• Atalanta
  • Bologna
  • Cagliari
  • Chievo
  • Crotone
  • Empoli
  • Fiorentina
  • Genoa
  • Inter
  • Juventus
  • Lazio
  • Milan
  • Napoli
  • Palermo
  • Pescara
  • Roma
  • Sampdoria
  • Sassuolo
  • Torino
  • Udinese
  • Champions league
  • Coppa Italia
  • Europa league
  • Italia
  • Lega PRO
  • Serie A
  • Serie B

Calciomercato > Italians & Passengers > ITALIANS - Disastro Biraghi, brilla Raggi. Maxi Moralez: è subito gol

ITALIANS - Disastro Biraghi, brilla Raggi. Maxi Moralez: è subito gol

Le pagelle dei giocatori italiani all'estero e i top/flop degli ex stranieri della Serie A


Zlatan Ibrahimovic ©Getty Images
Michele Furlan (Twitter: @MicheleFurlan1)

19/01/2016 17:20

ITALIANS PAGELLE GIOCATORI ITALIANI ESTERO EX STRANIERI SERIE A ROMA - Calciomercato.it torna per l'appuntamento settimanale con Italians. Ecco le pagelle dei giocatori italiani all'estero e i top ed i flop degli stranieri che hanno militano in passato nella nostra Serie A. Questa settimana brillano Raggi, Ibrahimovic, Keko e Maxi Moralez. Flop Biraghi, insieme a Marquinhos, Cavanda e Kozak. 

 

ITALIANS - LE PAGELLE DEI GIOCATORI ITALIANI ALL'ESTERO


FABIO BORINI (Sunderland): in panchina nella partita contro il Tottenham.

MATTEO DARMIAN (Manchester United): 5,5 - Nonostante la vittoria del suo Manchester United non strappa la sufficienza. Schierato terzino sinistro è andato più volte in difficoltà Spostato poi sulla destra è cresciuto di rendimento ma deve e può fare di più, specialmente in fase di proposizione.

ANGELO OGBONNA (West Ham): 5 - Non è la sua giornata e nemmeno quella del suo West Ham che perde col Newcastle. In occasione delle due reti dei 'Magpies' appare poco reattivo e durante la gara non desta particolare impressione. Forse ha bisogno di rifiatare dopo il tour de force natalizio.

VITO MANNONE (Sunderland): in panchina nella partita contro il Tottenham. 

GRAZIANO PELLE' (Southampton): in panchina nella partita contro il Wba.

FEDERICO MACHEDA (Cardiff City): in panchina nella partita contro il Wolverhampton.

GABRIELE ANGELLA (Qpr): in panchina nella partita contro il Rotherham.

MARCO SILVESTRI (Leeds United): 4,5 - Una delle peggiori prestazioni della stagione. Nel 2-0 patito sul campo dello Sheffield Wednesday, Silvestri è colpevole in occasione del secondo gol e in generale infonde poca sicurezza al reparto. Indeciso anche in occasione della prima rete avversaria.

MIRCO ANTENUCCI (Leeds United): s.v.

GIUSEPPE BELLUSCI (Leeds United): 5 - Le colpe non sono solamente sue, ma il Leeds in difesa balla tantissimo. Distratto e in ritardo in marcatura, è male coadiuvato dai compagni di reparto che giocano una gara da film horror. 

TOMMASO BIANCHI (Leeds United): non convocato.

FRANCESCO PISANO (Bolton): non convocato.

FERNANDO FORESTIERI (Sheffield Wednesday): 6,5 - Quando esce nella ripresa tutto il pubblico di 'Hillsborough' lo applaude in maniera convinta. L'italo-argentino non segna ma è il faro della manovra offensiva, sempre più uomo squadra. 

MICHAEL AGAZZI (Middlesbrough): non convocato.

DIEGO FABBRINI (Middlesbrough): non convocato.

MARCO VERRATTI (Psg): s.v.

THIAGO MOTTA (Psg): 6 - Un po' meno lucido rispetto alle ultime prestazioni, anche perché il pressing del Tolosa è asfissiante. Bravo comunque a far girare la manovra, anche se riesce a verticalizzare troppe poche volte. 

SALVATORE SIRIGU (Psg): in panchina nella partita contro il Tolosa.

ANDREA RAGGI (Monaco): 7 - Ottima gara dell'ex Empoli e Sampdoria. Schierato laterale destro da Jardim, ripaga con una prestazione solida a dir poco. Il Lorient attacca molto nel primo tempo ma dal suo lato non si passa. Sicurezza.

STEPHAN EL SHAARAWY (Monaco): non convocato.

PAOLO DE CEGLIE (Marsiglia): non convocato.

CHRISTIAN BATTOCCHIO (Brest): s.v.

LUCA MIRACOLI (Tours): non convocato.

GIULIO DONATI (Bayer Leverkusen): la Bundesliga sta osservando la pausa invernale.

LUCA CALDIROLA (Darmstadt): la Bundesliga sta osservando la pausa invernale.

GIANLUCA CURCI (Mainz): la Bundesliga sta osservando la pausa invernale.

VINCENZO GRIFO (Friburgo): la Zweite Liga sta osservando la pausa invernale.

MARCO ANDREOLLI (Siviglia): infortunato.

DANIELE BONERA (Villarreal): non convocato.

FRANCESCO BARDI (Espanyol): in panchina nella partita contro il Getafe.

SIMONE VERDI (Eibar): s.v.

CRISTIANO BIRAGHI (Granada): 4 - Letteralmente travolto dalla forza d'urto dell'Eibar che segna 4 dei 5 gol rifilati al Granada sfondando sulla sua fascia. Keko lo fa impazzire, Biraghi non ci capisce proprio nulla. Peccato.

CRISTIANO PICCINI (Betis Siviglia): 6 - Svolge il compitino nella difficile trasferta contro il Villarreal. Bloccato in difesa, si propone troppo poco. Lo 0-0 finale, comunque, è un buon risultato per il Betis viste le differenze. 

VINCENZO RENNELLA (Valladolid): infortunato.

ROLANDO BIANCHI (Maiorca): non convocato.

ALBERTO AQUILANI (Sporting Lisbona): in panchina nella partita contro il Tondela. 

SALVATORE BOCCHETTI (Spartak Mosca): il campionato russo sta osservando la pausa invernale.

DOMENICO CRISCITO (Zenit): il campionato russo sta osservando la pausa invernale.

STEFANO OKAKA (Anderlecht): 5,5 - Al ritorno dalla sosta il suo Anderlecht perde in casa del Gent. Il centravanti prodotto del vivaio della Roma gioca una gara anonima. Costruisce poco e si becca anche un cartellino giallo.  

DAVIDE PETRUCCI (CFR Cluj): il campionato romeno sta osservando la pausa invernale.

ALEX VALENTINI (Lugano): il campionato svizzero sta osservando la pausa invernale.

ORLANDO URBANO (Lugano): il campionato svizzero sta osservando la pausa invernale.

MARIO PICCINOCCHI (Lugano): il campionato svizzero sta osservando la pausa invernale.

STEFANO NAPOLEONI (Atromitos): 6 - Non entra nelle due azioni dei gol nel 2-2 con lo Xanthi ma gioca una gara sufficiente facendo vedere qualche numero dei suoi. Va a corrente alternata ma gli avversari lo devono guardare con attenzione.

GIANDOMENICO MESTO (Panathinaikos): 6 - Partita onesta e di sostanza quella del laterale di Stramaccioni. Il suo Panathinaikos pareggi a reti bianche col Panionios. Forse ci si aspettava qualche sortita offensiva in più. 

RAFFAELE DE VITA (Ross County): 5,5 - Entra nella ripresa della gara persa 3-2 in casa contro l'Alberdeen ma non riesce a dare un contributo significativo alla manovra dei suoi. Parte come sempre da sinistra ma è troppo timido.

SEBASTIAN GIOVINCO (Toronto FC): la Mls è terminata.

ANDREA PIRLO (New York City): la Mls è terminata. 

MARCO DONADEL (Montreal Impact): la Mls è terminata.

MANUELE BLASI (Chennaiyin): la Isl è terminata.

ALESSANDRO POTENZA (Chennaiyin): la Isl è terminata.

FEDERICO PIOVACCARI (Western Sydney Wandererers): s.v.

PABLO DANIEL OSVALDO (Boca Juniors): il campionato argentino partirà il 7 febbraio.


ITALIANS - TOP E FLOP TRA GLI EX STRANIERI DELLA SERIE A

I TOP 3 DEL WEEKEND

KEKO (Eibar): 8 - Non solo il Leicester. Nella Liga spagnola c'è una favola che è quasi altrettanto affascinante: quella dell'Eibar. La compagine basca è alla seconda stagione nella massima divisione e vive un periodo di forma eccezionale. Uno dei punti cardine è Sergio Gontàn Gallardo, meglio noto come Keko. L'esperienza a Catania è dimenticabile (26 presenze e un gol). La prestazione contro il Granada, invece, è strepitosa. Il biondo esterno d'attacco mette a ferro e fuoco la difesa degli andalusi (Biraghi ha ancora mal di testa) entrando in maniera decisiva in quasi tutti i gol della propria compagine, tra assist e giocate di alta scuola. Periodo eccezionale per lui che ha vestito più volte le casacche giovanili della Spagna e, chissà, magari sogna la chiamata di Del Bosque.

ZLATAN IBRAHIMOVIC (Psg): 7,5 - Torna a trovarci in questa sezione della rubrica grazie a quello che sa fare meglio: trascinare di peso la propria squadra alla vittoria. Il Psg di Laurent Blanc viaggia spedito verso il titolo con 21 punti di vantaggio sulla seconda e con 18 successi e 3 pareggi in 21 gare disputate. Nell'ultima, quella a Tolosa, ha rischiato grosso anche per carenze difensive (vedremo poi). Il solito Ibrahimovic nella ripresa si è destato e ha guidato la riscossa dei suoi, firmando tutte le occasioni da rete e, ovviamente, il gol della vittoria. Imprescindibile ed insostituibile, a Parigi non vedono l'ora che ricominci anche la Champions League. 

MAXI MORALEZ (Leòn) 7 - All'Atalanta ha lasciato un segno indelebile. Con la maglia neroblu ha giocato quasi 150 partite, tutte in Serie A, firmando venti gol e diventando un idolo dei tifosi. Si è appena trasferito in Messico, campionato che cerca visibilità. Il Leòn gli ha dato fiducia e lui ha ripagato immediatamente. Entrato nei minuti finali della sfida con il Veracruz (seconda presenza dopo il quarto d'ora scarso contro il Santos Laguna) si è reso subito decisivo, segnando la rete del 3-1 con uno scatto dei suoi in contropiede e chiudendo la gara. Juan Antonio Pizzi sorride, Edy Reja un po' meno.


I FLOP 3 DEL WEEKEND

MARQUINHOS (PSG): 5 - Quello visto nella trasferta del Psg a Tolosa è solamente il lontano parente del 18enne che strappava applausi nella difesa della Roma di Zeman 2012/2013. Il centrale verdeoro si è trasferito in Ligue 1 nel 2013 ma non ha più saputo ripetersi con quella continuità. Contro il Tolosa è uscito dopo un'ora per un infortunio ma in campo ha dimostrato di essere poco in forma. Il Tolosa ha rischiato più volte di andare in vantaggio con imbucate centrali mal fronteggiate dal prodotto del vivaio del Corinthians che è tornato negli spogliatoi ko. Dopo la sua uscita la tenuta difensiva del Psg è migliorata ma Blanc pretende grandi miglioramenti da questo classe '94.

LUIS CAVANDA (Trabzonspor) 4 - Laterale di difesa che i tifosi della Lazio ricordano bene senza però rimpiangere. Schierato terzino destro della linea a quattro del Trabzonspor, si dimostra passivo e inconsistente sia in marcatura che in fase propositiva. Il Bursaspor va sotto di due gol e rimonta, vincendo 4-2, spingendo interamente dal suo lato dove Yildirim e Stoch possono fare il bello ed il cattivo tempo. Non è la prima volta, quest'anno, che chiude la partita con un votaccio e questo potrebbe costargli la fiducia dell'allenatore Tekelioglu.

LIBOR KOZAK (Aston Villa): 4 - L'Aston Villa di Remi Garde è ultima in classifica ed ha segnato la miseria di 18 reti in 22 partite. La partenza di Benteke non è stata assimilata, specialmente se in attacco si presenta un Libor Kozak in queste condizioni. Anni importanti nella Lazio (dove ha sempre fatto vedere buone cose), nei 'Villans' non riesce a ripetersi. Nell'1-1 esterno con il Leicester mostra tutta la propria impalpabilità al centro della linea offensiva. Pronti via e si mangia subito un gol a tu per tu con Schmeichel. Ha un'altra grande occasione nella ripresa ma la spreca concludendo alto da pochi metri. Se l'Aston Villa vuole evitare la retrocessione deve cominciare col comprare un centravanti di quelli tosti.




Commenta con Facebook