• Atalanta
  • Bologna
  • Cagliari
  • Chievo
  • Crotone
  • Empoli
  • Fiorentina
  • Genoa
  • Inter
  • Juventus
  • Lazio
  • Milan
  • Napoli
  • Palermo
  • Pescara
  • Roma
  • Sampdoria
  • Sassuolo
  • Torino
  • Udinese
  • Champions league
  • Coppa Italia
  • Europa league
  • Italia
  • Lega PRO
  • Serie A
  • Serie B

Calciomercato > Spagna > Real Madrid, non solo Benitez: i precedenti illustri del caso Cheryshev

Real Madrid, non solo Benitez: i precedenti illustri del caso Cheryshev

La stessa situazione si era già presentata nelle annate scorse


Rafa Benitez ©Getty Images
Michele Furlan (Twitter: @MicheleFurlan1)

03/12/2015 15:43

CALCIO COPPA DEL RE REAL MADRID BENITEZ CHERYSHEV / ROMA - Rafa Benitez ed il Real Madrid sono nella bufera. Nella partita di Coppa del Re contro il Cadiz, infatti, il tecnico delle 'Merengues' ha fatto entrare il russo Denis Cheryshev, squalificato e dunque impossibilitato sulla carta a prendere parte alla sfida. Il risultato? Il Cadiz ha già fatto ricorso e il Real rischia dunque di compromettere il proprio cammino nella competizione. Un pasticcio burocratico che trova diversi precedenti nella storia recente del calcio e non riguardano solamente le news SpagnaCalciomercato.it li rivive con voi: da Benitez recidivo al caso Forlan, passando per Giovanni Trapattoni

BENITEZ RECIDIVO, CASO TRAP - Proprio Rafa Benitez si era già reso protagonita di un fatto clamoroso molto simile quando guidava il Valencia. Nella partita di Coppa del Re contro il Novelda, il tecnico spagnolo superò il limite di extracomunitari previsto dal regolamento, causando l'eliminazione dalla competizione. Anche Jorge Valdano commise un errore simile nella stagione 1994/1995. Nella partita tra il Real e il Compostela le 'Merengues' schierarono 4 extracomunitari. L'1-1 finale però non portò al ricorso della squadra di Santiago. Anche Giovanni Trapattoni tra le vittime delle scartoffie regolamentari: durante la partita di Coppa di Germania tra il Bayern Monaco e l'Eintracht Francoforte del 1995 schierò Dietmar Hamann che era ancora considerato contrattualmente un 'dilettante', perdendo a tavolino.

CHAMPIONS LEAGUE E COMPETIZIONI UEFA - Diversi casi anche nelle competizioni Uefa. Nella stagione 1992/1993 il primo turno tra Stoccarda e Leeds vide i tedeschi perdere la qualificazione conquistata sul campo per aver schierato uno straniero di troppo. Si andò allo spareggio che venne vinto dagli inglesi. Nel 1997/1998 il Psg schierò lo squalificato Laurent Fournier nella partita con la Steaua Bucarest, persa 3-2. Venne inflitto il 3-0 a tavolino ma i francesi si qualificarono con un 5-0 roboante al ritorno. Più recenti i casi del Sion e del Legia Varsavia. Gli svizzeri vennero squalificati dopo aver vinto il play-off di Europa League (2011/2012) contro il Celtic per aver schierato dei giocatori tesserati dopo il divieto imposto per irregolarità pregresse. Nel 2014/2015 lo stesso club scozzese presentò ricorso contro il Legia Varsavia per la presenza di un giocatore squalificato nel terzo turno preliminare di Champions League, ottenendo il 3-0 a tavolino ed il passaggio del turno.

IN ITALIA - Nella stagione 2011/2012 l'Inter non potè inserire Diego Forlan (appena acqistato) nella lista per la Champions League, dato che il calciatore uruguaiano aveva disputato un preliminare di Europa League con l'Atletico Madrid. Nella Coppa Italia in atto il Catania ha guadagnato il passaggio del turno contro la Spal vincendo 3-0 a tavolino grazie all'utilizzo da parte degli estensi di un calciatore squalificato. Caso identico nella Coppa Italia di Lega Pro con la Fidelis Andria a 'pagare' la fatale disattenzione. Situazione simile anche in Lega Pro durante Pavia-Padova, con i biancoscudati che sono rimasti in dieci per aver inserito nella distinta delle sostituzioni un giocatore fuori lista. Padova recidivo visto che nel 1998/99 perse una salvezza acquisita con fatica per aver levato dal campo al 90' l'unico under 21 presente in campo. I biancoscudati persero a tavolino e furono costretti ai play-out, che li video retrocedere in serie C.

 

 




Commenta con Facebook