• Atalanta
  • Bologna
  • Cagliari
  • Chievo
  • Crotone
  • Empoli
  • Fiorentina
  • Genoa
  • Inter
  • Juventus
  • Lazio
  • Milan
  • Napoli
  • Palermo
  • Pescara
  • Roma
  • Sampdoria
  • Sassuolo
  • Torino
  • Udinese
  • Champions league
  • Coppa Italia
  • Europa league
  • Italia
  • Lega PRO
  • Serie A
  • Serie B

Calciomercato > Milan > Fiorentina-Milan, Inzaghi: "Meritavamo di vincere. Futuro? Non ho bisogno di rassicurazioni"

Fiorentina-Milan, Inzaghi: "Meritavamo di vincere. Futuro? Non ho bisogno di rassicurazioni"

Le parole del tecnico rossonero al termine della sfida persa al 'Franchi'


Filippo Inzaghi (Getty Images)
Lorenzo Polimanti (@oldpoli)

16/03/2015 21:48

FIORENTINA MILAN INZAGHI / FIRENZE - Rodriguez, poi Joaquin: Milan affondato dopo il vantaggio di Destro. Il tecnico rossonero Filippo Inzaghi, al termine della sfida con la Fiorentina, ha parlato ai microfoni di 'Sky': "Crisi senza fine? Secondo me siamo tornati a giocare come all'inizio della stagione. Ho rivisto il mio Milan. Dovevamo fare prima il 2-0, meritavamo di segnare due o tre gol all'inizio. Non puoi permetterti di tenere aperta una partita contro una squadra come la Fiorentina. Dispiace, ma dobbiamo guardare anche la prestazione, anche se i tre punti sarebbero stati molto importanti anche per il morale. Non posso dir niente alla mia squadra".

Inzaghi, poi, prosegue: "Io sono molto tranquillo. Ho preparato molto bene la squadra in settimana, lo avete visto che hanno dato tutto e penso siano tutti d'accordo se dico che meritavamo di vincere. Se perdi una partica così ti arrabbi ancora di più. Dobbiamo essere più cattivi, questa è la pecca. Il 4-3-3 è il mio sistema ideale, ci credo molto. Fondamentale, però, è l'atteggiamento dei ragazzi. E' dura da digerire, ma dobbiamo andare avanti. Avremo tanti ricambi dalla prossima settimana. Giocando così qualche soddisfazione ce la toglieremo. Il risultato è l'unica cosa negativa questa sera, anche se è importante. Ho pensato di mettere anche Cerci per fare il secondo gol perché speravo di raddoppiare".

La chiosa è sul suo futuro: "Non ho bisogno di raccomandazioni. Ho il contratto e le decisioni toccano alla dirigenza. Non ho bisogno di rassicurazioni da nessuno, io devo guadagnarmi la fiducia con risultati diversi da questi. Voglio fare questo lavoro per 30 anni. Vado avanti giorno dopo giorno. Il Milan è il club che mi ha dato tanto e spero di restare il più a lungo possibile. Se mi terrano, bene. Altrimenti andrò avanti a testa alta". 




Commenta con Facebook