• Atalanta
  • Bologna
  • Cagliari
  • Chievo
  • Crotone
  • Empoli
  • Fiorentina
  • Genoa
  • Inter
  • Juventus
  • Lazio
  • Milan
  • Napoli
  • Palermo
  • Pescara
  • Roma
  • Sampdoria
  • Sassuolo
  • Torino
  • Udinese
  • Champions league
  • Coppa Italia
  • Europa league
  • Italia
  • Lega PRO
  • Serie A
  • Serie B

Calciomercato > Inter > Inter, rebus capitano: a Mancini manca un leader in campo

Inter, rebus capitano: a Mancini manca un leader in campo

Con Ranocchia destinato alla panchina il favorito è Juan Jesus, per il momento. Anche Handanovic e Palacio in lizza. E Icardi...


Andrea Ranocchia © Getty Images
Jonathan Terreni

18/08/2015 12:05

INTER REBUS CAPITANO RANOCCHINA MANCINI / MILANO - Non manca solo il gioco all'Inter di questo precampionato. In vista dell'inizio della stagione ufficiale, domenica prossima contro l'Atalanta a 'San Siro' per la prima giornata di Serie A, Roberto Mancini ha un pensiero in più: chi sarà il capitano della nuova Inter? Le news Inter dicono di una situazione ancora da risolvere. In campo, dal dopo Zanetti, manca un leader vero, carismatico e capace di fortificare in campo e fuori un gruppo in costruzione. Sulla carta il capitano è ancora Andrea Ranocchia, che ha da poco rinnovato anche il suo contratto con i nerazzurri. L'ex Bari però non ha mai convinto e sotto il profilo delle prestazioni e sotto quello caratteriale. Con l'arrivo di Murillo e Miranda, che dovrebbero formare la coppia difensiva centrale, Mancini pare destinato a rilegarlo in panchina. Proprio Miranda, tra i nuovi, potrebbe essere una soluzione da valutare però in corso di stagione.

Nelle ultime uscite in cui Ranocchia non è sceso in campo, la fascia è passata sul braccio di Juan Jesus, adattato da Mancini sulla corsia sinistra in attesa di un colpo dal calciomercato. La sensazione è che quella fascia, sul braccio del brasiliano ci resti ben poco, giusto il tempo di trovare un terzino di ruolo come piace al tecnico di Jesi. E così bisogna andare a vedere chi in nerazzurri ha collezionato più presenze. C'è Guarin, che però è non tra i principali favoriti per un posto da titolare a centrocampo, sempre in bilico tra la permanenza e l'addio. C'è Palacio, ma anche lui sulla carta, dovrebbe giocare meno gare rispetto al passato, soprattutto se dovesse arrivare un altro attaccante. C'è Nagatomo, ormai fuori totalmente dai piani dei nerazzurri e in attesa di essere ceduto per un'offerta giusta, così come Andreolli. Attenzione allora a Icardi, che in corso d'opera potrebbe diventare il vero leader emotivo per tutto l'ambiente soprattutto se a parlare per lui fossero le sue reti. Si potrebbe giocare la fascia con Handanovic, altro probabile candidato.

 




Commenta con Facebook