• Atalanta
  • Bologna
  • Cagliari
  • Chievo
  • Crotone
  • Empoli
  • Fiorentina
  • Genoa
  • Inter
  • Juventus
  • Lazio
  • Milan
  • Napoli
  • Palermo
  • Pescara
  • Roma
  • Sampdoria
  • Sassuolo
  • Torino
  • Udinese
  • Champions league
  • Coppa Italia
  • Europa league
  • Italia
  • Lega PRO
  • Serie A
  • Serie B

Calciomercato > Pagelle > PAGELLE E TABELLINO DI REAL MADRID-MANCHESTER CITY

PAGELLE E TABELLINO DI REAL MADRID-MANCHESTER CITY

Bale brilla più di Ronaldo e di Aguero, Carvajal sorprendente, Tourè assente


Gareth Bale ©Getty Images
Davide Ritacco

04/05/2016 22:43

ECCO LE PAGELLE DI REAL MADRID-MANCHESTER CITY

 

REAL MADRID

K. Navas 6,5 – Il City non fa molto per metterlo in difficoltà ma il portiere Costaricano non si fa sorprendere e non vuole mollare un sogno che per lui sembrava irrealizzabile.

Carvajal 7 – Serve l’assist a Bale e da quella parte è un treno. Dalla sua zona arrivano le occasioni migliori.

Ramos 6,5 – Controlla con efficacia Aguero e non concede nulla in area di rigore spazzando qualsiasi cosa.

Pepe 6,5 – Pulito e questa è già una notizia e anche incisivo: chiude tutti gli spazi dando sempre copertura ai compagni con ottime letture difensive.

Marcelo 6,5 – Non spinge come avrebbe voluto perché da quella parte i velocisti inglesi preoccupano ma proprio per questo dimostra massima unità con la squadra.  

Modric 6,5 – Il suo è un lavoro sopraffino di raccordo fra centrocampo e attacco con la consueta classe che lo contraddistingue. Mezzo voto in meno per il gol che si mangia ad inizio ripresa e che poteva chiudere i conti prima. Dal 88’ Kovacic s.v.

Kroos 6,5 – E’ lui più che Modric a dettare i tempi fungendo da vero e proprio playmaker. Sbagli pochissimi palloni ed è prezioso anche in copertura.

Isco 6,5 – L’assenza di Casemiro lo rilancia fra i titolari e lui non si fa scappare l’occasione giocando una semifinale incerta come se fosse la partita più semplice del mondo. Gestisce e tiene palla con sapienza e logica. Dal 68’ James Rodriguez 6 – Entra in un momento della partita dove serve più gestire che attaccare. Tutto ciò ne pregiudica il suo rendimento.

Bale 7 – Sta vivendo un finale di stagione positivo e stasera lo dimostra con la zampata vincente che spedisce il Real a Milano a sfidare i cugini dell’Atletico. Degli attaccanti a disposizione di Zidane è la stella più brillante e a Milano quella stella si è accesa per la prima volta con una tripletta mitica; chissà non fosse un presagio.  

Jesè 6,5 – Non ha fatto certo il fenomeno ma non ha fatto nemmeno rimpiangere il Benzema delle ultime uscite. Ha saputo lottare e tenere il fronte offensivo in lungo e largo. Dal 55’ Lucas Vazquez 6 – Da un canterano ad un altro. Il ‘cocco’ di Zidane si posiziona a destra lasciando a Ronaldo il centro dell’attacco. Il suo ingresso in campo è fondamentale per il famoso equilibrio che ricerca Zidane.

Ronaldo 6 – Non è al 100% eppure ha sempre la voglia non solo di scendere in campo ma anche di spaccare la porta. Ci prova in tutti i modi pure con le mani ma non è la sua serata di gloria.

All. Zidane 7 – Si gioca tutto, la sua prima finale, la permanenza come allenatore e la finalissima contro l’Atletico. Lo fa senza l’equilibratore Casemiro facendo di necessità virtù puntando sulla qualità offensiva di Isco, Ronaldo e Bale. Questa squadra in Champions non subisce mai gol ma questo Real potrebbe non bastare contro l’Atletico. Nella rivincita di Lisbona serviranno i veri ‘galacticos’...ma alzi la mano chi pensava che Zidane potesse arrivare a Milano.   

 

MANCHESTER CITY

Hart 6,5 – Si fa beffare dalla traiettoria maligna di Bale ma è strepitoso ancora una volta ad inizio ripresa su Modric. Sempre attento anche sui tentativi di un cecchino come Ronaldo.   

Sagna 5,5 – Non riesce a contrastare le scorribande dei blancos. Rischia un fallo da rigore per un braccio un po’ largo ma se la cava.  

Otamendi 6 – Tiene in gioco Bale sul gol ed è in difficoltà contro gli avanti di Zidane. Preso in velocità non ha le caratteristiche per affrontare nel modo giusto le bocche di fuoco del Real ma di fisico è insuperabile.  

Kompany s.v. – Dal 10’ Mangala 6 – Costretto ad entrare fisicamente e mentalmente subito in partita per l’infortunio del capitano Kompany. Riesce a calarsi bene nella parte e prova a non fare danni.

Clichy 5 – Da quella parte Carvajal e Bale impazzano e lui, poco supportato, non riesce a trovare le giuste contromosse soffrendo tantissimo.   

Fernando 5 – Concede la profondità a Bale in occasione del vantaggio madrileno perdendosi il gallese, prova a rimediare ma la sua deviazione è fondamentale per superare Hart. Non cambia volto alla sua partita restando sempre in apnea.   

Fernandinho 6 – Il suo grande rimpianto resterà il palo colpito dal limite. E’ comunque fra i migliori della sua squadra. Gioca con lucidità ed efficienza ma da solo non può fare molto.

Navas 4,5 – Impalpabile per tutta la partita. E’ il peggiore in campo o quantomeno il meno efficiente. Le sue qualità di velocista non si vedono mai e non entra mai in partita. Dal 69’ Iheanacho 5 – Ha il piede in caldo in Premier ma in Champions sparisce come il resto della squadra. Si vede pochissimo.  

Y. Tourè 5 – Fuori forma e troppo compassato per poter impensierire una squadra esperta come il Real. Troppo poco per consentire al City di coltivare un sogno che lui ha già realizzato ma col Barcellona. Avrebbe potuto lasciare di più il segno nella storia del City ed invece probabilmente lascerà i Citizens e l’Inghilterra con zero titoli europei. Dal 61’ Sterling 6 – Qualche accelerazione delle sue ma non spaventa il Real.

De Bruyne 4,5 – L’impressione che dà è quella di essere intimorito dal Bernabeu e di non avere la forza di andare da solo ad inventare. Molle, scarica sempre il pallone in modo banale.

Aguero 5 – Anche stesera per lui è stata una serata da incubo. Come all’andata i palloni giocabili sono stati davvero pochi. Frustato mette paura al 90’ con un tiro che sibila la traversa.  

All. Pellegrini 4,5 – E’ la notte del City è una notte storica e Pellegrini se la gioca con il ritrovato Yaya Tourè ma viene tradito dalla difesa che concede spazio a Bale ed un errore imperdonabile a questi livelli. Avrebbe potuto lasciare la panchina a Guardiola da finalista ed invece ha osato troppo poco per meritarsi la sua prima finale.

 

Arbitro: Skomina 6 – La prima protesta del Real arriva per un fallo di mano di Sagna su cross di Jesè, il braccio è largo ma la distanza è breve: corretto sorvolare. Dopo la mezz’ora viene annullato un gol a Sergio Ramos per un fuorigioco di partenza di Pepe. Avrebbe potuto ammonire C.Ronaldo per un fallo di mano incredibile ma si nasconde dietro il fuorigioco del portoghese. Gara tutto sommato non cattiva con solo tre ammoniti.

 

TABELLINO

REAL MADRID-MANCHESTE CITY 1-0

Real Madrid (4-3-3): Navas; Carvajal, Ramos, Pepe, Marcelo; Modric (dal 88’ Kovacic), Kroos, Isco; Bale, Ronaldo, Jesè (dal 55’ Lucas Vazquez). A disp.: Casilla, Varane, James Rodriguez, Danilo, Borja Mayoral. All.: Zidane. 

Manchester City (4-2-3-1): Hart; Sagna, Otamendi, Kompany (dal 10’ Mangala), Clichy; Fernando, Fernandinho; Navas (dal 69’ Iheanacho), Y. Tourè (dal 61’ Sterling), De Bruyne; Aguero. A disp.: Caballero, Kolarov, Wilfried, Delph. All.: Pellegrini.

Arbitro: Skomina (Slovenia)

Marcatori: 20’ Fernando (aut.) (R)

Ammoniti: 30’ De Bruyne (M), 72’ Fernando (M), 83’ Lucas Vazquez (R)

Espulsi:

Note: 




Commenta con Facebook