• Atalanta
  • Bologna
  • Cagliari
  • Chievo
  • Crotone
  • Empoli
  • Fiorentina
  • Genoa
  • Inter
  • Juventus
  • Lazio
  • Milan
  • Napoli
  • Palermo
  • Pescara
  • Roma
  • Sampdoria
  • Sassuolo
  • Torino
  • Udinese
  • Champions league
  • Coppa Italia
  • Europa league
  • Italia
  • Lega PRO
  • Serie A
  • Serie B

Calciomercato > Marchetti > L'Editoriale di Marchetti - Un attaccante, sei squadre: i segreti della trattativa più complicata

L'Editoriale di Marchetti - Un attaccante, sei squadre: i segreti della trattativa più complicata

Consueto appuntamento con il nostro editorialista ed esperto di mercato di Sky Sport 24


Luca Marchetti
Luca Marchetti (@LucaMarchetti)

24/07/2015 16:20

EDITORIALE MARCHETTI CALCIOMERCATO / MILANO - Spesso, in queste nostre chiacchierate di calciomercato, parliamo delle strategie delle grandi. Cerchiamo di trovare indiscrezioni, si creano tormentoni, si fanno ipotesi. Ma in queste ultime settimane un grande protagonista del mercato è Gregoire Defrel. Lo vuole praticamente mezza serie A, il Cesena di Rino Foschi si mette a tavola con tutti. Trova accordi e stringe mani. E lo stesso, parallelamente fa anche il suo agente, Giampiero Pocetta. Si intrecciano storie su di lui, necessità.

Ma perché tutta questa attenzione su questo ragazzo? Intanto perché è forte. Alla sua prima stagione in serie A, con la maglia del Cesena, ha fatto 9 gol e 10 assist, da seconda punta. Poi perché è giovane, visto che ha 24 anni. E poi perché il suo prezzo non è esorbitante (nonostante le due caratteristiche di cui sopra) visto che il Cesena la seconda metà del cartellino l'ha praticamente presa gratis dal fallimento del Parma (anzi a 50mila euro alle buste perché comunque il Cesena ha voluto contribuire al pagamento dei dipendenti gialloblu). E allora: tutti in fila per Defrel. L'ordine cambia in continuazione e non è detto che il giocatore e il Cesena abbiano le stesse intenzioni. La prima a farsi sotto con il francese è stata la Samp. Che però ha offerto meno di tutti: poco più di 4 milioni di euro. E naturalmente per il Cesena non bastano.

I romagnoli avrebbero chiuso la trattativa con il Palermo qualche giorno fa per circa 7 milioni di euro. L'incontro per trovare l'accordo con il giocatore è andato bene, ma la firma non c'è stata ancora. Volete che proseguiamo la lista delle squadre? Eccovi serviti: in seconda posizione in classifica c'è il Bologna che ha bisogno di tutti e due gli attaccanti e che ha individuato proprio in Defrel l'uomo giusto per riempire una delle due caselle. Gli ottimi rapporti fra Foschi e Corvino però non sono bastati ad avere l'accordo completo perché anche il Bologna offre circa 7 milioni di euro, ma strutturati in maniera diversa nei pagamenti (per ragioni di bilancio rossoblu) e questo non è perfetto per il Cesena.

Poi arriva il Torino: 5,5 milioni più il cartellino di Gomis, il portiere che interessa, eccome, a Drago con cui ha lavorato a Crotone due anni fa. Offerta allettante, Ventura allenatore permetterebbe a Defrel di proseguire nel suo processo di crescita. Ma anche qui non è arrivato l'ok definitivo e per Gomis si tratta a parte. Incontri ad oltranza, telefonate infuocate, sorrisi a 32 denti e qualche imprecazione. Perché come se non bastasse tutto questo a creare un'attenzione spasmodica intorno al ragazzo ci sono messi non una ma due guastafeste. Il primo è il Sassuolo che deve sostituire (almeno nel numero) Zaza: pronti 6 milioni di euro come base per convincere il Cesena. Contatti continui, anche adesso. Ma ancora nessuna telefonata con Pocetta.

E poi il Saint Etienne, la pista straniera. Finora è l'offerta più bassa (insieme quella della Samp) ma nelle prossime ore è previsto un nuovo appuntamento con Pocetta. Per capire se è possibile reinserirsi con forza nella corsa a Defrel. Quindi facendo ordine (alfabetico): Bologna, Palermo, Saint Etienne, Sampdoria, Sassuolo, Torino. Defrel e il Cesena, è proprio il caso, hanno l'imbarazzo della scelta. Il mercato finisce fra 40 giorni. Siete sicuri che non si affaccerà nessun'altro? E se voi foste Defrel dove andreste???




Commenta con Facebook