• Atalanta
  • Bologna
  • Cagliari
  • Chievo
  • Crotone
  • Empoli
  • Fiorentina
  • Genoa
  • Inter
  • Juventus
  • Lazio
  • Milan
  • Napoli
  • Palermo
  • Pescara
  • Roma
  • Sampdoria
  • Sassuolo
  • Torino
  • Udinese
  • Champions league
  • Coppa Italia
  • Europa league
  • Italia
  • Lega PRO
  • Serie A
  • Serie B

Calciomercato > esclusivo > Genoa, ESCLUSIVO Tavano su futuro De Maio e sul caso oriundi

Genoa, ESCLUSIVO Tavano su futuro De Maio e sul caso oriundi

Calciomercato.it ha contattato in esclusiva l'agente Fifa


Sebastian De Maio ©Getty Images
ESCLUSIVO
Michele Furlan ed Eleonora Trotta (Twitter: @eleonora_trotta)

25/03/2015 15:30

CALCIOMERCATO GENOA ESCLUSIVO TAVANO DE MAIO ORIUNDI / ROMA - L'ottima stagione del Genoa di Gian Piero Gasperini è dovuta anche alla solidità difensiva, con il terzetto formato da Roncaglia, Burdisso e De Maio che sta ben figurando. Il centrale italo-francese, in particolare, sta rubando l'occhio per qualità e costanza nelle prestazioni. Il suo agente Diego Tavano è intervenuto in esclusiva ai microfoni di Calciomercato.it per parlare del futuro del giocatore. Queste le parole di Tavano: "Il suo futuro è a Genova, sta benissimo ed è stimatissmo da società, allenatore e compagni. Per ora è lì poi se il mercato ci darà qualche opportunità interessante la valuteremo". Tavano, ex nazionale di calcio a 5 e campione d'Italia, ha parlato anche del suo assistito in chiave 'oriundi', tema molto caldo in questi giorni: "Ci sono oriundi che veramente ci tengono, come De Maio che vive da 11 anni in Italia, ha una moglie italiana e una figlia nata e cresciuta qui e sente questo Paese come casa sua. E' un caso interessante in cui c'è condivisione".

ESPERIENZA CALCIO A 5 E POSSIBILE SOLUZIONE - Tavano, da ex Nazionale di calcio a 5, ha parlato dell'esperienza con gli oriundi nel suo sport e di una possibile soluzione da adottare: "Sono stato in Nazionale ed era un argomento molto sensibile fino a qualche tempo fa. Nel mio periodo 'purtroppo' gli oriundi hanno chiuso la strada a noi italiani, anche i più importanti hanno collezionato non troppe presente in Nazionale. C'è stata un'esagerazione: una volta addirittura su 14 giocatori convocati ce n'erano solo 2 di italiani. C'è stata difficoltà perché in tutto ci deve essere un equilibrio. Ci dev'essere un limite: ad esempio su 22 convocabili ci dovrebbero essere 4 oriundi e il problema non esisterebbe, se a tutto ci fosse un limite sarebbe perfetto, inficiando una piccola percentuale non ci sarebbero problemi". 




Commenta con Facebook