• Atalanta
  • Bologna
  • Cagliari
  • Chievo
  • Crotone
  • Empoli
  • Fiorentina
  • Genoa
  • Inter
  • Juventus
  • Lazio
  • Milan
  • Napoli
  • Palermo
  • Pescara
  • Roma
  • Sampdoria
  • Sassuolo
  • Torino
  • Udinese
  • Champions league
  • Coppa Italia
  • Europa league
  • Italia
  • Lega PRO
  • Serie A
  • Serie B

Calciomercato > Pagelle > PAGELLE E TABELLINO DI ROMA-VERONA

PAGELLE E TABELLINO DI ROMA-VERONA

Castan da incubo, Dzeko sprecone. Wszolek intraprendente, Pazzini punisce ancora la Roma


Giampaolo_Pazzini1.jpg
Valerio Pantone

17/01/2016 17:03

ECCO LE PAGELLE DI ROMA-VERONA:

 

ROMA

Szceznsy 6,5 – Attento sul tentativo nel primo tempo di Wszolek, si ripete sull’esterno veronese ad inizio ripresa con una parata decisamente più impegnativa.

Torosidis 5,5 – Molto bloccato, su richiesta probabilmente del tecnico giallorosso, composto spesso la linea a tre di difesa, cercando di limitare la vivacità di Rebic. Dal 73’ Iago Falque 5,5 – Non riesce ad avere il guizzo giusto per abbattere il muro ospite.

Manolas 5,5 – Recuperato dopo l’infortunio patito contro il Milan, ci mette una pezza su un’incursione centrale di Pazzini, dal quale rimedia anche una botta alla testa. Poco preciso negli appoggi, a conferma dello stato psicologico precario della squadra.

Castan 4 – Nonostante la fiducia mostrata da Spalletti, inizia molto male la gara facendosi sorprendere almeno un paio di volte da Wszolek. Sempre impacciato e poco reattivo, la combina grossa nel secondo tempo, quando atterra ancora Wszolek in area di rigore. Dal 66’ Rudiger 6 – Decisamente meglio del brasiliano, non commette particolari errori, anche perché il Verona è tutto schiacciato nella propria metà campo.

Digne 5,5 – Dei due terzini, è lui quello chiamato a spingere maggiormente sulla fascia. I cross, tuttavia, raramente risultano interessanti per gli attaccanti, anche perché la presenza di Wzsolek lo costringe spesso a rincorrere l’avversario.

De Rossi 6 – Quasi telecomandato dal mister giallorosso, avanza il suo raggio d’azione con il passare dei minuti. Al 40esimo da una sua splendida intuizione, confeziona il vantaggio di Nainggolan. Nella ripresa, commette diversi errori sanguinosi in disimpegno.

Pjanic 5,5 – Reinventato regista da Spalletti, fatica non poco a tessere la manovra della squadra. Le sue poche invenzioni non vengono premiate da Dzeko e alla fine la sua prestazione risulta insufficiente.

Salah 4,5 – Molto confusionario e poco lucido, difetta quasi sempre nell’ultimo passaggio. Nella ripresa prova a scuotersi con un sinistro fulmineo sul quale Gollini si supera. Qualche istante più tardi si presenta davanti a Gollini, ma spreca ancora una volta l’occasione.

Nainggolan 5,5 – Spalletti gli affida il ruolo che nella sua prima Roma spettava a Perrotta, ovvero quello di incursore dietro al centravanti. Gli effetti non sono quelli sperati, almeno fino al 40esimo quando sull’assist al bacio di De Rossi realizza la sua prima rete stagionale che sblocca il risultato. Nel complesso, però, prestazione non esaltante.

Florenzi 5,5 – Inizialmente largo a sinistra, prova a svariare sul tutto il fronte offensivo ma senza troppa convinzione. Nel forcing finale, torna nel ruolo di terzino e paradossalmente combina le cose migliori dell’incontro.

Dzeko 4,5 – La rinascita della Roma passa inevitabilmente dai suoi gol. Il bosniaco anche oggi si danna l’anima per aiutare la squadra, sbaglia molto, ed è anche sfortunato quando con una zampata in area di rigore centra in pieno il palo a portiere battuto. Nella ripresa spreca altre tre palle gol importanti per riportare avanti i giallorossi. Momento no.

All. Spalletti 5,5 – Il rilancio di Castan e l’avanzamento di Florenzi. Sono queste le due principali novità dal primo minuto del tecnico di Certaldo, nel giorno del suo ritorno sulla panchina giallorossa. La squadra fatica ad organizzare una manovra fluida, e soprattutto palesa le solite amnesie difensive dell’era Garcia. Che ci fosse molto da lavorare lo sapeva, che forse ci vorrà più del previsto l’ha capito oggi. La rimonta, dopo questo pareggio, è un obiettivo molto lontano.

 

VERONA

Gollini 6,5 – Non particolarmente impegnato nel primo tempo, resta un po’ nella “terra di nessuno” in occasione del gol di Nainggolan. Si riscatta alla grande ad inizio ripresa, quando sventa il sinistro di Salah, grazie anche all’ausilio del palo.

Bianchetti 6 – Attento e puntualmente coadiuvato da Sala, stazione bene sulla corsia destra difensiva senza commettere particolari sbavature. Dal 46’ Halfredsson 6 – Mette ordine nel centrocampo veronese, conquistando diversi palloni preziosi per le ripartenze delle ali gialloblu.

Moras 7 – Si conferma ultimo baluardo della difesa veronese, disinnescando gran parte delle sortite offensive della Roma.

Helander 6,5 – Salah non è nella sua giornata migliore, e così la sua prestazione dopo i primi quarantacinque minuti, supera ampiamente la sufficienza. Si conferma cliente ostico per Dzeko anche nella ripresa.

Sala 6,5 – Bravo e tatticamente utile nel raddoppio difensivo, mostra le sue doti migliori dopo un lungo periodo di appannamento.

Greco 6,5 – E’ il faro del centrocampo veronese: se nel primo tempo si limita ad interrompere le trame di gioco romaniste, nella seconda frazione prende per mano la squadra innescando Wszolek e Rebic.

Ionita 6 – La lenta manovra giallorossa gli consente di fare bella figura specie in fase di contenimento.

Emanuelson 5 – Torna da ex all’Olimpico, ma a differenza della precedente stagione, quando indossava la maglia dell’Atalanta, non lascia alcun segno sulla gara. Dal 46’ Fares 5,5 – Resta molto basso, nonostante le sue qualità di esterno d’attacco. La spinta finale della Roma lo mette in seria difficoltà.

Wszolek 7,5 – Molto intraprendente sull’out di destra, mette spesso in apprensione Castan, spaventando tra l’altro l’Olimpico con un tiro insidioso respinto in corner da Szcezsny. Ad inizio ripresa, il polacco gli nega ancora una volta la gioia del gol con un grande intervento. Poi, però, costringe Castan al fallo da rigore. Dal 73’ Juanito Gomez 6 – Ha poche possibilità per mettersi in mostra, anche perché, quando entra, la sua squadra è tutta rintanata a difendere il risultato.

Pazzini 6,5 – Febbricitante a poche ore dal match, lotta su ogni pallone favorendo gli inserimenti dei due esterni. Al 61esimo realizza dal dischetto la rete dell’1-1 confermandosi bestia nera dei giallorossi.

Rebic 7 – Sempre pungente e per nulla timido, nei primi minuti della ripresa sfiora il pareggio con un destro a giro che si stampa sul palo.    

All. Del Neri 6,5 – Il 3-4-3 iniziale è più dettato dalla assenze che dalla volontà di giocarsela a viso aperto. Dopo lo svantaggio, però, la squadra si scuote mettendo in seria difficoltà i padroni di casa. Il pareggio, alla fine, è risultato che può essere un ottimo trampolino di lancio dal quale ripartire per tentare l’impresa salvezza.

Arbitro: Massa 6,5 – Partita subito spigolosa e nervosa che il fischietto di Imperia tenta di tenere sotto controllo senza mettere mano ai cartellini. Al 25esimo sorvola giustamente su un presunto contatto in area gialloblu Bianchetti-Dzeko. Poco dopo i due sono protagonisti di un altro scontro a metà campo: in questa circostanza è il bosniaco a spingere il difensore ospite, ma l’arbitro concede soltanto la rimessa laterale. Al 58esimo, non ravvisata un’evidente posizione di fuorigioco ai danni di Salah: l’egiziano è ben oltre la linea difensiva gialloblu. Al 60esimo Castan atterra in area Wszolek: rigore ineccepibile per il Verona. All’80esimo Rudiger e Rebic si scalciano a vicenda a gioco fermo: l’arbitro non punisce nessuno dei due giocatori.

 

TABELLINO

ROMA-VERONA 1-1

Roma (4-2-3-1): Szczesny; Torosidis (dal 73’ Iago Falque), Manolas, Castan (dal 66’ Rudiger), Digne; Pjanic, De Rossi; Salah, Nainggolan, Florenzi; Dzeko. A disp.: Lobont, De Sanctis, Ruediger, Emerson, Gyomber, Marchizza, Vainqueur, D’Urso, Totti, Soleri, Sadiq. All.: Spalletti.

Verona (3-4-3): Gollini; Bianchetti (dal 46’ Halfredsson), Moras, Helander; Sala, Greco, Ionita, Emanuelson (dal 46’ Fares); Wszolek (dal 73’ Gomez), Pazzini, Rebic. A disp.: Rafael, Coppola, Jankovic, Zaccagni, Riccardi, Wink, Cecchin. All.: Del Neri

Arbitro: Davide Massa di Imperia

Marcatori: 40’ Nainggolan (R), 61’ Pazzini (V)

Ammoniti:  67’ Sala (V), 74’ Greco (V)

Espulsi:




Commenta con Facebook