• Atalanta
  • Bologna
  • Cagliari
  • Chievo
  • Crotone
  • Empoli
  • Fiorentina
  • Genoa
  • Inter
  • Juventus
  • Lazio
  • Milan
  • Napoli
  • Palermo
  • Pescara
  • Roma
  • Sampdoria
  • Sassuolo
  • Torino
  • Udinese
  • Champions league
  • Coppa Italia
  • Europa league
  • Italia
  • Lega PRO
  • Serie A
  • Serie B

Calciomercato > TDM - Tattica del Mercato > TATTICA DEL MERCATO - Juventus, Lavezzi: un top per il tridente di Allegri

TATTICA DEL MERCATO - Juventus, Lavezzi: un top per il tridente di Allegri

L'analisi di Calciomercato.it sui protagonisti del mercato: occhi puntati sull'attaccante del Psg


Ezequiel Lavezzi ©Getty Images
Michele Furlan (Twitter: @MicheleFurlan1)

18/11/2015 17:07

TATTICA DEL MERCATO CALCIOMERCATO JUVENTUS PSG LAVEZZI ALLEGRI MAROTTA / ROMA - La Serie A ha osservato un turno di riposo in concomitanza con gli impegni della Nazionale di Antonio Conte, che ha disputato due amichevoli con Belgio e Romania. A pallone 'fermo' Impazzano le voci sul calciomercato, in particolare sul mercato Juventus dato che i bianconeri si stanno riprendendo dopo un avvio assolutamente negativo ed hanno bisogno di rinforzi di spessore già a gennaio. La Juventus segue con attenzione Ezequiel Lavezzi, attaccante del Psg col contratto in scadenza il prossimo 30 giugno e che potrebbe far ritorno in Serie A. Conosciamolo meglio attraverso la nostra rubrica 'Tattica del Mercato'.

 

BIOGRAFIA DI EZEQUIEL LAVEZZI, OBIETTIVO DELLA JUVENTUS PER L'ATTACCO

Ezequiel Ivan Lavezzi nasce a Villa Gobernador Galvez, in Argentina, il 3 maggio 1985. Dopo aver fatto parte delle giovanili del Coronel Aguirre e del Boca Juniors, viene tesserato dall'Estudiantes di Buenos Aires con cui esordisce nella terza serie 'albiceleste'. Nel 2004 viene acquistato dal Genoa che lo lascia in prestito al San Lorenzo. Non giocherà mai una partita ufficiale con i rossoblu, retrocessi d'ufficio in Serie C1 per illecito sportivo nell'estate 2005. Torna in Serie A nel 2007, quando viene acquistato dal Napoli. In azzurro gioca 188 partite segnando 48 gol e diventando un vero e proprio idolo dei tifosi partenopei (vince la Coppa Italia del 2012). Si trasferisce poi al Psg con cui alza al cielo la bellezza di 9 trofei nazionali sotto la gestione di Carlo Ancelotti e Laurent Blanc, che lo vede soprattutto come arma dalla panchina.

Lavezzi ha vinto l'oro olimpico a Pechino, nel 2008, con la maglia dell'Argentina. Ha esordito con la selezione 'Albiceleste' nel 2007 sotto la gestione di Alfio Basile. Può vantare 48 presenze e 7 gol. Ha preso parte alla Copa America del 2011 e del 2015 e al Mondiale del 2014, terminato al secondo posto.


CARATTERISTICHE TECNICO-TATTICHE DI EZEQUIEL LAVEZZI

Alto 1,73 per 75 kg, fisico brevilineo e compatto, destro naturale. Lavezzi è un attaccante poliedrico che sa giocare in tante zone del campo. Il suo ruolo naturale è quello di esterno in un tridente (preferibilmente di sinistra, ma volendo anche a destra). Può giostrare anche come seconda punta in appoggio ad un centravanti. Come detto, il piede preferito è il destro ma usa indifferentemente anche il mancino con ottimi risultati. La sua dote principale è la progressione palla al piede e la capacità di saltare l'uomo grazie ad un dribbling secco e fulminante. Dotato di una tecnica individuale notevole, ha una visione di gioco altrettanto sviluppata. E' molto abile nel finalizzare le azioni offensive andando a rete oppure servendo assist vincenti ai compagni. Tatticamente è molto più ordinato rispetto agli inizi, quando era molto più anarchico. Ha tantissima esperienza internazionale.


EZEQUIEL LAVEZZI E' UN GIOCATORE ADATTO ALLA JUVENTUS?

La Juventus sta ballando ancora tra due sistemi di gioco: 4-3-1-2 e 4-3-3. Massimiliano Allegri non ha ancora deciso la linea da tenere per questa stagione, forse per mancanza di un trequartista di assoluto livello. Se i bianconeri dovesse continuare col tridente Lavezzi potrebbe rivelarsi un acquisto azzeccato. L'argentino infatti potrebbe formare con Cuadrado una coppia di esterni alti di assoluto livello, portando fantasia e scompiglio nelle difese avversarie, costringendo però la mediana ad un lavoro più muscolare. Morata sarebbe libero di 'tornare' al ruolo di punta centrale. Sulla fascia sinistra, dopo la cessione di Coman, c'è di fatto un vuoto che lo spagnolo non è riuscito a colmare (e nemmeno Dybala, visto da Allegri come attaccante). Lavezzi, che ha anche il contratto in scadenza, potrebbe essere il nome giusto per ridare smalto ad una Juve in difficoltà. 




Commenta con Facebook