• Atalanta
  • Bologna
  • Cagliari
  • Chievo
  • Crotone
  • Empoli
  • Fiorentina
  • Genoa
  • Inter
  • Juventus
  • Lazio
  • Milan
  • Napoli
  • Palermo
  • Pescara
  • Roma
  • Sampdoria
  • Sassuolo
  • Torino
  • Udinese
  • Champions league
  • Coppa Italia
  • Europa league
  • Italia
  • Lega PRO
  • Serie A
  • Serie B

Calciomercato > Pagelle > PAGELLE E TABELLINO DI SAMPDORIA-GENOA

PAGELLE E TABELLINO DI SAMPDORIA-GENOA

Eder decisivo in casa doriana, Regini rischia grosso. Per gli "ospiti" disastro Roncaglia, bene Iago e Bertolacci


Eder (Getty Images)
Antonio Papa (Twitter: @antoniopapapapa)

24/02/2015 20:37

PAGELLE E TABELLINO DI SAMPDORIA-GENOA / GENOVA - Ecco i voti del derby fra Sampdoria e Genoa, partita di Serie A. 

 

SAMPDORIA

Viviano 6 - Lui è un emotivo, sente questo derby in maniera particolare e si vede dal modo in cui si arrabbia sul gol genoano e per come esulta sulla rete di Eder. Sul tap-in di Falque però è colpevole, perché si lascia superare dal pallone con troppa facilità. Si riabilità alla grande al minuto 94, con un miracolo autentico che tiene il risultato bloccato sul pareggio. 

De Silvestri 5,5 - A proposito del gol di Iago, lì l'errore è suo, perché si dimentica dello spagnolo e lo lascia libero di concludere. Generoso come sempre, in quell'azione però la macchia è grossa. 

Silvestre 6,5 - Duello sulla velocità e sul fisico con Niang, che da quelle parti non riesce a trovare sbocchi. Non gli si può contestare nulla. 

Romagnoli 6,5 - Il fatto che per vie centrali il Genoa non riesca proprio a sfondare e deve puntare sulle linee esterne è esemplificativo del suo lavoro. Poche sbavature anche per lui. 

Regini 5,5 - Interventi durissimi, discreta propositività in avanti, ma è dal suo lato che il Genoa sfonda di più. A un certo punto Gasperini lo vede talmente in difficoltà che gli piazza sia Iago che Perotti. Rischia grosso nel finale con quel fallo che stava per costargli l'incolumità fisica: il suo allenatore lo aggredisce in diretta tv e per poco non gli stacca la testa. 

Acquah 6,5 - Grande generosità, corre come un matto e va a chiudere ogni spazio possibile. Vince ai punti il duello con Kucka. 

Palombo 6 - Non sempre preciso nei passaggi, ci mette però il solito cuore. Dà tutto per oltre un'ora, poi Mihajlovic lo toglie dal campo, visibilmente spompato. (Dal 20' st Duncan 6 - Anche lui fa il suo, contribuisce a ridare freschezza ad un centrocampo in quel momento in debito di ossigeno).

Obiang 6 - In mezzo al campo è un leader, smista il pallone e contribuisce a far filtro senza tirare mai il fiato. Prende anche la fascia di capitano dopo l'uscita di Palombo. 

Soriano 6 - Effettua un prezioso lavoro di raccordo fra il centrocampo e l'attacco, contribuendo a creare superiorità numerica in mediana, ma in avanti non incide più di tanto.  (Dal 28 st Muriel sv)

Okaka 5,5 - Sbaglia un gol clamoroso praticamente a porta vuota, mandando il pallone in curva. Nella ripresa prova degli espedienti non del tutto ortodossi per portare a casa la pagnotta, come la simulazione di gomitata in uno scontro con De Maio. Non proprio il modo migliore per lasciare il segno nel match. 

Eder 7 - Sguscia come un'anguilla appena gli si lascia un metro, e lo dimostra alla perfezione sul gol che vale il pareggio doriano. L'errore di Roncaglia è marchiano, ma lui è freddissimo a recuperare palla e a trovare un angolo non semplicissimo. Letale. (Dal 38' st Eto'o sv)

All. Mihajlovic 6,5 - Dimenticate la Samp frizzante di inizio stagione: questa qui è prudente, cattiva, molto più tignosa di prima. Ma lui vuole vincerla e si vede dai cambi che fa nel finale. Comunque nel complesso il pareggio sta bene ad entrambe. Curioso l'episodio al triplice fischio, un finale cruento in cui per poco non ammazza Regini, che ingenuamente aveva causato il fallo dell'ultima azione. Puro Sinisa.  


GENOA 

Perin 6 - Sul gol di Eder lascia giusto uno spiraglio che però il brasiliano imbrocca alla perfezione. Si immola nel finale su Obiang, ipnotizzando lo spagnolo.

Roncaglia 5 - Lo strafalcione che vale il gol di Eder è un mix di supponenza, mancanza di concentrazione e reattività difettosa. Non sbaglia più molto nel corso del match, ma è un episodio che pesa come un macigno. 

Burdisso 6,5 - Leader difensivo con tanto di fascia al braccio, detta i tempi della terza linea e si propone spesso in avanti.  

De Maio 6,5 - Il centro-sinistra è la sua zona di competenza, che presidia tenendo a bada sia De Silvestri che Okaka, quando gravita da quella parte. Prestazione decisa. 

Rincon 6,5 - Le prende e le dà, è spesso a terra dopo qualche scontro cruento con un avversario. Giocatore preziosissimo, la sua presenza dà grande equilibrio tattico. 

Bertolacci 7 - Quando non salta l'uomo per creare superiorità riesce a giocare sempre a uno-due tocchi, senza mai buttare via un pallone. Fa il regista ma corre come un mediano, ha la testa di un taglialegna e i piedi di velluto. Deve correggere qualche problema a livello di continuità: se lo fa è il centrocampista universale. 

Kucka 5,5 - Efficace in interdizione, palesemente in difficoltà quando deve impostare. La confusione a centrocampo gli giova e anzi gli fa perdere qualche tempo di gioco. 

Edenilson 6 - A sinistra, poi a destra, poi centrale. La sua duttilità è fondamentale per Gasperini, che senza Antonelli adesso non ha più molti esterni che sappiano fare bene la doppia fase. Non eccelle ma il suo lo fa sempre. (Dal 30' st Bergdych sv)

Iago Falque 7 - Pericoloso su punizione, letale negli inserimenti sott'acqua. Il primo gol della partita non poteva che essere il suo, e fanno 6. La rivelazione, la scoperta di Gasperini di questa splendida stagione genoana. (Dal 42' st Izzo sv)

Niang 6,5 - Chiamarlo centravanti vuol dire non riconoscergli l'enorme movimento che fa da un lato all'altro del campo, senza mai dare punti di riferimento agli avversari. Si allarga spesso e volentieri come dimostra l'assist a Iago, arrivato praticamente da fondocampo. (Dal 35' st Borriello sv)

Perotti 6 - Non di certo la sua migliore partita, si fa coinvolgere poco nel gioco rossoblu ma si fa un mazzo così in copertura. Lavoro oscuro che in un derby dove spesso saltano gli schemi è molto importante. 

All. Gasperini 6,5 - Che bello questo Genoa, quando stende per intero la sua manovra burrosa potrebbe avvolgere chiunque. Punito da un errore individuale di Roncaglia, per il resto della gara comunque la Samp prende le misure ed inizia una partita in equilibrio assoluto. Pareggio meritato. 


Arbitro Rocchi 6 - Arbitra all'inglese una partita naturalmente ruvida ma corretta, salvo qualche eccesso di agonismo punito con il cartellino giallo. Dirige bene il traffico. 

 

TABELLINO 

SAMPDORIA-GENOA 1-1

SAMPDORIA (4-3-1-2): Viviano; De Silvestri, Silvestre, Romagnoli, Regini; Acquah, Palombo (dal minuto 66 Duncan), Obiang; Soriano (dal minuto 73 Muriel); Eder (dal minuto 84 Eto'o), Okaka. A disp.: Romero, Frison, Coda, Mesbah, Marchionni, Wszolek, Correa, Djordjevic, Bergessio. All.: Mihajlovic 

GENOA (3-4-3): Perin; Roncaglia, Burdisso, De Maio; Rincon, Bertolacci, Kucka, Edenilson (dal minuto 75 Bergdich); Iago Falque (dal minuto 88 Izzo), Perotti, Niang (dal minuto 81 Borriello). A disp.: Lamanna, Sommariva, Tambe, Mandragora, Laxalt, Lestienne, Pavoletti. All.: Gasperini
Arbitro: Rocchi
Marcatori: 17' Iago (G), 19' Eder (S)
Ammoniti: Viviano (S), Roncaglia (G), Soriano (S), Eder (S), Obiang (S)

 

 




Commenta con Facebook