• Atalanta
  • Bologna
  • Cagliari
  • Chievo
  • Crotone
  • Empoli
  • Fiorentina
  • Genoa
  • Inter
  • Juventus
  • Lazio
  • Milan
  • Napoli
  • Palermo
  • Pescara
  • Roma
  • Sampdoria
  • Sassuolo
  • Torino
  • Udinese
  • Champions league
  • Coppa Italia
  • Europa league
  • Italia
  • Lega PRO
  • Serie A
  • Serie B

Calciomercato > Italians & Passengers > ITALIANS - Rossi, è subito gol. Sanabria da record, Raggi flop

ITALIANS - Rossi, è subito gol. Sanabria da record, Raggi flop

Le pagelle dei giocatori italiani all'estero e i top/flop degli ex stranieri della Serie A


GettyImages-507583892.jpg
Michele Furlan (Twitter: @MicheleFurlan1)

02/02/2016 19:36

ITALIANS PAGELLE GIOCATORI ITALIANI ESTERO EX STRANIERI SERIE A ROMA - Calciomercato.it torna per l'appuntamento settimanale con Italians. Ecco le pagelle dei giocatori italiani all'estero e i top ed i flop degli stranieri che hanno militano in passato nella nostra Serie A. Questa settimana brillano Giuseppe Rossi, Mesto, Antenucci, Sanabria e Ibrahimovic. Andujar protagonista di una rissa, Edu Vargas e Raggi da dimenticare.


ITALIANS - LE PAGELLE DEI GIOCATORI ITALIANI ALL'ESTERO


FABIO BORINI (Sunderland): Sunderland già eliminato dalla Fa Cup.

MATTEO DARMIAN (Manchester United): non convocato. 

ANGELO OGBONNA (West Ham): 5 - Non è la sua giornata ma per fortuna il West Ham non incassa gol e va al replay contro il Liverpool. Ogbonna balla pericolosamente per tutta la gara perdendo ogni duello con Benteke e andando quasi sempre in difficoltà. Serata storta, ci pensa il portiere Randolph a raddrizzarla. 

VITO MANNONE (Sunderland): Sunderland già eliminato dalla Fa Cup.

GRAZIANO PELLE' (Southampton): Southampton già eliminato dalla Fa Cup.

ALBERTO PALOSCHI (Swansea): Swansea già eliminato dalla Fa Cup.

FEDERICO MACHEDA (Cardiff City): 6 - Entra nella ripresa della gara vinta dal Cardiff sul campo dell'Huddersfield. La sua fisicità tiene a bada i difensori avversari ma non riesce a farsi notare troppo in zona gol. Da rivedere, magari con un maggiore minutaggio.  

GABRIELE ANGELLA (Qpr): in panchina nella partita contro il Nottingham Forest.

MARCO SILVESTRI (Leeds United): 6 - Nel pareggio esterno col Brentford è quasi inoperoso. Più impegnato in Fa Cup con il Bolton anche se in occasione del gol avversario è incolpevole, per il resto si fa trovare pronto in alcune occasioni di ordinaria amministrazione. Sempre efficace.

MIRCO ANTENUCCI (Leeds United): 7 - Sia contro il Brentford in campionato che nella vittoria in Fa Cup contro il Bolton dimostra di essere il più ispirato. Non segna ma fa segnare, aprendo spazi e giocando con grande intelligenza tattica. Imprescindibile anche se spesso lasciato colpevolmente in panchina.

GIUSEPPE BELLUSCI (Leeds United): 5,5 - In occasione della rete del Brentford si schiaccia troppo verso l'area di rigore. Anche contro il Bolton fatica a trasmettere fiducia e il totale controllo della situazione difensiva.

FERNANDO FORESTIERI (Sheffield Wednesday): non convocato.

MICHAEL AGAZZI (Middlesbrough): Middlesbrough già eliminato dalla Fa Cup.

DIEGO FABBRINI (Birmingham): 6 - L'ex Udinese fa il proprio esordio con la maglia del Birmingham, giocando meno di mezz'ora nella gara contro il Bristol City. Qualche giocata delle sue, qualche spunto ma per il resto deve ancora entrare negli automatismi del nuovo impianto di gioco.

MARCO VERRATTI (Psg): 6,5 - Entra nella ripresa della partita tra il Saint-Etienne ed il suo Psg. Rende subito più fluida la manovra dei parigini, migliorando il palleggio e le linee di passaggio in verticale. Quando tornerà a pieno regime sarà di nuovo fondamentale per il gioco di Blanc.

THIAGO MOTTA (Psg): 6 - Gara ruvida e scorbutica. Lui cerca di far girare il centrocampo del Psg come al solito ma viene marcato stretto e si lascia andare a qualche fallo di troppo. Comunque sufficiente, ma non ai livelli cui ci ha abituato fino ad ora.

SALVATORE SIRIGU (Psg): infortunato.

ANDREA RAGGI (Monaco): 4 - Affonda con il suo Monaco nella difficile trasferta contro l'Angers. La sconfitta per 3-0 mette a nudo tutte le difficoltà difensive di monegaschi. Non funziona nulla e anche Raggi è colpevole: lento, poco reattivo e distratto in marcatura. Partita da dimenticare.

PAOLO DE CEGLIE (Marsiglia): 6 - Entra nella ripresa di Marsiglia-Lille e gioca un ruolo importante nel pareggio a tempo scaduto. Guadagna la punizione da cui scaturisce il cross per la rete dell'1-1 di Rabillard che arriva dopo un suo colpo di testa a botta sicura respinto dal portiere avversario.

CHRISTIAN BATTOCCHIO (Brest): 6 - Gioca poco più di una ventina di minuti nella vittoria del suo Brest contro il Paris Fc. Non è più fondamentale come ad inizio stagione ma conserva ancora buoni colpi per la manovra offensiva della squadra allenata da Dupont. 

LUCA MIRACOLI (Tours): non convocato.

GIULIO DONATI (Mainz): in panchina nella partita contro il Borussia Mönchengladbach.

LUCA CALDIROLA (Darmstadt): 5 - In grossa difficoltà contro lo Schalke 04. La gara interna termina 0-2 e il terzino sinistro scuola Inter gioca una partita insufficiente come tutti i compagni di reparto. Non riesce a bloccare l'avanzata della squadra di Gelsenkirchen e lascia troppi spazi quando si spinge in attacco alla ricerca del gol.

GIANLUCA CURCI (Mainz): in panchina nella partita contro il Borussia Mönchengladbach.

DANIEL CALIGIURI (Wolfsburg): s.v.

FEDERICO BARBA (Stoccarda): ha appena cominciato la sua nuova avventura in Germania. 

VINCENZO GRIFO (Friburgo): la Zweite Bundesliga sta osservando la pausa invernale. 

MARCO ANDREOLLI (Siviglia): infortunato.

DANIELE BONERA (Villarreal): in panchina nella partita contro il Granada. 

CRISTIANO BIRAGHI (Granada): 6 - Partita tutto sommato sufficiente per l'ex laterale del Chievo che si trova di fronte un Villarreal composto da giocatori di qualità. Sulla fascia sinistra mette impegno e dedizione in fase difensiva, rendendo le cose più difficili nonostante la sconfitta. 

CRISTIANO PICCINI (Betis Siviglia): infortunato.

GIUSEPPE ROSSI (Levante): 6,5 - Uno dei pochi a salvarsi nella disfatta del Levante contro il Siviglia. Segna la rete dell'1-2 (con grande collaborazione del portiere Sergio Rico) e dimostra di essere tornato in Spagna con l'atteggiamento giusto. Lotta e non molla mai, un esempio per i compagni di squadra.

VINCENZO RENNELLA (Valladolid): 5,5 - Gioca mezz'ora senza incidere in maniera particolare nella partita pareggiata in casa dell'Alcorcon. Si vede che non è ancora nella condizione migliore, può e deve fare molto di più. 

ALBERTO AQUILANI (Sporting Lisbona): in panchina nella partita contro l'Academica.

EZEQUIEL SCHELOTTO (Sporting Lisbona): non convocato.

SALVATORE BOCCHETTI (Spartak Mosca): il campionato russo sta osservando la pausa invernale. 

DOMENICO CRISCITO (Zenit): il campionato russo sta osservando la pausa invernale.

STEFANO OKAKA (Anderlecht): 5,5 - La difficile trasferta contro il St.Truiden vede un Okaka diverso rispetto al solito. Non è deciviso e gioca una gara al di sotto della sufficienza, come molti suoi compagni. Viene sostituito da Sylla che segnerà poi la rete decisiva per la vittoria nei minuti finali.

DAVIDE PETRUCCI (CFR Cluj): il campionato romeno sta osservando la pausa invernale. 

ALEX VALENTINI (Lugano): il campionato svizzero sta osservando la pausa invernale.

ORLANDO URBANO (Lugano): il campionato svizzero sta osservando la pausa invernale.

MARIO PICCINOCCHI (Lugano): il campionato svizzero sta osservando la pausa invernale.

STEFANO NAPOLEONI (Atromitos): 6 -  La sua gara d'addio all'Atromitos (giocherà in Turchia nel Basaksehir) è positiva. La difficile trasferta contro il Paok lo vede protagonista di alcune buone azioni manovrate dall'esito sfortunato. La sua presenza nella trequarti avversaria dà coraggio all'Atromitos che trova il pareggio nei minuti finali. 

GIANDOMENICO MESTO (Panathinaikos): 6,5 - Che sorpresa l'ex laterale del Napoli. Preso a parametro zero da Stramaccioni è uno dei punti fermi del Panathinaikos che batte il Platanias per 3-2. L'esperto terzino destro gioca una partita gagliarda: autore di un assist, copre l'intero out ed è un riferimento in entrambe le fasi di gioco.

RAFFAELE DE VITA (Ross County): in panchina nella partita contro il Celtic.

SEBASTIAN GIOVINCO (Toronto FC): la Mls comincerà il 6 marzo.

ANDREA PIRLO (New York City): la Mls comincerà il 6 marzo.

MARCO DONADEL (Montreal Impact): la Mls comincerà il 6 marzo.

MANUELE BLASI (Chennaiyin): la Isl è terminata.

ALESSANDRO POTENZA (Chennaiyin): la Isl è terminata.

FEDERICO PIOVACCARI (Western Sydney Wandererers): non convocato.

PABLO DANIEL OSVALDO (Boca Juniors): il campionato argentino comincerà il 5 febbraio.


ITALIANS - TOP E FLOP TRA GLI EX STRANIERI DELLA SERIE A

I TOP 3 DEL WEEKEND

ZLATAN IBRAHIMOVIC (Psg): 8 - E' probabilmente il principale habitué di questa sezione della nostra rubrica. Ci torna anche questa settimana. Nella difficile gara esterna contro il Saint-Etienne, l'ex attaccante di Juventus, Inter e Milan mette in scena il solito spettacolo di strapotenza fisica e tecnica. I difensori avversari possono poco e nulla contro di lui. Segna una doppietta non difficile ma soprattutto si carica sulle spalle l'intera squadra e apre la retroguardia avversaria per gli inserimenti micidiali e decisivi di Lucas e Di Maria. Se il Psg è ancora imbattutto in campionato (e siamo a febbraio) il merito è in gran parte da ascrivere al gigante di Malmö che vola a quota 19 gol verso il titolo di capocannoniere. La Ligue 1, ormai, è roba sua.

ANTONIO SANABRIA (Sporting Gijon) 7,5 - E' una delle maggiori sorprese del campionato spagnolo. Centravanti paraguaiano scoperto da Walter Sabatini, è di proprietà della Roma ma lo Sporting Gijon se lo sta godendo alla grande. Ottima prestazione quella del 'Mestalla' contro il Valencia. Grande partita e rete decisiva su calcio di rigore. La decima in stagione. Numeri che fanno girare la testa se si considera che il ragazzo deve ancora spegnere le 20 candeline e che è l'unico dei campionati top europei ad aver raggiunto la doppia cifra così giovane. Inoltre si iscrive al prestigioso club dei marcatori della Liga in doppia cifra a meno di 20 anni: prima di lui solo Messi, Aguero, Raul, Torres, Bojan, Morientes, Julen Guerrero, Ufarte e Santillana).

JOAQUIN LARRIVEY (Bani Yas): 7,5 - Più di cento presenze con la maglia rossoblu del Cagliari ed un soprannome che è tutto un programma: 'El Bati', per la somiglianza (puramente fisica) con il più celebre Gabriel Omar Batistuta. Questo attaccante argentino di 31 anni è dal 2015 al Bani Yas, club che milita nel massimo campionato degli Emirati Arabi Uniti (ci gioca anche Ishak Belfodil). Nella partita contro l' Al Fujairah, Larrivey ha confermato quanto di buono sta facendo siglando un'altra doppietta aprendo la sfida e chiudendola all'82' con il 3-2 finale. Per il 'Bati' si tratta del dodicesimo centro stagionale (secondo solo a Tagliabue dell'Al-Wahda), per il Bani Yas un successo che mancava da oltre un mese. 


I FLOP 3 DEL WEEKEND

MICAH RICHARDS (Aston Villa): 5 - Simbolo di un Aston Villa che vive una delle stagioni più difficili della propria storia recente. La squadra di Remi Garde è ultima in Premier League e vede sfuggire anche la possibilità di consolarsi con la Fa Cup. L'eliminazione nella coppa nazionale arriva per mano del Manchester City che vince 4-0 al 'Villa Park'. Richards prova a tenere a galla la linea difensiva ma naufraga nel grigiore generale, perdendo fiducia e lasciando spazi enormi agli attaccanti di Manuel Pellegrini che fanno ciò che vogliono. C'è gloria per il giovane Kelechi Iheanacho, la polvere è tutta per Micah Richards e compagni.

EDU VARGAS (Hoffenheim) 4,5 - L'avventura in Germania dell'ex Napoli Edu Vargas, finora, si è rivelata un vero e proprio disastro. L'attaccante cileno, campione del Sudamerica con la 'Roja' quest'estate, sta tradendo ogni aspettativa. Una sola rete segnata finora e contro il Bayern Monaco la solita prestazione da ectoplasma. Svogliato, isolato e quasi un corpo estraneo nella manovra della squadra ereditata da Huub Stevens. Che fine ha fatto il capocannoniere della Copa America 2015 e secondo classificato al Pallone d'oro sudamericano dietro a Neymar nel 2011? 

MARIANO ANDUJAR (Estudiantes): 4 - Il voto non è certo per la prestazione in campo del portiere di proprietà del Napoli in prestito all'Estudiantes. Andujar è stato protagonista di una rissa da far west nell'amichevole (il campionato argentino comincerà a breve) contro i rivali del Gimnasia. Tutto è scaturito da un fallo molto duro di Alvaro Pereira (ex Inter) a cui ha fatto seguito un parapiglia clamoroso nel quale si è tuffato anche Andujar, ripreso mentre affronta alcuni avversari con piglio da boxeur. Un episodio per il quale sicuramente non è l'unico colpevole ma che macchia, ancora una volta, i campi del calcio argentino. 

 




Commenta con Facebook