• Atalanta
  • Bologna
  • Cagliari
  • Chievo
  • Crotone
  • Empoli
  • Fiorentina
  • Genoa
  • Inter
  • Juventus
  • Lazio
  • Milan
  • Napoli
  • Palermo
  • Pescara
  • Roma
  • Sampdoria
  • Sassuolo
  • Torino
  • Udinese
  • Champions league
  • Coppa Italia
  • Europa league
  • Italia
  • Lega PRO
  • Serie A
  • Serie B

Calciomercato > Roma > Roma, Aquilani: "La rosa è da Scudetto, ma l'ambiente non aiuta. Ecco la soluzione"

Roma, Aquilani: "La rosa è da Scudetto, ma l'ambiente non aiuta. Ecco la soluzione"

Il centrocampista dello Sporting Lisbona: "Se Conte vuole un usato sicuro per l'Europeo, io ci sono"


Alberto Aquilani © Getty Images
Marco Di Federico

08/01/2016 08:23

NEWS MILAN ROMA AQUILANI EUROPEO / LISBONA (Portogallo) - La partita di sabato sera tra Roma e Milan è una sfida molto sentita anche per Alberto Aquilani, che ha vissuto stagioni importanti in entrambi i club. Soprattutto ai giallorossi, nei quali è cresciuto e dei quali resta tifoso. La partita dello stadio 'Olimpico' potrebbe segnare un punto di svolta decisivo per Garcia e per tutta la stagione dei capitolini: di tutte le ultime news Roma, ma non solo, l'attuale centrocampista dello Sporting Lisbona ha parlato oggi alla 'Gazzetta dello Sport'.

ROMA - "Ha grandi pressione e un pubblico esigente. A inizio anno l'avrei messa, per il valore della rosa, come assoluta favorita per lo Scudetto. L'ambiente è particolare, si esalta e si deprime, e tu calciatore lo avverti. - le sue parole - Dovresti isolarti, ma è più facile a dirsi che a farsi. I giocatori li hanno, hanno Totti e De Rossi che da tifosi e romani sentono ancora di più la situazione ma hanno anche lo spessore per trascinare i compagni".

MILAN - "Quello che ho vissuto io era un altro Milan: giocavo con grandissimi campioni, come ti giravi ti giravi trovavi un fuoriclasse. Da qui è difficile giudicare, vedo che lo stanno facendo in molti e non vorrei mettermici pure io... Ormai va avanti così da qualche anno e la soluzione sono i risultati, come ottenere i risultati invece non devo essere io a spiegarlo".

FUTURO - "Qui sto bene, anzi benissimo. Sento l'apprezzamento di tutti, gioco per il titolo. Però il calciomercato di gennaio è anche molto particolare, dinamico, veloce, imprevedibile. Possono aprirsi scenari inimmaginabili".

EUROPEO - "Perché no? Se Conte vuole un usato sicuro sa che io ci sono. Ho segnato tre gol nelle ultime sei gare, cinque in tutto. Gioco e sto bene. So che questo campionato è più difficile da seguire ma posso assicurarlo: io ci sono".




Commenta con Facebook