• Atalanta
  • Bologna
  • Cagliari
  • Chievo
  • Crotone
  • Empoli
  • Fiorentina
  • Genoa
  • Inter
  • Juventus
  • Lazio
  • Milan
  • Napoli
  • Palermo
  • Pescara
  • Roma
  • Sampdoria
  • Sassuolo
  • Torino
  • Udinese
  • Champions league
  • Coppa Italia
  • Europa league
  • Italia
  • Lega PRO
  • Serie A
  • Serie B

Calciomercato > Napoli > Napoli-Torino, Sarri: "La Juve ha rotto l'equilibrio. Mercato? Mi viene da ridere"

Napoli-Torino, Sarri: "La Juve ha rotto l'equilibrio. Mercato? Mi viene da ridere"

Calciomercato.it ha seguito le dichiarazioni dell'allenatore alla vigilia del match


Maurizio Sarri ©Getty Images
Giorgio Musso (Twitter: @GiokerMusso), Andrea Della Sala (Twitter: @dellas8427)

05/01/2016 14:05

DIRETTA SERIE A NAPOLI TORINO SARRI / NAPOLI - Questa sera ripartirà la Serie A con il derby del 'Marassi' e le news Napoli vedranno la formazione di Sarri di fronte al Torino. Il tecnico degli azzurri sta ora parlando alla vigilia della gara contro i granta, Calciomercato.it seguirà in diretta le dichiarazioni dell'allenatore in conferenza stampa.

ESONERO BENITEZ - "Resto convinto che per le feste natalizie il campionato non debba fermarsi - ha esordio Sarri - La classifica non deve condizionarci, né in negativo né in positivo. Dobbiamo concentrarci sulla qualità della prestazione. Mi dispiace per Benitez, ha pagato per colpe non sue. Solo il tempo dirà se quella di Zidane è stata la scelta giusta".

TORINO - "Il Torino è un'ottima squadra, capace di creare problemi a chiunque. Fanno possesso palla, si chiudono bene e aspettano molto bassi. Dovremo pressarli alti e non aspettare: dobbiamo partire subito forte. L'assenza di Jorginho non inciderà sulla nostra prestazione tattica. Con Valdifiori in campo cambia poco: uno è più bravo orizzontalmente, l'altro in verticale. E poi hanno giocato entrambi, non è vero è Valdifiori sta giocando poco".

CORSA SCUDETTO - "C'è stato equilibrio in campionato, ma fino a sette giornate fa: da quel momento, la Juventus ha cambiato marcia. L'equilibrio va rotto lavorando di più e meglio sul campo. La squadra è mentalmente preparata nonostante la lunga sosta, guardare la classifica adesso non ha valore".

MERCATO - "Col il direttore parlo spesso, ma non ho mai proposto un giocatore: quando sento queste cose mi viene da ridere. Io ho sempre parlato di caratteristiche, poi la dirigenza si muove in base alle indicazioni della società". 

CRESCITA - "Abbiamo vinto 17 delle ultime 21 partite, credo che da migliorare ci sia poco, in Europa poche squadre hanno i nostri numeri. Se devo scegliere darei più gol ad Hamsik anche se è diventato un centrocampista vero e sta facendo grandissime partite".

FUTURO - "Se mi auguro di restare per tanti anni? Il futuro di Benitez non mi è sembrato uno schifo, andare al Real Madrid... (sorride, ndr). E' stato esonerato con un quadriennale ben retribuito, ma è chiaro che a tutti piace lavorare e non stare a casa".

DIFESA - "La crescita di Koulibaly è sotto gli occhi di tutti. Ma, allo stesso tempo, vedo bene anche Chiriches. Albiol? E' un giocatore importante, è lui che detta i tempi di un reparto che sta lavorando bene".




Commenta con Facebook