• Atalanta
  • Bologna
  • Cagliari
  • Chievo
  • Crotone
  • Empoli
  • Fiorentina
  • Genoa
  • Inter
  • Juventus
  • Lazio
  • Milan
  • Napoli
  • Palermo
  • Pescara
  • Roma
  • Sampdoria
  • Sassuolo
  • Torino
  • Udinese
  • Champions league
  • Coppa Italia
  • Europa league
  • Italia
  • Lega PRO
  • Serie A
  • Serie B

Calciomercato > Serie A > Serie A, Ancelotti: "Allenerò una squadra di club. Galliani, il più bravo. Scudetto? Dico Roma"

Serie A, Ancelotti: "Allenerò una squadra di club. Galliani, il più bravo. Scudetto? Dico Roma"

L'ex tecnico del Real Madrid su Morata: "Per me resterà a Torino"


Carlo Ancelotti (Getty Images)
Marco Di Federico

07/10/2015 08:39

ANCELOTTI MILAN SERIE A CALCIOMERCATO / ROMA - Carlo Ancelotti è tra i più affermati allenatori liberi in questo momento sul calciomercato. A lui aveva pensato in estate il Milan prima di virare su Mihajlovic, a lui aveva pensato anche la Roma dopo il ko in Champions League sul campo del Bate Borisov. Per adesso, però, Ancelotti si gode il suo anno sabbatico: sulle colonne del 'Corriere della Sera', l'ex allenatore del Real Madrid ha fatto il punto sul suo futuro e su tutte le ultime news Serie A.

FUTURO - "Dopo l’operazione alla cervicale ora mi godo le vacanze: sto riscoprendo il piacere di sentirmi una persona normale. Ogni settimana mi diverto a scrivere per un sito cinese, Sina Sport: attualità, partite, campionati. Quello che so per certo è che allenerò una squadra di club. Non è ancora il momento per una Nazionale".

MIHAJLOVIC - "Quello che manca, come diceva il vecchio e saggio presidente del Catania Massimino, è l'amalgama. Ma non bisogna perdere fiducia, bisogna insistere. Al Milan sta capitando quello che è successo alla Juve che dopo essere arrivata alla finale di Champions naviga in retrovia. Bisogna dare tempo agli allenatori. Seedorf e Inzaghi non sono stati bruciati dal Milan ma dai risultati".

GALLIANI - "La gente ha la memoria corta. Contestare Galliani al Milan è come contestare la Madonna. Per me resta il dirigente più bravo in Italia".

FIORENTINA - "A Firenze sono stati bravi a puntare su Paulo Sousa per sostituire Montella. L'anno scorso con il Real Madrid abbiamo affrontato il Basilea nel girone di qualificazione di Champions: devo dire che giocava molto bene".

SCUDETTO - "Credo che la Roma sia quella con più credenziali. L'Inter ha cambiato molto mentre il Napoli con il nuovo allenatore ha modificato lo stile di gioco. Comunque ora c'è incertezza. Fino all'anno scorso c'era la Juventus e al 90% sapevi in anticipo chi avrebbe vinto".

REAL MADRID - "Mi hanno bocciato perché non ho vinto. Poteva durare anche cinque anni, ma la filosofia lì è questa. La 'Decima' mi ha dato la possibilità di essere confermato l'anno successivo, niente di più".

MORATA - "Aveva mostrato qualità anche al Real. Solo che con Bale, Benzema e Ronaldo, aveva bisogno di giocare di più. Per me resterà a Torino".

JUVENTUS - "Sono partiti tre giocatori importanti come Pirlo, Tevez e Vidal ed i nuovi si devono inserire. È molto difficile sostituire uno come Andrea. Però l’età alla fine ti condanna e la Juve deve trovare un'alternativa. Penso che Allegri la cercherà tra Hernanes e Marchisio".

PIRLO - "È molto contento. Si trova bene a New York. Lo trattano con i guanti: lui, Lampard e David Villa viaggiano in business mentre tutti gli altri sono in economy...".




Commenta con Facebook