• Atalanta
  • Bologna
  • Cagliari
  • Chievo
  • Crotone
  • Empoli
  • Fiorentina
  • Genoa
  • Inter
  • Juventus
  • Lazio
  • Milan
  • Napoli
  • Palermo
  • Pescara
  • Roma
  • Sampdoria
  • Sassuolo
  • Torino
  • Udinese
  • Champions league
  • Coppa Italia
  • Europa league
  • Italia
  • Lega PRO
  • Serie A
  • Serie B

Calciomercato > Lazio > Lazio, da Gentiletti a Onazi: è la Champions di tutti

Lazio, da Gentiletti a Onazi: è la Champions di tutti

I biancocelesti centrano il terzo posto con il contributo decisivo dei meno impiegati


Eddy Onazi (Getty Images)

02/06/2015 16:44

CALCIOMERCATO LAZIO GENTILETTI ONAZI CHAMPIONS / ROMA - La Lazio si trova a fine stagione a celebrare il terzo posto a un punto dal secondo. Un traguardo storico da imputare a tutta la squadra: come poche altre volte è successo, infatti, quasi ogni elemento della rosa è risultato decisivo per il piazzamento finale. Non c'è da ringraziare solo il grande periodo di forma di Felipe Anderson tra dicembre e aprile: nelle partite decisive, infatti, la Lazio si è trovata a osannare i calciatori meno impiegati.

Dopo le otto vittorie consecutive la Lazio aveva iniziato a perdere terreno: ha perso con la Juventus e non è più riuscita a vincere due partite consecutive. Così i sudatissimi punti finali sono arrivati dagli uomini meno attesi, da coloro che non hanno certo vissuto la stessa stagione dei Candreva e dei Biglia: in primis è stato Santiago Gentiletti, che con la Sampdoria ha segnato proprio con il ginocchio operato nove mesi prima il gol-vittoria risultato poi determinante per questo terzo posto. Poi è stata la volta di Ledesma e Onazi: l'italo-argentino saluta la sua Lazio con un'azione e un assist pesantissimi a Napoli, il nigeriano al suo primo pallone toccato dopo una stagione molto deludente ha praticamente chiuso la bollente partita del San Paolo. Due vittorie delle tre vittorie ottenute negli ultimi due mesi sono dunque state portate proprio dai meno pronosticati della rosa biancoceleste (il terzo successo un rotondo 4-0 sul Parma).

Qualsiasi sia il futuro che attende la Lazio di Pioli, quindi, per l'allenatore c'è una certezza che ha già rimarcato più volte a mezzo stampa: la sicurezza di poter contare veramente su tutti i calciatori, anche coloro che vengono impiegati col contagocce. E nientemeno che nei momenti più importanti della stagione intera.

M.T.




Commenta con Facebook