• Atalanta
  • Bologna
  • Cagliari
  • Chievo
  • Crotone
  • Empoli
  • Fiorentina
  • Genoa
  • Inter
  • Juventus
  • Lazio
  • Milan
  • Napoli
  • Palermo
  • Pescara
  • Roma
  • Sampdoria
  • Sassuolo
  • Torino
  • Udinese
  • Champions league
  • Coppa Italia
  • Europa league
  • Italia
  • Lega PRO
  • Serie A
  • Serie B

Calciomercato > Roma > Calciomercato Roma, da Bertolacci a Viviani: storie di Primavera ceduti dai giallorossi

Calciomercato Roma, da Bertolacci a Viviani: storie di Primavera ceduti dai giallorossi

Tanti i giovani cresciuti a Trigoria ceduti dal club capitolino


Aquilani (Getty Images)

01/07/2015 19:02

CALCIOMERCATO ROMA BERTOLACCI VIVIANI OKAKA/ ROMA - Quello della Roma è uno dei settori giovanili più floridi del panorama calcistico italiano: il centro sportivo di Trigoria ha sfornato, negli ultimi anni, talenti del calibro di Francesco Totti, Daniele De Rossi e Alessandro Florenzi. Tre modelli, tre campioni che ce l'hanno fatta, hanno sfondato e sono riusciti ad imporsi con la maglia della prima squadra. Un grande salto che però non a tutti riesce, basti pensare alle recenti cessioni di a titolo definitivo di Andrea Bertolacci al Milan, Federico Viviani al Verona e Lorenzo Pellegrini al Sassuolo. Anche loro, come Totti e De Rossi, si sono 'fatti le ossa' a Trigoria, ma a differenza dei due campioni del mondo, non riusciranno ad imporsi con la Roma dei 'grandi'. Un destino che negli anni, è toccato anche a gente come Daniele Corvia (qualche stagione in prima squadra prima di un lungo peregrinare in giro per l'Italia), Stefano Okaka, Alessio Cerci, Aleandro Rosi, Marco Amelia e Cesare Bovo: giocatori cresciuti a Trigoria ma che hanno trovato gloria solo lontano dalla capitale. Caso a parte, poi, quello di Alberto Aquilani, titolare indiscusso nell'era Spalletti: il centrocampista esplose in giallorosso, venne ceduto per 20 milioni di euro al Liverpool dove faticò a trovare spazio, prima del ritorno in Italia che lo ha portato a vestire le maglie di Juventus, Milan e Fiorentina.

S.F.




Commenta con Facebook