• Atalanta
  • Bologna
  • Cagliari
  • Chievo
  • Crotone
  • Empoli
  • Fiorentina
  • Genoa
  • Inter
  • Juventus
  • Lazio
  • Milan
  • Napoli
  • Palermo
  • Pescara
  • Roma
  • Sampdoria
  • Sassuolo
  • Torino
  • Udinese
  • Champions league
  • Coppa Italia
  • Europa league
  • Italia
  • Lega PRO
  • Serie A
  • Serie B

Calciomercato > Benessere > Salute, per dimagrire c’è un alleato in più: il respiro

Salute, per dimagrire c’è un alleato in più: il respiro

Intanto la Corte di giustizia Europea stabilisce che l’obesità “può costituire una disabilità”


A tavola (Getty Images)

18/12/2014 16:08

SALUTE DIMAGRIRE RESPIRADO STUDIO / ROMA - Dimagrire e perdere i chili di troppo? Basta con diete ferree e ore trascorse in palestra, per rimettersi in forma potrebbe bastare il respiro. Secondo quanto hanno affermato i ricercatori della University of New South Wales, in Australia, a giocare un ruolo fondamentale sarebbero i polmoni che, attraverso l’espirazione, contribuiscono a rilasciare oltre l’80% del grasso presente nel corpo. Chi vorrà smaltire gli eccessi tipici del periodo di Natale potrebbe disporre quindi di una potenziale arma in più.

LO STUDIO – Secondo la ricerca, il grasso corporeo risulta espulso dal corpo in via principale tramite i polmoni. Questo avviene perché il grasso, presente nel sangue in forma di trigliceridi, è composto da tre tipi di atomi, il carbonio, l’idrogeno e l’ossigeno, che per essere espulsi dall’organismo devono prima essere scomposti attraverso un processo di ossidazione. In base ai calcoli effettuati ogni 10 kg di grasso corporeo eliminato circa 8,4 vengono espulsi attraverso i polmoni sotto forma di CO2, mentre gli altri 1,6 si trasformano in acqua.

I COMMENTI – Gli autori principali dello studio, il Dr. Ruben Meerman e il Dr. Andrew Brown hanno spiegato: “Niente di tutto questo risulta nuovo nella biochimica, ma per ragioni sconosciute sembra che nessuno abbia pensato di realizzare questi calcoli prima d’ora. Le quantità hanno perfettamente senso, ma siamo stati sorpresi dai numeri emersi. Questi risultati hanno mostrato che i polmoni sono il principale organo di espulsione per la perdita di peso. L’acqua formata può essere eliminata attraverso urina, feci, sudore, lacrime e altri fluidi corporei ed è prontamente rimpiazzata. L’anidride carbonica esalata può soltanto essere rimpiazzata attraverso l’assunzione di cibo o il consumo di bevande come il latte, i succhi di frutta o le bibite zuccherate. Prestare molta attenzione al tipo e alla quantità di cibo ingerito (evitando eccessi o cibo spazzatura) può quindi rivelarsi la chiave per dimagrire, insieme con una corretta attività fisica, per perdere il peso di troppo e tornare in forma. L’attività fisica come strategia per la perdita di peso è quindi facilmente ostacolato da anche piccole assunzioni di cibo in eccesso - hanno concluso i due autori dello studio, pubblicato sul British Medical Journal - Perdere peso richiede lo sblocco dell’anidride carbonica immagazzinata nelle cellule di grasso”.

OBESITA’ E DISABILITA’ – Secondo la Corte di giustizia Europea l’obesità “può costituire una disabilità”. Lo hanno stabilito i giudici chiamati a pronunciarsi sul caso di un baby-sitter, un uomo che pesa 160 chili, che sostiene di essere stato licenziato perché troppo grasso. L’obesità, hanno spiegato i giudici, può costituire un handicap secondo il diritto europeo infatti “se essere grassi ostacola la piena ed effettiva partecipazione al lavoro allora l’obesità può essere ritenuta una disabilità” . Cosa cambia in concreto? Le aziende dovranno trattare i lavoratori obesi come disabili fornendo loro sedie più grandi, spazi speciali, parcheggi e strutture adeguate. Questa, in sintesi, la conclusione della Corte Ue: “Sebbene nessun principio generale del diritto dell’Unione vieti, di per sé, le discriminazioni fondate sull’obesità, questa condizione rientra nella nozione di 'handicap' nel momento in cui impedisce, a talune condizioni, la piena ed effettiva partecipazione della persona alla vita professionale su base di uguaglianza con gli altri lavoratori”. La Corte europea ha rifiutato però di definire il livello di indice di massa corporea, la misura utilizzata per calcolare il grado di obesità di un individuo, che sarebbe necessaria per classificare una persona come disabile, stabilendo che la decisione di chi è “gravemente obeso” verrà presa caso per caso.

S.C.




Commenta con Facebook