• Atalanta
  • Bologna
  • Cagliari
  • Chievo
  • Crotone
  • Empoli
  • Fiorentina
  • Genoa
  • Inter
  • Juventus
  • Lazio
  • Milan
  • Napoli
  • Palermo
  • Pescara
  • Roma
  • Sampdoria
  • Sassuolo
  • Torino
  • Udinese
  • Champions league
  • Coppa Italia
  • Europa league
  • Italia
  • Lega PRO
  • Serie A
  • Serie B

Calciomercato > Serie A > Serie A, Zamparini: "Juventus la più forte, Dybala lo avrei dato al Milan"

Serie A, Zamparini: "Juventus la più forte, Dybala lo avrei dato al Milan"

Zamparini su Mihajlovic: "E' in credito con me: Berlusconi voleva Conte"


Maurizio Zamparini ©Getty Images
Marco Di Federico

19/09/2015 08:59

MILAN PALERMO ZAMPARINI NEWS SERIE A / MILANO - Alla vigilia della sfida di questa sera del Palermo sul campo del Milan, Maurizio Zamparini ha concesso una lunga intervista alla 'Gazzetta dello Sport' in cui non ha parlato solo della squadra rosanera ma di tutte le ultime news Serie A. Compresa qualche 'confessione' in tema di calciomercato. "Noi ci troviamo meglio con chi vuole imporre il proprio gioco come Milan e Inter, mentre facciamo più fatica contro chi si chiude. La dimostrazione viene dalla gara con il Carpi. Potevamo essere in testa alla classifica. Ma forse è meglio così. - le parole del patron del Palermo - Avrei preferito il Milan alla prima giornata, ora è troppo arrabbiato dopo aver perso male con l'Inter. Mi è sembrato il derby di tanti anni fa: giocava il Milan e vinceva l'Inter. Nonostante Balotelli abbia dimostrato subito quanto vale: è l'unico che può fare la differenza con una giocata. Speriamo, però, dalla prossima partita".

MIHAJLOVIC - "Ha personalità e ambizione per dare un'identità alla squadra. Lo riproporrei ancora a Berlusconi: lui pensava a Conte, ma il serbo era l'unico sulla piazza con le caratteristiche giuste per rilanciare i rossoneri. Ha bisogno di tempo. Anche alla Samp ha impiegato i primi mesi per dare una fisionomia ai blucerchiati. Il meglio è arrivato nella seconda stagione. Comunque sono in credito con lui: visto che ho speso una buona parola per lui, stasera spero non mi affondi".

DYBALA - "Fosse stato per me Paulo sarebbe rossonero, ma ha preferito la Juve. La scelta del ragazzo è stata coraggiosa: il tempo gli darà ragione. Dico solo che nel Milan oggi sarebbe la prima scelta. Sinisa stravede per lui. Quando lo vide la prima volta disse: 'Ma nel Palermo gioca Messi?'".

SCUDETTO - "La Juve è sempre la più attrezzata, anche se Allegri quest'anno ha bisogno di tempo per dare un gioco a una squadra che ha cambiato troppi uomini. E l'impronta di Conte è lontana, ma è importante la svolta di martedì: a Manchester è nata la Juve di Allegri. La Roma mi convince sino ad un certo punto e quel furbacchione di Mancini è partito benissimo anche se l'Inter non è ancora una squadra".

INTER - "L'addio a Fassone è nella logica di chi, come Thohir, vuole puntare sui propri uomini. All'estero si usa così, solo in Italia non gettiamo a mare nessuno. Non dobbiamo aver paura di perdere la nostra identità. L'Inghilterra dimostra che l'arrivo dei nuovi investitori porta denari e idee fresche. I dollari non hanno nazionalità".




Commenta con Facebook