• Atalanta
  • Bologna
  • Cagliari
  • Chievo
  • Crotone
  • Empoli
  • Fiorentina
  • Genoa
  • Inter
  • Juventus
  • Lazio
  • Milan
  • Napoli
  • Palermo
  • Pescara
  • Roma
  • Sampdoria
  • Sassuolo
  • Torino
  • Udinese
  • Champions league
  • Coppa Italia
  • Europa league
  • Italia
  • Lega PRO
  • Serie A
  • Serie B

Calciomercato > Altro > Tennis, ex ministro francese accusa Nadal: "Fu positivo al doping nel 2012"

Tennis, ex ministro francese accusa Nadal: "Fu positivo al doping nel 2012"

Il campione spagnolo si difende dall'attacco della Bachelot: "Sono sempre stato pulito"


Rafael Nadal ©Getty Images

10/03/2016 14:43

TENNIS NADAL DOPING BACHELOT / PARIGI (Francia) - Dopo la vicenda Sharapova, l'ombra del doping nel tennis coinvolge anche Rafael Nadal. Dalla Francia hanno fatto inevitabilmente rumore le dichiarazioni dell'ex ministro alla salute Rosely Bachelot, che ha duramente attaccato il fuoriclasse spagnolo: "Sappiamo che il famoso infortunio nel 2012 di Nadal, che lo ha fermato 7 mesi, è certamente dovuto a un controllo positivo. Quando vedi che un giocatore di tennis si allontana per mesi è perché è stato trovato positivo. Non ogni volta, ma molto spesso - ha sottolineato la Bachelot alla trasmissione 'Grand8' - Il 'silent-ban' è un fenomeno assai diffuso: non si rivelano né i controlli positivi, né le sanzioni date nel tennis, ma curiosamente si viene a sapere che un tennista che ha un infortunio sta lontano dai campi per mesi". La Bachelot, pur screditando il sistema anti-doping spagnolo, non ha fornito nessuna prova concreta sulla presunta positività del maiorchino.

Dalla California, dove Nadal sarà impegnato nel Masters 1000 di Indian Wells, non si è fatta attendere la replica del 14 volte vincitore Slam: "Ho sentito queste voci che mi riguardano  e francamente questo inizia a pesarmi un po'. Io credo nei valori dello sport, come esempio per la società e per i ragazzi. Se facessi qualcosa di contrario tradirei me stesso e ciò in cui credo, non i miei avversari. Mi sono sempre tenuto lontano dal doping, sono del tutto pulito - ha spiegato in conferenza stampa l'attuale numero cinque al mondo - Le pratiche per curare gli infortuni alle ginocchia? Sono sempre stato onesto a questo proposito, non ho mai nascosto nulla, né mai fatto nulla di illegale. Il ricorso al plasma arricchito la prima volta ha funzionato in modo fantastico, la seconda mi ha costretto comunque a fermarmi sette mesi. Le staminali, invece, le ho fatte due volte e sono state molto efficaci. Ho sempre lavorato duro per ritornare in campo: non prenderei mai qualcosa di illegale per accelerare il rientro dopo un infortunio".

G.M.




Commenta con Facebook