Images

18/08/2016 16:30

CALCIOMERCATO MILAN BACCA FUTURO MONTELLA / MILANELLO - Carlos Bacca è pronto ad affrontare una nuova stagione dopo tantissime voci sul suo futuro che hanno condizionato il calciomercato Milan. L'attaccante della Colombia ha parlato ai microfoni di 'Milan TV', a cominciare proprio dalle indiscrezioni di calciomercato: "Sono state dette tante cose. Sì, alcuni club si sono interessati e hanno presentato delle offerte, ma la verità è che grazie al Signore abbiamo deciso di stare qui, con la squadra. Io sono contento e sto lavorando per arrivare al 100% ad ogni partita. Sono contento di essere rimasto e mi piace giocare in una squadra come il Milan".

MONTELLA - "Mi ha definito 'forte'? Parole che non possono non farmi piacere. Appena arrivato, uno dei primi giorni è venuto da me ed è stato sincero e chiaro e questo mi ha riempito di fiducia. E' stato importante il fatto che mi abbia detto chiaro e tondo come stessero le cose. Penso che si veda dentro al campo: io mi sto adattando alle sue richieste e presto si vedranno i risultati, ne sono certo".

STAGIONE - "Ho grande fiducia per questa annata. Abbiamo un allenatore a cui piace giocare il pallone ed essere propositivo. Speriamo di far vedere i primi risultati sin dalle prime partite. Mi piace molto questo sistema di gioco e potrebbe permettermi di avere anche tre o quattro occasioni per segnare a partita".

CHAMPIONS LEAGUE - "Ovviamente uno dei motivi (del possibile addio) era la possibilità di andare a giocare in una squadra che facesse la Champions. Pensandoci a mente fredda però mi sono reso conto che quando sono venuto al Milan ho lasciato un Siviglia pronto a giocarla: io volevo arrivare con questa squadra in Europa. Ora ho l'opportunità di farlo e di crescere e lavorerò per questo obiettivo. Non volevo andare via dopo un solo anno senza aver centrato questo risultato. Sono un calciatore ambizioso, con desideri e sogni, e non avendo raggiunto il mio scopo al primo anno ho ancor più fede e convinzione per lavorare e riuscirci".

SQUADRA - "Quando segno io aiuto la squadra. Sono il primo che va a pressare e difendere e il primo che vuole essere leader in campo. Non sono il più tecnico dei calciatori, ma ovunque abbia giocato ho lavorato sodo per essere titolare e grazie a Dio ce l'ho fatta. Sono stato titolare con tanti allenatori e questo certifica la bontà del mio lavoro. L'attaccante non è lì solo per segnare, ma lo si giudic anche per questo. Il lavoro che facciamo spesso non viene visto da molte persone".

M.T.

 




Commenta con Facebook