• Atalanta
  • Bologna
  • Cagliari
  • Chievo
  • Crotone
  • Empoli
  • Fiorentina
  • Genoa
  • Inter
  • Juventus
  • Lazio
  • Milan
  • Napoli
  • Palermo
  • Pescara
  • Roma
  • Sampdoria
  • Sassuolo
  • Torino
  • Udinese
  • Champions league
  • Coppa Italia
  • Europa league
  • Italia
  • Lega PRO
  • Serie A
  • Serie B

Calciomercato > Champions league > Juventus-Monaco, Jardim: "Loro più forti dell'Arsenal. Giochiamo all'italiana"

Juventus-Monaco, Jardim: "Loro più forti dell'Arsenal. Giochiamo all'italiana"

Calciomercato.it ha seguito le dichiarazioni degli avversari dei bianconeri


Jardim e Raggi (Getty Images)
Matteo Torre (@torrelocchetta)

13/04/2015 17:15

JUVENTUS MONACO JARDIM CONFERENZA STAMPA / TORINO - Nella pancia dello 'Juventus Stadium' è andata in scena la conferenza stampa dell'allenatore del Monaco, Leonardo Jardim. Calciomercato.it ha seguito in diretta per voi le dichiarazioni degli avversari bianconeri in Champions League.

Prende la parola l'allenatore portoghese Jardim: "Noi meritiamo questi quarti di finale, abbiamo chiuso la Fase a gironi da capolista. La Juve è favorita e per qualità e per esperienza: ha calciatori per cui parla il curriculum. Faremo il nostro gioco rispettando totalmente l'avversario e cercando di centrare un grande obiettivo. Quest'anno la Juve è più forte dell'Arsenal: i bianconeri sono ai quarti di Champions, i 'Gunners' no".

MARTIAL - "Ha diciannove anni, è ancora giovane. E' migliorato tantissimo quest'anno e ha ancora grandi margini di miglioramento".

DIRAR - "E' un giocatore importante sia in campionato che in Champions League. Lavora tanto sotto il profilo dell'intensità, sempre presente a centrocampo. Rappresenta un valore sicuro e potrà fare la differenza domani".

TEVEZ - "Trattamento speciale per lui? E' il capocannoniere della Serie A e ha enorme qualità, nonché grande esperienza. Dovremo tenere gli occhi ben aperti con lui, ma la Juventus non è solo Tevez".

MONACO ALL'ITALIANA - "Noi diamo grande attenzione ai compiti offensivi e difensivi. Si può dire che giochiamo all'italiana sotto il profilo dell'organizzazione in campo, dell'atteggiamento in fase di non possesso palla".




Commenta con Facebook