• Atalanta
  • Bologna
  • Cagliari
  • Chievo
  • Crotone
  • Empoli
  • Fiorentina
  • Genoa
  • Inter
  • Juventus
  • Lazio
  • Milan
  • Napoli
  • Palermo
  • Pescara
  • Roma
  • Sampdoria
  • Sassuolo
  • Torino
  • Udinese
  • Champions league
  • Coppa Italia
  • Europa league
  • Italia
  • Lega PRO
  • Serie A
  • Serie B

Calciomercato > Juventus > Fiorentina-Juventus, Buffon: "Gli schiaffoni ci hanno aiutato. Più reattivo? Merito della cura D'Am

Fiorentina-Juventus, Buffon: "Gli schiaffoni ci hanno aiutato. Più reattivo? Merito della cura D'Amico!"

Il portiere bianconero ha parlato al termine della partita contro i viola


Gigi Buffon ©Getty Images

24/04/2016 23:50

FIORENTINA-JUVENTUS BUFFON DICHIARAZIONI SKY / FIRENZE - Il portiere della Juventus Gianluigi Buffon ha rilasciato alcune dichiarazioni a 'Sky' al termine della partita contro la Fiorentina: "Non cambia nulla il quando, comunque sia festa sarà! Ci gratifica essere arrivati a vincere, quasi, uno Scudetto dopo un milione di avversità. Siamo riusciti a non disunirci e adesso ci prendiamo quello che ci siamo meritati. Probabilmente gli schiaffoni che abbiamo preso ci hanno fatto molto bene perché ci hanno ridestato dal sonno. Sono più reattivo ora? Sarà la cura D'Amico (ride, n.d.r.)! Io abbracciato a Bernardeschi? E' un ragazzo della mia città, gli voglio molto bene perché ha molto talento ed è un gran professionista. I calciatori come lui mi fanno impazzire. Io a Euro 2020? No, non voglio giocare oltre i 40 anni".

E alla 'DS': "È lo Scudetto della Juve, dei ragazzi e del gruppo di lavoro che la società ha messo in piedi. Per essere dei re bisogna dimostrarlo ogni volta che si scende in campo.  cosa ambisco? Ai trofei più prestigiosi, anche perché qualcuno non l'ho ancora vinto, quindi una vittoria con la nazionale o la Champions con la Juve sarebbe il coronamento di un sogno e di una carriera giocata a buon livello. Sportiello? E' uno degli emergenti bravi e affidabili. Trasmette serenità alla squadra ed è una dote importante per giocare ad alti livelli. Più forte la Juve dei 102 punti o questa? Penso che alla fine questa ha ancora più consapevolezza perché viene da altri anni di vittoria e ha implementato la rosa con altri giocatori di livello internazionale con uno straordinario avvenire".

A 'Premium Sport': "Il rigore dello Scudetto? E’ stato un episodio simile a quello di due anni fa a Genova col Genoa quando parai un rigore, vincemmo la partita e quasi lo Scudetto. Il più bello di questi cinque scudetti? Il primo e quello di quest’anno perché quello di questa stagione è veramente pazzesco e incredibile. La scintilla nasce anche da alcuni episodi favorevoli come il gol all’ultimo secondo nel derby d’andata. Poi le vittorie ti portano a vedere possibili degli obiettivi che prima vedevi impensabili. Solo con un’impresa avremmo potuto continuare a vincere ma dovevamo avere l’umiltà di sporcarci le mani. Questo sarebbe il mio nono Scudetto più una vittoria della Serie B alla quale sono molto affezionato. Cosa ci manca per vincere la Champions? Quest’anno è mancato un pochino di cinismo e mi riferisco alla partita di Siviglia dove abbiamo avuto un sacco di occasioni non sfruttate. Sono convinto che la rabbia per l’eliminazione di quest’anno ce la porteremo dentro nella prossima stagione e ci farà molto bene".

 

S.D.




Commenta con Facebook