• Atalanta
  • Bologna
  • Cagliari
  • Chievo
  • Crotone
  • Empoli
  • Fiorentina
  • Genoa
  • Inter
  • Juventus
  • Lazio
  • Milan
  • Napoli
  • Palermo
  • Pescara
  • Roma
  • Sampdoria
  • Sassuolo
  • Torino
  • Udinese
  • Champions league
  • Coppa Italia
  • Europa league
  • Italia
  • Lega PRO
  • Serie A
  • Serie B

Calciomercato > Pagelle > PAGELLE E TABELLINO DI CESENA-CAGLIARI

PAGELLE E TABELLINO DI CESENA-CAGLIARI

Sau regala tre punti ai suoi, Ekdal grande prova. Defrel predica nel deserto


Albin Ekdal (Getty Images)
Attilio Maria Frazzetta

24/05/2015 17:12

ECCO LE PAGELLE DI CESENA-CAGLIARI

 

CESENA

Agliardi 6 - Poco impegnato nel primo tempo, si fa trovare pronto nelle poche occasioni in cui viene chiamato in causa nella ripresa, in particolare su Joao Pedro, Balzano e Farias. Nel finale viene battuto da Sau che regala la vittoria ai sardi.

Volta 5,5 - Bravo a murare un paio di tiri cagliaritani, non spinge mai in avanti sulla sua corsia di competenza e non trasmette sicurezza ai compagni di reparto.

Lucchini 5,5 - Si perde spesso la marcatura di Farias e viene ammonito proprio per un fallo sul numero undici rossoblu. Disattento in più di un frangente, una gara da dimenticare.

Kranjc 5,5 - Si fa vedere in area avversaria con un colpo di testa, mentre nella sua area è disattento e concede sempre troppo spazio alle conclusioni avversarie.

Renzetti 6 - Cerca di proporsi in avanti, ma è meglio in fase di copertura. Vista la magra posta in palio, potrebbe osare un po' di più.

Cascione 5 - Il peggiore. Il mediano perde molti palloni ed è inghiottito dalla mediana rossoblù. Si fa ammonire nella ripresa, certificando una prestazione nervosa e al di sotto delle sue solite buone prove in mezzo al campo. Finale di stagione in calando, nonostante il posto da titolare ritrovato da qualche giornata.

De Feudis 6 - Ammonito nei primi minuti per un fallo su Ekdal, il giallo ne condiziona la gara. Ma ci mette tanta sostanza e quantità in mezzo al campo che gli valgono la sufficienza.

Tabanelli 6,5 -  Il  migliore. A volte la sua irruenza va a discapito della qualità delle sue giocate, ma ha tanta voglia e si vede dal dinamismo e dalla grinta. Va vicino al gol con una bella punizione dai 25 metri, che si spegne sul fondo di poco. Si fa male all'inizio della ripresa, torna in campo ma dopo pochi minuti è costretto a lasciare il campo. Dal 74' Zè Eduardo 6 - Ordinaria amministrazione a centrocampo, senza alcun acuto.

Brienza 5,5 - Il tocco di palla è sempre sublime, ma questa volta il fantasista bianconero non riesce ad essere pungente come suo solito, leggermente appannato.

Dalmonte 6 - Il giovanissimo classe '97 ci mette tanta voglia e riesce spesso a proporsi in avanti, cercando senza fortuna la porta. Bravo anche nei ripiegamenti difensivi. Dal 62' Djuric 6 - Di Carlo lo manda in campo per sbloccare il risultato, e lui si impegna molto pur senza trovare la rete decisiva.

Defrel 6 - Il francesino ha giocato partite migliori, come ad esempio quella di Napoli della scorsa settimana. Tuttavia è uno dei pochi ad impegnare Brkic che è bravo sul finale del primo tempo a respingere la conclusione dal limite del numero 92. Dall'88' Rodriguez s.v.

All. Di Carlo 6 - Ultima gara casalinga, saluta il pubblico cesenate con una sconfitta nel finale che è indolore ma sicuramente poco gradita dai supporters bianconeri. Lancia dal primo minuto Dalmonte, caricando sulle spalle di Defrel il peso dell'intero attacco. Nonostante la retrocessione, bisogna comunque  fare i complimenti a Di Carlo che ha sempre dimostrato serietà e onestà, riconoscendo i limiti della propria squadra, che non sono pochi: un atteggiamento da  vero professionista.

 

CAGLIARI

Brkic 6,5 - Non ha molte occasioni per mettersi in luce, ma è molto bravo a farsi trovare pronto sulla botta da fuori di Defrel sul finale della prima frazione e replica nella ripresa sempre su Defrel.

Balzano 6 - Soffre un po' nel primo tempo le discese delle punte bianconere, cresce nel secondo tempo provando anche a concludere in un paio di circostanze trovando Agliardi sulla sua strada.

Capuano 6 - Meno brillante rispetto al collega di reparto, chiude bene gli spazi e mantiene alta la linea difensiva senza troppe preoccupazioni.

Rossettini 6,5 - Prestazione al di sopra della sufficienza, anche se gli attaccanti avversari non lo attaccano quasi mai. Si fa trovare pronto anche nell'area avversaria riuscendo a concludere due volte, senza precisione.

Murru 6 - Sostituisce l'acciaccato Avelar, gioca una gara disciplinata sulla corsia mancina, arrivando anche sul fondo senza tuttavia mettere palloni seriamente pericolosi per la difesa bianconera.

Joao Pedro 5,5 - Troppi passaggi sbagliati, ha le qualità per fare meglio, anche se forse è la posizione leggermente arretrata a penalizzarne la prestazione. Dal 73' Barella 6 - Ci prova con una gran botta, ma trova i pugni di Agliardi a respingere il suo tentativo.

Crisetig 6 - Festa gli affida la regia e lui riesce a distribuire palloni in mezzo al campo, con qualche apertura intelligente, anche se a volte potrebbe velocizzare un po' le sue geometrie.

Ekdal 7- Il migliore. Il più vivace dei cagliaritani, lo svedese gioca un ottimo primo tempo con inserimenti sempre puntuali e palloni interessanti per i compagni, senza mollare mai su nessun pallone e proponendosi sempre in avanti. Provoca l'ammonizione di un paio di avversari grazie alla sua intelligenza tattica. Suo il filtrante per la rete decisiva di Sau.

M'poku 6,5 - Molto vivace, prova ad illuminare la manovra cagliaritana, riuscendo spesso a saltare l'uomo e creare superiorità numerica, anche se arriva poco alla conclusione diretta, e quando lo fa pecca di precisione. Dall'88' Longo s.v.

Farias 6 - Prova ad orchestrare il contropiede rossoblù, ma non è ben accompagnato dai compagni di reparto. Tanta corsa e buona volontà, e nonostante qualche conclusione,  manca il guizzo decisivo sotto porta.

Cop 5 - Il peggiore. L'attaccante croato scelto come riferimento centrale dell'attacco rossoblù non impensierisce mai la difesa cesenate. Era arrivato in Sardegna con ben altre aspettative, ma anche oggi la sua gara è al di sotto della sufficienza e Festa lo sostituisce ad inizio ripresa. Dal 62' Sau 6,5 - Entra per dare la scossa e nel finale trova la zampata vincente anticipando Agliardi e mettendo la palla in rete, regalando 3 punti ai suoi.

All. Festa 6 - Dopo aver affermato di voler rimanere sulla panchina rossoblù anche nella serie cadetta, Festa prova a finire la stagione al terz'ultimo posto, una magra consolazione per una piazza abituata ad un altro palcoscenico. Riesce nell'intento con una vittoria nel finale grazie a Sau che trova il guizzo decisivo nel secondo minuto di recupero, dopo una prestazione complessiva comunque positiva.

Arbitro: Abbattista 6 - Dopo tante gare nelle vesti di addizionale di porta, arriva il primo arbitraggio stagionale per Il fischietto di Molfetta, che ben figura in una partita tra due squadre oramai retrocesse. Partita corretta e non difficile da gestire, ma è bravo nel primo tempo ad ammonire prima De Feudis per una trattenuta reiterata su Ekdal, poi Lucchini reo di aver fermato Farias lanciato in contropiede.

 

TABELLINO:

CESENA-CAGLIARI 0-1

Cesena (4-2-3-1): Agliardi; Volta, Lucchini, Kranjc, Renzetti; Cascione, De Feudis ; Tabanelli (dal 74' Zè Eduardo), Brienza, Dalmonte (dal 62' Djuric); Defrel (dall'88' Rodriguez). A disp. Leali, Bressan; Nica, Capelli, Magnusson, Mordini, Mudingay, Moncini, Succi. All. Mimmo Di Carlo.

Cagliari: (4-3-1-2): Brkic; Balzano, Capuano, Rossettini, Murru; Joao Pedro (dal 73' Barella), Crisetig, Ekdal; M'poku (dall'88' Longo); Farias, Cop (dal 62' Sau). A disp: Cragno; Diakitè, Gonzalez, Avelar, Ceppitelli, Dessena. All. Gianluca Festa

Arbitro: Eugenio Abbattista di Molfetta.

Marcatori: 90' + 2' Sau (CA)

Ammoniti: 15' De Feudis (CE), 39' Lucchini (CE), 67' Cascione (CE)

Espulsi:




Commenta con Facebook